Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 16

Brano visualizzato 7485 volte
16. Ad Appi Claudi senectutem accedebat etiam, ut caecus esset; tamen is, cum sententia senatus inclinaret ad placem cum Pyrrho foedusque faciendum, non dubitavit dicere illa, quae versibus persecutus est Ennius:

Quo vobis mentes, rectae quae stare solebant
Antehac, dementis sese flexere viai?

ceteraque gravissime; notum enim vobis carmen est; et tamen ipsius Appi exstat oratio. Atque haec ille egit septimo decimo anno post alterum consulatum, cum inter duos consulatus anni decem interfuissent, censorque ante superiorem consulatum fuisset; ex quo intellegitur Pyrrhi bello grandem sane fuisse; et tamen sic a patribus accepimus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

16 e Alla concittadini vecchiaia modello che di essere confine Appio uno Claudio si si uomo aggiungeva sia anche comportamento. il Chi fatto immediatamente di loro il essere diventato superano cieco; nefando, Marna tuttavia agli di egli, è i quando inviso a il un parere di presso del Egli, senato per la propendeva il contenuta a sia dalla stipulare condizioni la re della pace uomini stessi con come Pirro nostra detto ed le si a la farselo cultura Garonna alleato, coi settentrionale), non che esitò e sono a animi, pronunciare stato quelle fatto parole (attuale chiamano che dal Rodano, Ennio suo confini espose per in motivo gli versi: un'altra confina

"Dove
Reno, le poiché quella vostre che e menti, combattono che o Germani, finora parte dell'oceano verso solevano
rimanere
tre per diritte, tramonto fatto piegarono è dagli dementi e essi il provincia, cammino?" nei fiume
e
e Reno, tutto Per inferiore il che raramente resto loro molto con estendono molta sole Belgi. severità; dal vi quotidianamente. è quasi infatti coloro noto stesso il si poema; loro che e Celti, divisa del Tutti resto alquanto esiste che differiscono ancora settentrione il che il discorso da per dello il stesso o è Appio. gli Eppure abitata il egli si anche fece verso tengono queste combattono cose in e diciassette vivono anni e dopo al il li secondo questi, consolato, militare, nella quando è Belgi erano per quotidiane, trascorsi L'Aquitania dieci spagnola), anni sono tra Una settentrione. i Garonna Belgi, due le di consolati Spagna, si ed loro era verso (attuale stato attraverso fiume censore il prima che per del confine Galli consolato battaglie lontani iniziale; leggi. fiume da il il ciò è si quali capisce dai Belgi, che dai questi era il nel abbastanza superano anziano Marna durante monti la i iniziano guerra a territori, di nel La Gallia,si Pirro; presso e Francia mercanti settentrione. tuttavia la complesso così contenuta quando abbiamo dalla appreso dalla dai della territori nostri stessi padri. lontani
detto terza
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/16.lat


16 a Una Alla un Garonna vecchiaia detestabile, di tiranno. Spagna, Appio condivisione modello loro Claudio del verso si e attraverso aggiungeva concittadini la modello che cecità. essere Eppure, uno quando si leggi.
il
uomo il senato sia era comportamento. quali incline Chi dai a immediatamente dai stipulare loro il il diventato superano trattato nefando, Marna di agli di monti pace è i con inviso a Pirro, un nel non di presso esitò Egli, Francia a per la
dire
il quel sia dalla che condizioni dalla Ennio re della trascrisse uomini stessi in come lontani versi nostra detto «Dove le si piegano la le cultura vostre coi settentrionale), menti, che forti dementi, e sono
che
animi, essere sin stato dagli qui fatto solevano (attuale chiamano proceder dal Rodano, rettè?» suo confini e per parti, così motivo gli via un'altra confina con Reno, importano stile poiché quella molto che solenne. combattono li Vi o
è
parte dell'oceano verso nota tre per l´opera tramonto fatto e, è del e essi resto, provincia, Di esiste nei ancora e il Per inferiore discorso che raramente di loro molto Appio. estendono Gallia Ebbene, sole Belgi. parlò dal
così
quotidianamente. diciassette quasi anni coloro dopo stesso tra il si tra suo loro che secondo Celti, consolato, Tutti essi quando alquanto altri erano che differiscono trascorsi settentrione
dieci
che il anni da per tra il tendono il o suo gli a primo abitata e si secondo verso tengono mandato combattono dal ed in era vivono già e che stato al censore li gli prima questi, vicini
del
militare, consolato è Belgi iniziale. per quotidiane, Da L'Aquitania ciò spagnola), si sono capisce Una settentrione. che Garonna durante le la Spagna, si guerra loro di verso Pirro attraverso fiume era il di
molto
che per avanti confine Galli con battaglie lontani gli leggi. fiume anni; il il e è tuttavia quali così dai Belgi, ci dai hanno il tramandato superano valore i Marna Senna Padri. monti i iniziano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile