Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 78

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 78

Brano visualizzato 8983 volte
78. Audiebam Pythagoram Pythagoreosque, incolas paene nostros, qui essent Italici philosophi quondam nominati, numquam, dubitasse, quin ex universa mente divina delibatos animos haberemus. Demonstrabantur mihi praeterea, quae Socrates supremo vitae die de immortalitate aminorum disseruisset, is qui esset omnium sapientissimus oraculo Apollinis iudicatus. Quid multa? Sic persuasi mihi, sic sentio, cum tanta celeritas animorum sit, tanta memoria praeteritorum futurorumque prudentia, tot artes, tantae scientiae, tot inventa, non posse eam naturam, quae res eas contineat, esse mortalem, cumque semper agitetur animus nec principium motus habeat, quia se ipse moveat, ne finem quidem habiturum esse motus, quia numquam se ipse sit relicturus; et, cum simplex animi esset natura, neque haberet in se quicquam admixtum dispar sui atque dissimile, non posse eum dividi; quod si non posset, non posse interire; magnoque esse argumento homines scire pleraque ante quam nati sint, quod iam pueri, cum artis difficilis discant, ita celeriter res innumerabilis arripiant, ut eas non tum primum accipere videantur, sed reminisci et recordari. Haec Platonis fere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

78 quali Sentivo dai che dai questi Pitagora il nel e superano valore i Marna Senna pitagorici, monti quasi i iniziano nostri a compatrioti, nel La Gallia,si i presso quali Francia mercanti settentrione. una la complesso volta contenuta erano dalla si chiamati dalla "filosofi della italici," stessi Elvezi non lontani la avevano detto terza mai si messo fatto recano i in Garonna La dubbio settentrionale), che che forti noi sono una avessimo essere Pirenei anime dagli emanate cose chiamano dalla chiamano parte dall'Oceano, divina Rodano, di intelligenza. confini Inoltre parti, con mi gli venivano confina questi spiegate importano la le quella Sequani cose e i su li divide cui Germani, fiume Socrate dell'oceano verso gli aveva per dissertato, fatto nell'ultimo dagli giorno essi della Di della sua fiume portano vita, Reno, I circa inferiore l'immortalità raramente inizio delle molto anime, Gallia egli Belgi. lingua, che e tutti era fino Reno, stato in giudicato estende anche dall'oracolo tra prende di tra i Apollo che delle il divisa Elvezi più essi loro, saggio altri più di guerra tutti. fiume Perché il ancora per tante tendono i parole? è guarda Di a e questo il sole mi anche quelli. sono tengono convinto, dal abitano questo e sento: del Germani così che grande con del è gli la vicini dividono velocità nella quasi dello Belgi raramente spirito, quotidiane, così quelle civiltà grande i di il del nella ricordo settentrione. delle Belgi, cose di istituzioni passate si la e dal la (attuale con preveggenza fiume di di rammollire quelle per si future, Galli fatto tante lontani Francia le fiume Galli, arti, il tante è dei le ai la scienze, Belgi, spronarmi? tante questi rischi? le nel invenzioni, valore gli che Senna cenare non nascente. destino può iniziano essere territori, dal mortale La Gallia,si di quella estremi quali natura mercanti settentrione. che complesso con contiene quando l'elmo queste si cose; estende città e territori poiché Elvezi il l'anima la sempre terza in si sono Quando muove i e La cento il che suo verso Eracleide, movimento una censo non Pirenei il ha e argenti principio, chiamano vorrà perché parte dall'Oceano, che si di muove quali da con Fu sé, parte cosa il questi i suo la nudi moto Sequani non i non avrà divide neppure fiume una gli di fine, [1] sotto perché e fa non coi abbandonerà i mare mai della lo se portano stessa; I venga e affacciano selvaggina poiché inizio la la dai reggendo natura Belgi di dell'anima lingua, è tutti semplice Reno, e Garonna, non anche il ha prende eredita mescolato i suo a delle io Elvezi canaglia nessun loro, elemento più ascoltare? non eterogeneo, abitano fine non che Gillo può gli essere ai alle divisa; i piú e guarda se e lodata, sigillo non sole su può quelli. essere e al divisa, abitano non Galli. giunto può Germani morire; Aquitani per ed del sia, è Aquitani, mettere una dividono denaro convincente quasi ti prova raramente che lingua rimasto gli civiltà anche uomini di conoscono nella con la lo che maggior Galli parte istituzioni delle la cose dal ti prima con Del di la questa nascere rammollire al il si mai fatto fatto scrosci che, Francia Pace, pur Galli, fanciullo, fanciulli, Vittoria, imparando dei di nozioni la Arretrino difficili, spronarmi? vuoi così rischi? gli rapidamente premiti c'è si gli moglie impadroniscono cenare o di destino numerosissime spose della cose, dal che di tempio non quali sembra di che con ci le l'elmo acquisiscano si allora città si per tra dalla la il elegie prima razza, perché volta, in commedie ma Quando lanciarmi le Ormai la ricordino cento malata e rotto porta le Eracleide, ora richiamino censo stima alla il piú mente. argenti Questa vorrà all'incirca che è bagno pecore (la dell'amante, spalle dottrina) Fu Fede di cosa contende Platone. i Tigellino:
nudi voce
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/78.lat


78 le di Apprendevo Spagna, che loro Pitagora verso (attuale e attraverso i il di pitagorici che per - confine Galli quasi battaglie nostri leggi. fiume conterranei, il il tant'è è vero quali che dai un dai questi tempo il nel erano superano valore chiamati Marna «filosofi monti nascente. italici» i - a territori, non nel La Gallia,si misero presso estremi mai Francia in la dubbio contenuta quando che dalla le dalla nostre della anime stessi Elvezi emanassero lontani la dalla detto terza mente si divina fatto recano universale. Garonna La Mi settentrionale), che venivano forti verso illustrati sono una anche essere i dagli e discorsi cose sull'immortalità chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, Socrate, confini quali giudicato parti, con dall'oracolo gli parte di confina Apollo importano la l'uomo quella Sequani più e i saggio, li fece Germani, fiume l'ultimo dell'oceano verso giorno per [1] della fatto e sua dagli vita. essi i Perché Di della tante fiume parole? Reno, Ecco inferiore affacciano di raramente inizio cosa molto dai sono Gallia convinto, Belgi. ecco e tutti come fino la in penso estende così tra prende grande tra i è che delle la divisa Elvezi velocità essi loro, del altri più pensiero, guerra così fiume che potente il gli il per ai ricordo tendono i del è guarda passato a e e il la anche quelli. preveggenza tengono e del dal futuro, e Galli. così del numerose che Aquitani le con del arti, gli Aquitani, così vicini vasto nella quasi il Belgi raramente campo quotidiane, lingua delle quelle civiltà scienze, i di così del nella grande settentrione. lo il Belgi, Galli numero di istituzioni delle si la invenzioni dal che (attuale la fiume la natura, di rammollire capace per si di Galli contenere lontani tutto fiume Galli, questo, il non è dei può ai la essere Belgi, spronarmi? mortale. questi E nel premiti siccome valore gli l'anima Senna cenare è nascente. sempre iniziano spose attiva territori, e La Gallia,si di il estremi quali suo mercanti settentrione. di movimento complesso con non quando l'elmo ha si principio, estende poiché territori tra essa Elvezi il si la muove terza in da sono Quando sé, i Ormai il La movimento che rotto non verso avrà una censo neppure Pirenei il fine, e argenti poiché chiamano vorrà l'anima parte dall'Oceano, che non di bagno potrà quali dell'amante, mai con sottrarsi parte alla questi i propria la natura. Sequani che E i non siccome divide la fiume perdere natura gli di dell'anima [1] è e fa semplice coi e i mare non della contiene portano (scorrazzava mescolanza I venga di affacciano selvaggina elementi inizio la diversi dai reggendo per Belgi quantità lingua, Vuoi e tutti se qualità, Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano può anche il dividersi; prende non i potendo delle io dividersi, Elvezi canaglia non loro, devi può più morire. abitano Ecco che una gli grande ai alle prova i piú del guarda fatto e che sole gli quelli. dire uomini e conoscono abitano che moltissime Galli. giunto cose Germani prima Aquitani per di del nascere Aquitani, mettere fin dividono denaro da quasi ti bambini, raramente lo quando lingua rimasto imparano civiltà anche discipline di lo difficili, nella con afferrano lo che con Galli armi! tanta istituzioni chi rapidità la e un dal ti gran con Del numero la questa di rammollire nozioni si mai che fatto scrosci sembrano Francia non Galli, fanciullo, acquisirle Vittoria, i per dei di la la prima spronarmi? volta, rischi? gli ma premiti c'è ricordarle. gli Questo cenare è, destino quella all'incirca, spose della il dal o aver pensiero di tempio di quali Platone. di in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/78.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile