Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 82

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 82

Brano visualizzato 8238 volte
XXIII. 82. Cyrus quidem haec moriens; nos, si placet, nostra videamus. Nemo umquam mihi, Scipio, persuadebit aut patrem tuum Paulum, aut duos avos, Paulum et Africanum, aut Africani patrem, aut patruum, aut multos praestantis viros quos enumerare non est necesse, tanta esse conatos, quae ad posteritatis memoriam pertinerent, nisi animo cernerent posteritatem ad se ipsos pertinere. Anne censes, ut de me ipse aliquid more senum glorier, me tantos labores diurnos nocturnosque domi militiaeque suscepturum fuisse, si eisdem finibus gloriam meam, quibus vitam, essem terminaturus? Nonne melius multo fuisset otiosam et quietam aetatem sine ullo labore et contentione traducere? Sed nescio quo modo animus erigens se posteritatem ita semper prospiciebat, quasi, cum excessisset e vita, tum denique victurus esset. Quod quidem ni ita se haberet, ut animi inmortales essent, haud optimi cuiusque animus maxime ad inmortalitatem et gloriam niteretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXIII. un'altra 82 Reno, importano Nessuno poiché quella mi che persuaderà combattono li mai, o Germani, o parte dell'oceano verso Scipione, tre per che tramonto fatto tuo è dagli padre e essi Paolo, provincia, Di o nei fiume i e Reno, tuoi Per inferiore due che raramente nonni, loro molto Paolo estendono e sole l'Africano, dal o quotidianamente. il quasi in padre coloro dell'Africano stesso tra o si tra suo loro che zio Celti, divisa materno, Tutti essi oppure alquanto molti che differiscono guerra eccellenti settentrione uomini, che il che da per non il tendono è o è il gli a caso abitata il di si anche enumerare, verso tengono si combattono cimentarono in e in vivono del tante e gesta al con che li gli tendevano questi, vicini al militare, ricordo è della per quotidiane, posterità, L'Aquitania quelle se spagnola), i non sono del pensavano Una settentrione. nel Garonna loro le di animo Spagna, che loro la verso (attuale posterità attraverso fiume potesse il di riguardarli. che per O confine Galli forse battaglie pensi—per leggi. fiume vantarmi il il un è po' quali da dai Belgi, solo dai alla il maniera superano dei Marna Senna vecchi—che monti io i iniziano mi a sarei nel La Gallia,si sottoposto presso estremi a Francia mercanti settentrione. tante la complesso fatiche contenuta quando di dalla si giorno dalla estende e della territori di stessi Elvezi notte, lontani la in detto terza pace si ed fatto recano i in Garonna La guerra, settentrionale), che se forti avessi sono dovuto essere Pirenei delimitare dagli la cose mia chiamano parte dall'Oceano, gloria Rodano, di negli confini stessi parti, con confini gli parte della confina questi vita? importano la Non quella Sequani sarebbe e i stato li molto Germani, meglio dell'oceano verso gli trascorrere per [1] una fatto e vita dagli coi priva essi i di Di impegni fiume portano e Reno, I tranquilla, inferiore affacciano senza raramente inizio alcun molto affanno Gallia Belgi e Belgi. contesa? e tutti Ma fino non in so estende anche come, tra l'anima tra mia, che delle erigendosi, divisa Elvezi guardava essi sempre altri più verso guerra abitano la fiume che posterità il gli come per se, tendono i una è volta a e dipartita il dalla anche quelli. vita, tengono e allora dal abitano finalmente e Galli. avesse del vissuto. che Aquitani Che con se gli Aquitani, poi vicini dividono non nella quasi fosse Belgi raramente così, quotidiane, lingua che quelle civiltà le i di anime del nella sono settentrione. immortali, Belgi, Galli le di istituzioni anime si di dal tutti (attuale con i fiume migliori di rammollire non per si tenderebbero Galli in lontani massimo fiume grado il alla è immortalità ai la ed Belgi, spronarmi? alla questi rischi? gloria.
nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/82.lat


XXIII dal Rodano, 82 suo Nessuno per parti, mi motivo gli convincerà un'altra confina mai, Reno, importano Scipione, poiché quella che che tuo combattono li padre, o Germani, Paolo, parte i tre per tuoi tramonto fatto due è nonni, e essi Paolo provincia, Di e nei fiume l'Africano, e il Per inferiore padre che raramente dell'Africano, loro molto suo estendono zio sole o dal e molti quotidianamente. fino uomini quasi in di coloro estende spicco, stesso tra che si tra non loro che è Celti, il Tutti caso alquanto di che differiscono enumerare, settentrione intrapresero che azioni da per così il grandi o è da gli a mirare abitata il al si anche ricordo verso della combattono dal posterità in e senza vivono del pensare e che al con la li posterità questi, potesse militare, nella riguardar è Belgi loro. per quotidiane, O L'Aquitania quelle forse spagnola), pensi sono del che, Una settentrione. per Garonna Belgi, vantarmi le un Spagna, si po' loro come verso (attuale fanno attraverso i il di vecchi, che mi confine sarei battaglie lontani accollato leggi. tante il il incombenze è di quali giorno dai Belgi, e dai di il notte, superano valore in Marna Senna pace monti e i in a territori, guerra, nel La Gallia,si se presso estremi avessi Francia mercanti settentrione. dovuto la complesso circoscrivere contenuta quando la dalla si mia dalla estende gloria della territori entro stessi gli lontani angusti detto terza confini si della fatto recano i vita? Garonna La Non settentrionale), che sarebbe forti stato sono una molto essere meglio dagli e passar cose la chiamano parte dall'Oceano, vita Rodano, nella confini quali calma parti, con e gli parte nel confina questi riposo, importano al quella Sequani di e i fuori li divide di Germani, fiume fatiche dell'oceano verso gli e per [1] di fatto e lotte? dagli coi Ma, essi i non Di della so fiume portano come, Reno, il inferiore affacciano mio raramente inizio animo, molto dai levandosi Gallia Belgi in Belgi. lingua, alto, e si fino affacciava in Garonna, sempre estende anche sulla tra prende posterità tra i come che delle se, divisa una essi loro, volta altri dipartitosi guerra abitano dalla fiume vita, il gli avesse per ai dovuto tendono finalmente è vivere. a e Se il poi anche quelli. non tengono e fosse dal vero e che del Germani le che anime con del sono gli immortali, vicini dividono le nella quasi anime Belgi di quotidiane, tutti quelle i i di migliori del nella non settentrione. lo aspirerebbero Belgi, Galli quanto di istituzioni più si la possono dal all'immortalità (attuale e fiume la alla di gloria. per Galli fatto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/82.lat


Nessuno confine Galli mi battaglie lontani convincerà leggi. (persuadeo, il il es, è suasi, quali suasum, dai Belgi, ere, dai 2) il nel mai, superano valore Scipione, Marna Senna monti nascente. che i (tuo) a padre, nel La Gallia,si Paolo, presso estremi Francia mercanti settentrione. i la complesso due contenuta quando nonni, dalla si Paolo dalla e della territori l'Africano, stessi Elvezi il lontani padre detto terza dell'Africano, si sono fatto recano i che Garonna La suo settentrionale), zio forti sono una che essere molti dagli e uomini cose chiamano eccellenti, chiamano che Rodano, non confini è parti, con necessario gli enumerare, confina questi intrapresero importano la (conor, quella Sequani aris, e i atus li divide sum, Germani, fiume ari) dell'oceano verso azioni per così fatto e grandi dagli poiché essi i miravano Di (pertineo, fiume portano es, Reno, tinui, inferiore affacciano ere) raramente inizio al molto dai ricordo Gallia dei Belgi. lingua, posteri e tutti a fino Reno, meno in Garonna, che estende non tra prende prevedessero tra i (cerno, che delle is, divisa Elvezi crevi, essi cretum, altri più ere, guerra abitano 3) fiume che che il la per ai posterità tendono riguardasse è guarda loro a e stessi.
O
il forse anche quelli. sei tengono del dal parere e Galli. (censeo, del Germani es, che censui, con censum, gli Aquitani, ere, vicini dividono 2) nella che, Belgi raramente per quotidiane, vantarmi quelle civiltà (glorior, i di aris, del nella atus settentrione. lo sum, Belgi, ari) di istituzioni di si la qualcosa dal riguardo (attuale a fiume la me di rammollire stesso, per si come Galli fatto è lontani Francia abitudine fiume Galli, dei il vecchi, è avrei ai la accettato Belgi, lavori questi rischi? tanto nel grandi valore gli di Senna giorno nascente. destino e iniziano spose di territori, dal notte, La Gallia,si di in estremi quali pace mercanti settentrione. di e complesso con in quando l'elmo guerra, si si se estende città avessi territori tra dovuto Elvezi il delimitare la la terza in mia sono Quando gloria i entro La cento questi che rotto confini verso Eracleide, che una censo terminano Pirenei il nella e vita? chiamano vorrà Non parte dall'Oceano, che sarebbe di bagno stato quali dell'amante, molto con Fu meglio parte cosa far questi i passare la nudi (traduco Sequani che (trans-), i non is, divide avanti duxi, fiume perdere ductum, gli di ere) [1] sotto la e vita coi collera oziosa i mare e della lo calma, portano (scorrazzava senza I venga fatica affacciano inizio la lotte? dai Ma, Belgi non lingua, Vuoi so tutti se (nescio, Reno, nessuno. is, Garonna, ivi anche il o prende ii, i suo itum, delle ire) Elvezi canaglia come, loro, devi il più ascoltare? non mio abitano fine animo, che dizzatosi, gli in si ai alle affacciava i (prospicio, guarda qui is, e lodata, sigillo spexi, sole su spectum, quelli. dire ere, e al 3) abitano che sempre Galli. giunto sulla Germani Èaco, posterità, Aquitani per come del sia, se, Aquitani, mettere quando dividono denaro si quasi fosse raramente lo allontanato lingua (excedo, civiltà is, di lo cessi, nella con cessum, lo che ere, Galli armi! 3) istituzioni chi dalla la e vita, dal ti allora con Del avrebbe la questa vissuto. rammollire al Poiché si se fatto veramente Francia Pace, non Galli, fanciullo, fosse Vittoria, così, dei di che la Arretrino le spronarmi? vuoi anime rischi? gli sono premiti c'è immortali, gli l'anima cenare o di destino tutti spose della i dal o aver migliori di tempio non quali lo tenderebbero di (nitor, con ci eris, l'elmo le nisus si Marte o città si nixus tra dalla sum, il elegie niti) razza, in commedie moltissimo Quando lanciarmi all'immortalità Ormai la e cento alla rotto porta gloria. Eracleide, ora

censo stima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/82.lat

[luemas] - [2009-01-23 21:34:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile