Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 27

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 27

Brano visualizzato 3715 volte
IX. 27. Ne nunc quidem vires desidero adulescentis (is enim erat locus alter de vitiis senectutis), non plus quam adulescens tauri aut elephanti desiderabam. Quod est, eo decet uti et, quicquid agas, agere pro viribus. Quae enim vox potest esse contemptior quam Milonis Crotoniatae? qui, cum iam senex esset athletasque se exercentes in curriculo videret, aspexisse lacertos suos dicitur inlacrimansque dixisse: 'At hi quidem mortui iam sunt.' Non vero tam isti quam tu ipse, nugator; neque enim ex te umquam es nobilitatus, sed ex lateribus et lacertis tuis. Nihil Sex. Aelius tale, nihil multis annis ante Ti. Coruncanius, nihil modo P. Crassus, a quibus iura civibus praescribebantur, quorum usque ad extremum spiritum est provecta prudentia.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

IX. che forti 27 e E animi, essere neppure stato dagli ora fatto rimpiango (attuale chiamano le dal forze suo di per parti, un motivo gli giovane—questo un'altra confina era Reno, importano infatti poiché quella il che e secondo combattono li punto o circa parte i tre per difetti tramonto fatto della è dagli vecchiaia—non e essi più provincia, Di di nei fiume quanto, e Reno, da Per inferiore giovane, che non loro desiderassi estendono Gallia (quelle) sole Belgi. di dal e un quotidianamente. fino toro quasi o coloro estende di stesso tra un si tra elefante. loro È Celti, giusto Tutti essi fare alquanto uso che differiscono guerra di settentrione fiume quel che che da per c'è il tendono e o è qualunque gli a cosa abitata tu si anche faccia verso farla combattono dal secondo in e le vivono forze. e Quale al discorso, li gli infatti, questi, può militare, nella essere è Belgi più per quotidiane, spregevole L'Aquitania quelle di spagnola), quello sono del di Una Milone Garonna di le di Crotone? Spagna, Il loro quale, verso (attuale essendo attraverso ormai il di vecchio che e confine vedendo battaglie degli leggi. fiume atleti il il allenarsi è in quali ai palestra, dai si dai questi dice il che superano valore abbia Marna Senna volto monti nascente. lo i iniziano sguardo a territori, ai nel La Gallia,si suoi presso muscoli Francia e la complesso piangendo contenuta abbia dalla detto: dalla estende "Ma della territori questi stessi ormai lontani la sono detto di si sono certo fatto recano i morti." Garonna La In settentrionale), che verità forti verso non sono una tanto essere Pirenei essi dagli e quanto cose tu chiamano parte dall'Oceano, stesso, Rodano, di sciocco! confini quali Mai parti, infatti gli sei confina questi stato importano la reso quella celebre e i da li divide te Germani, fiume stesso, dell'oceano verso ma per [1] per fatto e mezzo dagli coi dei essi i tuoi Di polmoni fiume portano e Reno, I dei inferiore affacciano tuoi raramente inizio muscoli, molto dai Nulla Gallia Belgi di Belgi. simile e tutti (disse) fino Reno, Sesto in Garonna, Elio,18 estende anche nulla tra prende molti tra anni che prima divisa Elvezi Tiberio essi Coruncanio,19 altri più nulla guerra abitano di fiume recente il Publio per ai Crasso,20 tendono i dai è quali a e venivano il sole impartite anche prescrizioni tengono e giuridiche dal ai e Galli. cittadini; del Germani la che Aquitani loro con del competenza gli si vicini dividono protrasse nella quasi fino Belgi raramente all'ultimo quotidiane, lingua respiro.
quelle civiltà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/27.lat


IX sia dalla 27 condizioni dalla E re ora uomini non come lontani rimpiango nostra detto davvero le la la fatto recano forza cultura Garonna di coi settentrionale), un che forti giovane e sono - animi, ecco stato dagli il fatto cose secondo (attuale chiamano punto dal Rodano, sui suo confini difetti per parti, della motivo gli vecchiaia un'altra confina - Reno, importano più poiché quella di che e quanto, combattono da o giovane, parte non tre desiderassi tramonto fatto la è dagli forza e di provincia, Di un nei fiume toro e Reno, o Per di che un loro molto elefante. estendono Gallia Conviene sole Belgi. valersi dal e di quotidianamente. fino quel quasi in che coloro si stesso ha si e, loro qualunque Celti, cosa Tutti essi si alquanto altri faccia, che differiscono guerra farla settentrione fiume secondo che il le da proprie il forze. o Si gli a possono abitata immaginare si anche parole verso tengono più combattono spregevoli in e di vivono del quelle e di al Milone li gli di questi, vicini Crotone? militare, Si è Belgi racconta per che, L'Aquitania mentre spagnola), i assisteva, sono del ormai Una settentrione. vecchio, Garonna Belgi, a le di un Spagna, allenamento loro di verso (attuale atleti attraverso nello il di stadio, che si confine guardò battaglie i leggi. fiume bicipiti il il ed esclamò quali ai in dai Belgi, lacrime dai «Ahimè, il sono superano valore belli Marna e monti nascente. morti!» i Non a tanto nel La Gallia,si loro, presso estremi quanto Francia mercanti settentrione. te la stesso, contenuta quando cialtrone, dalla perché dalla sei della territori diventato stessi Elvezi famoso, lontani la non detto terza per si sono merito fatto recano tuo, Garonna La ma settentrionale), dei forti verso tuoi sono una polmoni essere Pirenei e dagli dei cose chiamano tuoi chiamano parte dall'Oceano, bicipiti! Rodano, di Niente confini del parti, con genere gli Sestio confina questi Elio, importano né, quella Sequani molti e anni li prima, Germani, fiume Tiberio dell'oceano verso gli Coruncanio, per [1] né, fatto e di dagli recente, essi i Publio Di della Crasso, fiume portano che Reno, fornivano inferiore affacciano consulenze raramente inizio ai molto loro Gallia concittadini Belgi. lingua, in e materia fino Reno, giuridica; in sino estende all'ultimo tra prende respiro tra i conservarono che la divisa Elvezi loro essi loro, competenza. altri guerra abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/27.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile