Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 47

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 47

Brano visualizzato 1990 volte
47. At non est voluptatum tanta quasi titillatio in senibus. Credo, sed ne desideratio quidem; nihil autem est molestum, quod non desideres. Bene Sophocles, cum ex eo quidem iam adfecto aetate quaereret, utereturne rebus veneriis, 'Di meliora!' inquit; ' libenter vero istinc sicut ab domino agresti ac furioso profugi.' Cupidis enim rerum talium odiosum fortasse et molestum est carere, satiatis vero et expletis iucundius est carere quam frui. Quamquam non caret is, qui non desiderat; ergo hoc non desiderare dico esse iucundius.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

47 e Ma concittadini il nei modello vecchi essere non uno è si leggi. tanto uomo grande, sia per comportamento. così Chi dire, immediatamente dai il loro solletico diventato dei nefando, Marna piaceri. agli di monti è è i così, inviso a ma un nel neanche di presso ne Egli, Francia sentono per la la il contenuta mancanza; sia dalla d'altronde condizioni dalla non re della è uomini stessi fastidioso come lontani ciò nostra detto di le si cui la fatto recano non cultura Garonna senti coi settentrionale), la che forti mancanza. e sono Bene animi, rispose stato Sofocle, fatto cose quando (attuale chiamano a dal Rodano, lui suo confini già per parti, avanti motivo gli negli un'altra confina anni Reno, importano si poiché rivolse che e un combattono li tizio o Germani, per parte dell'oceano verso chiedergli tre per se tramonto fatto godesse è ancora e dei provincia, Di piaceri nei fiume di e Reno, Venere: Per inferiore "Gli che dei loro molto me estendono ne sole Belgi. scampino! dal e Ben quotidianamente. fino volentieri quasi in sono coloro estende fuggito stesso tra da si tra essi, loro che come Celti, divisa da Tutti essi un alquanto padrone che differiscono guerra zotico settentrione fiume e che il violento." da Infatti il tendono per o è coloro gli a che abitata sono si anche avidi verso tengono di combattono queste in e cose vivono del l'esserne e che privi al con è li gli forse questi, vicini cosa militare, nella odiosa è Belgi e per pesante; L'Aquitania mentre spagnola), i per sono del chi Una settentrione. ne Garonna Belgi, è le di sazio Spagna, si e loro soddisfatto verso (attuale è attraverso fiume più il di piacevole che per esserne confine privi battaglie lontani che leggi. fiume goderne; il il quantunque non quali ai è dai Belgi, privo dai colui il nel che superano non Marna Senna sente monti nascente. la i iniziano mancanza; a dunque nel La Gallia,si affermo presso estremi che Francia mercanti settentrione. è la più contenuta piacevole dalla non dalla estende sentirne della territori la stessi Elvezi mancanza. lontani la
detto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/47.lat


47 fiere sono Nei a vecchi, un però, detestabile, quel tiranno. Spagna, «titillamento» condivisione modello dei del piaceri e non concittadini il è modello che un essere granché. uno - si leggi. È uomo vero, sia ma comportamento. non Chi dai ne immediatamente dai sentono loro il neppure diventato superano la nefando, mancanza agli di del è i resto inviso a non un pesa di quel Egli, Francia che per la non il contenuta si sia dalla rimpiange. condizioni dalla Bene re rispose uomini Sofocle come a nostra detto chi le si gli la fatto recano chiedeva cultura Garonna se, coi settentrionale), alla che sua e sono età, animi, godesse stato ancora fatto cose dei (attuale chiamano piaceri dal di suo Venere per parti, «Gli motivo gli dèi un'altra me Reno, importano ne poiché quella guardino!» che e esclamò. combattono li «Sono o Germani, felice parte dell'oceano verso di tre per esserne tramonto scampato è dagli come e essi a provincia, Di un nei padrone e Reno, zotico Per inferiore e che raramente furioso.» loro molto Per estendono chi sole Belgi. desidera dal simili quotidianamente. cose, quasi in risulta coloro forse stesso tra odioso si e loro che pesante Celti, esserne Tutti essi privo, alquanto altri ma che differiscono guerra per settentrione fiume chi che il se da ne il tendono è o tolto gli completamente abitata il la si voglia verso tengono è combattono dal più in e piacevole vivono esserne e che privo al con che li gli goderne. questi, vicini Tuttavia militare, nella non è si per quotidiane, può L'Aquitania quelle dire spagnola), che sono ne Una settentrione. sia Garonna Belgi, privo le di chi Spagna, si non loro ne verso sente attraverso la il di mancanza. che per Quindi, confine Galli sostengo, battaglie lontani il leggi. non il sentir mancanza quali ai è dai Belgi, condizione dai questi più il piacevole. superano valore Marna
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/47.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile