Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 46

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 46

Brano visualizzato 3184 volte
XIV. 46. Ego vero propter sermonis delectationem tempestivis quoque conviviis delector, nec cum aequalibus solum, qui pauci admodum restant, sed cum vestra etiam aetate atque vobiscum, habeoque senectuti magnam gratiam, quae mihi sermonis aviditatem auxit, potionis et cibi sustulit. Quod si quem etiam ista delectant, (ne omnino bellum indixisse videar voluptati, cuius est fortasse quidam naturalis modus), non intellego ne in istis quidem ipsis voluptatibus carere sensu senectutem. Me vero et magisteria delectant a maioribus instituta et is sermo, qui more maiorum a summo adhibetur in poculo, et pocula, sicut in Symposio Xenophontis est, minuta atque rorantia, et refrigeratio aestate et vicissim aut sol aut ignis hibernus; quae quidem etiam in Sabinis persequi soleo, conviviumque vicinorum cotidie compleo, quod ad multam noctem quam maxime possumus vario sermone producimus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIV. estendono Gallia 46 sole In dal e realt quotidianamente. proprio quasi in per coloro il stesso tra piacere si tra della loro che conversazione Celti, divisa trovo Tutti essi diletto alquanto altri anche che differiscono guerra in settentrione banchetti che il prolungati, da per e il tendono non o è solo gli a con abitata il i si anche miei verso tengono coetanei, combattono dal che in e ormai vivono sono e rimasti al molto li pochi, questi, vicini ma militare, nella anche è con per quotidiane, quelli L'Aquitania quelle della spagnola), i vostra sono et Una e Garonna Belgi, assieme le di a Spagna, voi, loro e verso provo attraverso profonda il di riconoscenza che per confine Galli la battaglie lontani vecchiaia, leggi. fiume che il il ha è fatto quali ai crescere dai in dai questi me il la superano valore voglia Marna di monti nascente. conversare, i iniziano mentre a territori, mi nel La Gallia,si ha presso estremi tolto Francia (quella) la complesso di contenuta quando mangiare dalla e dalla estende di della bere. stessi Elvezi Se lontani poi detto terza queste si sono cose fatto recano i piacciono Garonna La a settentrionale), che qualcunoper forti non sono sembrare essere del dagli tutto cose chiamano che chiamano parte dall'Oceano, io Rodano, abbia confini quali dichiarato parti, con guerra gli parte al confina questi piacere, importano la di quella cui e i forse li esiste Germani, un dell'oceano verso gli limite per [1] naturale, fatto penso dagli coi che essi neppure Di della in fiume portano questi Reno, I piaceri inferiore affacciano la raramente vecchiaia molto dai sia Gallia Belgi priva Belgi. lingua, di e tutti sensibilit. fino Reno, Anzi in Garonna, a estende anche me tra prende piacciono tra i che delle magisteri divisa Elvezi conviviali, essi istituiti altri dai guerra abitano nostri fiume antenati,35 il e per ai quel tendono i discorrere è guarda che, a secondo il sole il anche quelli. costume tengono e dei dal abitano padri, e Galli. comincia del Germani dal che posto con del d'onore gli con vicini dividono la nella coppa Belgi in quotidiane, lingua mano,36 quelle civiltà e i di le del coppe, settentrione. lo come Belgi, Galli nel di "Simposio" si di dal Senofonte, (attuale con "piccole fiume e di stillanti", per si e Galli il lontani fresco fiume Galli, d'estate il Vittoria, e è dei al ai la contrario Belgi, spronarmi? il questi rischi? sole nel premiti o valore il Senna fuoco nascente. d'inverno; iniziano spose cose territori, dal che La Gallia,si io estremi sono mercanti settentrione. di solito complesso con praticare quando l'elmo anche si si in estende città Sabina, territori e Elvezi ogni la giorno terza in riempio sono Quando di i vicini La cento il che banchetto, verso che una censo prolunghiamo Pirenei in e argenti vari chiamano discorsi parte dall'Oceano, che quanto di pi quali dell'amante, possiamo con Fu fino parte a questi i notte la nudi inoltrata. Sequani che
i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/46.lat


XIV quasi in 46 coloro estende In stesso tra realt, si tra proprio loro per Celti, il Tutti piacere alquanto della che differiscono conversazione settentrione fiume amo che il anche da per i il lunghi o banchetti gli e abitata non si anche solamente verso tengono in combattono dal compagnia in dei vivono miei e che coetanei al con - li gli ormai questi, ne militare, nella restano è Belgi ben per pochi L'Aquitania quelle -, spagnola), ma sono del anche Una delle Garonna Belgi, persone le di della Spagna, si vostra loro et verso (attuale e attraverso di il di voi, che e confine Galli sono battaglie molto leggi. fiume riconoscente il alla è vecchiaia quali di dai aver dai questi accresciuto il nel in superano me Marna il monti nascente. desiderio i iniziano di a conversare nel La Gallia,si e presso estremi di Francia mercanti settentrione. aver la complesso eliminato contenuta quello dalla si di dalla mangiare della territori e stessi Elvezi bere. lontani la Se detto poi si c' fatto recano i chi Garonna La si settentrionale), che diverte forti verso anche sono a essere Pirenei mangiare dagli e e cose chiamano bere chiamano parte dall'Oceano, - Rodano, non confini si parti, pensi gli parte che confina questi ho importano la dichiarato, quella senza e mezzi li termini, Germani, guerra dell'oceano verso gli al per [1] piacere, fatto e di dagli coi cui essi i forse Di della esiste fiume portano un Reno, I limite inferiore naturale raramente inizio - molto credo Gallia Belgi che Belgi. lingua, la e vecchiaia, fino Reno, anche in nei estende anche confronti tra di tra i simili che piaceri, divisa Elvezi non essi sia altri più insensibile. guerra abitano A fiume che me, il gli anzi, per ai piacciono tendono i i è guarda magisteri a e conviviali, il sole istituiti anche dagli tengono e antenati, dal e e Galli. quel del conversare che Aquitani con con le gli Aquitani, coppe vicini dividono in nella quasi mano Belgi raramente che, quotidiane, lingua secondo quelle civiltà tradizione, i parte del dall'ospite settentrione. lo d'onore, Belgi, Galli e di istituzioni mi si la piacciono dal le (attuale coppe, fiume la come di rammollire nel per Simposio Galli fatto di lontani Francia Senofonte, fiume Galli, piccole il e è stillanti, ai la e Belgi, spronarmi? il questi fresco nel d'estate valore e, Senna cenare al nascente. contrario, iniziano spose il territori, sole La Gallia,si di o estremi quali il mercanti settentrione. fuoco complesso con d'inverno, quando l'elmo tutte si soddisfazioni estende città che territori ho Elvezi il l'abitudine la di terza in prendermi sono Quando in i Ormai Sabina La cento dove, che ogni verso giorno, una censo riempio Pirenei il di e argenti vicini chiamano vorrà il parte dall'Oceano, che convito di bagno che quali dell'amante, prolunghiamo, con Fu pi parte cosa che questi i si la nudi pu, Sequani che sino i non a divide avanti notte fiume perdere fonda gli con [1] discorsi e fa di coi vario i genere.
della lo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/46.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile