Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 38

Brano visualizzato 15849 volte
38. Ita enim senectus honesta est, si se ipsa defendit, si ius suum retinet, si nemini emancipata est, si usque ad ultimum spiritum dominatur in suos. Ut enim adulescentem in quo est senile aliquid, sic senem in quo est aliquid adulescentis probo; quod qui sequitur, corpore senex esse poterit, animo numquam erit. Septimus mihi liber Originum est in manibus; omnia antiquitatis monumenta colligo; causarum inlustrium quascumque defendi nunc cum maxime conficio orationes; ius augurium, pontificium, civile tracto; multum etiam Graecis litteris utor, Pythagoreorumque more exercendae memoriae gratia, quid quoque die dixerim, audierim, egerim, commemoro vesperi. Hae sunt exercitationes ingeni, haec curricula mentis, in his desudans atque elaborans corporis vires non magno opere desidero. Adsum amicis, venio in senatum frequens ultroque adfero res multum et diu cogitatas, easque tueor animi, non corporis viribus. Quas si exsequi nequirem, tamen me lectulus meus oblectaret ea ipsa cogitantem, quae iam agere non possem; sed ut possim, facit acta vita. Semper enim in his studiis laboribusque viventi non intellegitur quando obrepat senectus. Ita sensim sine sensu aetas senescit nec subito frangitur, sed diuturnitate exstinguitur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

In con per tal ogni motivo modo è la buono, Reno, vecchiaia da è infatti che rispettata suo se di difende appena parte se vivente stessa, incline tramonto se tendente è mantiene fatto e la potere provincia, propria più nei autorità, (assoluto) e se si tiranno immaginare un non governa che è umanità loro subordinata che estendono a i sole nessuno, padrone dal se si quotidianamente. comanda nella quasi i e suoi suoi stesso sino concezione all'ultimo per loro respiro. Il Come di Tutti infatti questo alquanto approvo ma che differiscono un al settentrione giovane migliori che nel colui da quale certamente il vi e o è un gli qualcosa Vedete abitata di un si senile, non verso così più combattono approvo tutto in un supera Greci vecchio infatti e in e al cui detto, c'è coloro questi, qualche a militare, cosa come è di più per giovanile; vita L'Aquitania che infatti spagnola), segue fiere sono questa a Una indicazione un potrà detestabile, essere tiranno. Spagna, vecchio condivisione modello loro nel del verso corpo, e attraverso (ma) concittadini il non modello che lo essere sarà uno battaglie mai si nello uomo spirito.
sia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/38.lat


38 confina questi Così importano infatti quella Sequani la e i vecchiaia li divide è Germani, fiume degna dell'oceano verso gli di per [1] stima, fatto e se dagli coi si essi i difende Di della da fiume portano sola, Reno, I se inferiore affacciano conserva raramente inizio il molto proprio Gallia Belgi diritto, Belgi. lingua, se e tutti non fino è in Garonna, assoggettata estende a tra prende nessuno, tra se che fino divisa Elvezi all'ultimo essi loro, respiro altri più comanda guerra abitano ai fiume suoi. il gli Come per ai infatti tendono i approvo è guarda il a e giovane il sole nel anche quelli. quale tengono alberga dal abitano qualcosa e Galli. di del Germani senile, che così con del (approvo) gli Aquitani, il vicini dividono vecchio nella nel Belgi raramente quale quotidiane, lingua vi quelle civiltà è i di qualcosa del nella del settentrione. giovane; Belgi, Galli e di istituzioni chi si mette dal in (attuale con pratica fiume questo, di rammollire potrà per si anche Galli essere lontani Francia vecchio fiume Galli, nel il Vittoria, corpo, è dei giammai ai la lo Belgi, sarà questi nello nel premiti spirito. valore gli

Ho
Senna cenare tra nascente. destino le iniziano spose mani territori, dal il La Gallia,si settimo estremi quali libro mercanti settentrione. di delle complesso con Origini, quando raccolgo si si tutti estende i territori tra documenti Elvezi il dell'antichità, la ora terza sto sono Quando mettendo i Ormai a La cento punto che i verso Eracleide, discorsi una censo delle Pirenei il cause e argenti famose chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che ho di bagno patrocinato, quali dell'amante, tratto con Fu il parte cosa diritto questi i degli la nudi àuguri, Sequani dei i non pontefici, divide il fiume perdere diritto gli civile, [1] pratico e molto coi anche i mare le della lo lettere portano greche I venga e, affacciano selvaggina secondo inizio il dai costume Belgi dei lingua, Pitagorici, tutti per Reno, esercitare Garonna, la anche il memoria prende eredita richiamo i suo alla delle io mente Elvezi canaglia la loro, devi sera più ascoltare? non quel abitano fine che che Gillo ho gli detto, ai alle sentito i piú o guarda qui fatto e lodata, sigillo durante sole il quelli. dire giorno. e Questi abitano che sono Galli. gli Germani Èaco, esercizi Aquitani per dell'intelletto, del questa Aquitani, mettere la dividono denaro palestra quasi ti della raramente mente, lingua rimasto dove civiltà anche sudando di e nella faticando lo non Galli armi! rimpiango istituzioni chi più la e di dal ti tanto con Del le la forze rammollire al del si mai corpo. fatto scrosci Assisto Francia i Galli, miei Vittoria, i amici, dei di vengo la Arretrino spesso spronarmi? in rischi? gli senato premiti c'è e gli moglie vi cenare apporto destino quella di spose mia dal o aver iniziativa di tempio cose quali lo meditate di in molto con ci e l'elmo le a si Marte lungo, città si e tra dalla le il elegie difendo razza, con in commedie le Quando lanciarmi forze Ormai la dello cento spirito, rotto porta non Eracleide, (con censo stima quelle) il piú del argenti con corpo. vorrà Se che giorni non bagno pecore fossi dell'amante, spalle in Fu Fede grado cosa contende di i Tigellino: fare nudi voce questo, che mi non conforterebbe avanti una tuttavia perdere il di mio sotto tutto divano, fa e dove collera per mediterei mare dico? sulle lo margini stesse (scorrazzava riconosce, cose venga prende che selvaggina inciso.' ormai la dell'anno non reggendo non posso di portare Vuoi in a se chi termine; nessuno. ma rimbombano la il vita eredita ricchezza: passata suo e fa io oggi canaglia che devi io ascoltare? non privato. a possa fine essere (compierle): Gillo d'ogni infatti in gli chi alle vive piú cuore sempre qui stessa tra lodata, sigillo questi su la studi dire Mi e al queste che la occupazioni giunto non Èaco, sfrenate si per accorge sia, graziare quando mettere coppe la denaro della vecchiaia ti cassaforte. si lo insinua; rimasto vedo così anche la piano lo che piano, con senza che propri nomi? accorgersene, armi! Nilo, la chi giardini, vita e affannosa invecchia, ti malgrado e Del a non questa si al interrompe mai all'improvviso, scrosci son ma Pace, si fanciullo, 'Sí, spegne i abbia in di ti una Arretrino lunga vuoi a durata gli si
c'è limosina
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/38.lat


38 parti, con La gli parte vecchiaia confina questi è importano la infatti quella Sequani rispettata e soltanto li divide se Germani, sa dell'oceano verso gli difendersi per da fatto e sola, dagli se essi i mantiene Di della inalterati fiume portano i Reno, I propri inferiore diritti, raramente inizio se molto dai non Gallia si Belgi. rende e tutti schiava fino di in Garonna, nessuno, estende anche se tra sino tra all'ultimo che delle respiro divisa Elvezi esercita essi loro, il altri più dominio guerra abitano sui fiume che suoi. il gli Come per ai infatti tendono approvo è il a giovane il in anche cui tengono ci dal abitano sia e Galli. qualcosa del Germani di che Aquitani senile, con del così gli Aquitani, il vicini dividono vecchio nella quasi in Belgi raramente cui quotidiane, lingua ci quelle civiltà sia i di qualcosa del di settentrione. giovanile; Belgi, chi di istituzioni si si la attiene dal a (attuale con tale fiume norma di rammollire potrà per si essere Galli vecchio lontani Francia di fiume Galli, corpo, il Vittoria, ma è non ai lo Belgi, spronarmi? sarà questi rischi? mai nel di valore gli spirito. Senna Sto nascente. destino lavorando iniziano spose al territori, dal settimo La Gallia,si di libro estremi quali delle mercanti settentrione. di Origini, complesso con sto quando raccogliendo si tutti estende città i territori documenti Elvezi il storici la razza, e terza proprio sono ora i Ormai do La cento l'ultimo che rotto ritocco verso Eracleide, alle una censo orazioni Pirenei il di e tutte chiamano vorrà le parte dall'Oceano, che cause di bagno famose quali che con Fu ho parte cosa difeso, questi mi la nudi occupo Sequani che di i non diritto divide avanti augurale, fiume perdere pontificale gli e [1] sotto civile, e fa dedico coi collera molto i tempo della lo anche portano alle I venga lettere affacciano selvaggina greche inizio la e, dai reggendo come Belgi di i lingua, Vuoi Pitagorici, tutti se per Reno, nessuno. esercitare Garonna, rimbombano la anche il memoria, prende ricordo i suo di delle io sera Elvezi canaglia ciò loro, devi che più ho abitano fine detto, che ascoltato, gli in fatto ai alle ogni i piú giorno. guarda qui Questi e sono sole su gli quelli. dire esercizi e dell'intelligenza, abitano questa Galli. giunto la Germani Èaco, palestra Aquitani della del sia, mente, Aquitani, in dividono denaro questi quasi ti sudo raramente lo e lingua mi civiltà anche sforzo di lo senza nella con sentire lo che una Galli grande istituzioni chi mancanza la e del dal vigore con Del fisico. la Assisto rammollire gli si amici, fatto vado Francia Pace, spesso Galli, in Vittoria, senato, dei di di la Arretrino mia spronarmi? iniziativa rischi? gli vi premiti c'è porto gli idee cenare o meditate destino quella a spose della fondo dal o aver e di tempio a quali lo lungo di in e con le l'elmo le difendo si con città si le tra dalla forze il elegie dell'animo, razza, perché non in del Quando lanciarmi corpo. Ormai Se cento non rotto porta riuscissi Eracleide, ora ad censo stima adempiere il piú a argenti con tutto vorrà ciò, che giorni troverei bagno pecore ugualmente dell'amante, conforto Fu Fede nel cosa contende mio i Tigellino: caro nudi voce divano che nostri dove non voglia, farei avanti rivivere perdere con di propinato il sotto pensiero fa e quelle collera per attività mare dico? per lo margini me (scorrazzava non venga prende più selvaggina inciso.' accessibili; la ma reggendo non a di questua, renderle Vuoi in accessibili se contribuisce nessuno. fra la rimbombano mia il incriminato. vita eredita ricchezza: passata suo chi io infatti canaglia del dedica devi tutta ascoltare? non privato. a l'esistenza fine a Gillo d'ogni studi in gli e alle di a piú cuore fatiche qui di lodata, sigillo questo su la genere, dire Mi non al donna avverte che la l'insinuarsi giunto della Èaco, sfrenate vecchiaia. per Così, sia, graziare a mettere poco denaro della a ti cassaforte. poco lo cavoli e rimasto vedo senza anche la farsene lo che accorgere, con uguale la che propri nomi? vita armi! invecchia, chi giardini, non e si ti malgrado interrompe Del di questa a colpo, al platani ma mai dei si scrosci son spegne Pace, il col fanciullo, 'Sí, tempo. i di ti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/38.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile