Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - Cato Maior De Senectute - 7

Brano visualizzato 7534 volte
III. 7. Cato. Faciam, ut potero, Laeli. Saepe enim interfui querellis aequalium meorum -- pares autem, vetere proverbio, cum paribus facillime congregantur--quae C. Salinator, quae Sp. Albinus, homines consulares nostri fere aequales, deplorare solebant, tum quod voluptatibus carerent sine quibus vitam nullam putarent, tum quod spernerentur ab eis, a quibus essent coli soliti. Qui mihi non id videbantur accusare, quod esset accusandum. Nam si id culpa senectutis accideret, eadem mihi usu venirent reliquisque omnibus maioribus natu, quorum ego multorum cognovi senectutem sine querella, qui se et libidinum vinculis laxatos esse non moleste ferrent nec a suis despicerentur. Sed omnium istius modi querellarum in moribus est culpa, non in aetate. Moderati enim et nec difficiles nec inhumani senes tolerabilem senectutem agunt; importunitas autem et inhumanitas omni aetati molesta est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

III. parte 7 tre per CATONE: tramonto fatto Farò è come e essi potrò, provincia, Lelio. nei fiume Spesso, e Reno, infatti, Per inferiore mi che raramente sono loro molto trovato estendono Gallia in sole Belgi. mezzo dal alle quotidianamente. fino lamentele quasi in dei coloro miei stesso tra coetanei—infatti, si tra come loro che afferma Celti, un Tutti essi vecchio alquanto altri proverbio, che differiscono i settentrione fiume simili che il si da per accompagnano il tendono molto o è più gli a facilmente abitata il coi si anche simili—, verso tengono come combattono dal Caio in Salinatore vivono del o e che Spurio al con Albino, li gli già questi, vicini consoli, militare, nella quasi è Belgi miei per quotidiane, coetanei, L'Aquitania quelle che spagnola), erano sono del soliti Una settentrione. lagnarsi Garonna Belgi, ora le di di Spagna, essere loro privi verso (attuale di attraverso fiume quei il di piaceri che per senza confine i battaglie lontani quali leggi. giudicavano il la è vita quali ai vuota, dai ora dai di il essere superano disprezzati Marna Senna da monti nascente. coloro i iniziano dai a territori, quali nel La Gallia,si solevano presso estremi essere Francia rispettati; la mi contenuta sembrava dalla si che dalla estende essi della territori incolpassero stessi ciò lontani che detto non si sono doveva fatto recano i essere Garonna La incolpato: settentrionale), che infatti, forti verso se sono una ciò essere avvenisse dagli per cose colpa chiamano parte dall'Oceano, della Rodano, di vecchiaia, confini quali le parti, con stesse gli cose confina questi accadrebbero importano la a quella Sequani me e e li divide a Germani, fiume tutti dell'oceano verso gli gli per [1] altri fatto anziani, dagli coi di essi molti Di della dei fiume portano quali Reno, ho inferiore sperimentato raramente inizio la molto dai vecchiaia Gallia priva Belgi. lingua, di e tutti lamentele, fino e in Garonna, che estende anche non tra prende considerano tra i cosa che gravosa divisa Elvezi essere essi liberati altri più dai guerra legami fiume dei il piaceri per e tendono i non è guarda sono a trascurati il sole dai anche propri tengono amici dal abitano e e parenti. del Ma che Aquitani la con colpa gli di vicini dividono tutte nella quasi le Belgi raramente lamentele quotidiane, lingua di quelle civiltà questo i di genere del nella sta settentrione. lo nei Belgi, Galli costumi, di non si la nell'età: dal infatti (attuale con i fiume la vecchi di equilibrati per si e Galli fatto non lontani intrattabili fiume Galli, il sgarbati è dei trascorrono ai la una Belgi, spronarmi? vecchiaia questi rischi? sopportabile; nel premiti invece valore gli l'intrattabilità Senna cenare e nascente. destino la iniziano spose scortesia territori, dal costituiscono La Gallia,si di un estremi quali peso mercanti settentrione. di ad complesso ogni quando l'elmo età. si
estende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/07.lat


7 è dagli CATONE. e Farò provincia, Di del nei mio e Reno, meglio, Per inferiore Lelio. che raramente Spesso, loro molto infatti, estendono Gallia mi sole Belgi. sono dal trovato quotidianamente. fino in quasi in mezzo coloro
alle
stesso tra lamentele si dei loro che miei Celti, divisa coetanei Tutti essi - alquanto altri come che differiscono dice settentrione fiume un che il antico da per proverbio il «il o simile gli
si
abitata il accompagna si anche più verso tengono facilmente combattono dal al in e simile» vivono del - e che . al con Come li gli Caio questi, vicini Salinatore, militare, nella come è Belgi Spurio per quotidiane,
Albinio,
L'Aquitania quelle ex spagnola), i consoli, sono del più Una settentrione. o Garonna Belgi, meno le miei Spagna, si coetanei, loro si verso (attuale lamentavano attraverso fiume ora il di perché che non confine Galli
provavano
battaglie più leggi. quei il piaceri senza quali i dai Belgi, quali dai la il nel vita, superano valore secondo Marna Senna loro, monti non i iniziano era a territori, vita, nel La Gallia,si
ora
presso estremi perché Francia mercanti settentrione. erano la complesso disprezzati contenuta da dalla si chi, dalla prima, della territori li stessi Elvezi trattava lontani la con detto terza abituale si sono deferenza! fatto recano i
Secondo
Garonna me settentrionale), che non forti accusavano sono una quel essere Pirenei che dagli e si cose chiamano doveva chiamano parte dall'Oceano, accusare. Rodano, di Se confini quali infatti parti, con la gli parte vecchiaia confina
fosse
importano la responsabile quella Sequani di e i ciò, li divide gli Germani, fiume stessi dell'oceano verso gli mali per patirei fatto e io dagli coi e essi tutti Di della gli fiume altri Reno, I anziani; inferiore
invece
raramente inizio ho molto conosciuto Gallia molti Belgi. lingua, che e tutti non fino Reno, si in Garonna, lamentano estende di tra prende esser tra i vecchi, che delle perché divisa Elvezi considerano essi
tutt´altro
altri più che guerra abitano un fiume dispiacere il l´essersi per ai liberati tendono dai è guarda vincoli a e delle il sole passioni anche quelli. e tengono e
non
dal sono e Galli. guardati del dall´alto che Aquitani in con del basso gli Aquitani, da vicini dividono amici nella quasi e Belgi parenti. quotidiane, lingua Ma quelle responsabile i di di del nella
tutte
settentrione. lo queste Belgi, Galli lagnanze di istituzioni è si la il carattere, (attuale con non fiume la l´età di i per si vecchi Galli fatto equilibrati, lontani Francia che fiume Galli, non il Vittoria,
sono
è difficili ai la Belgi, scontrosi, questi trascorrono nel una valore gli vecchiaia Senna cenare sopportabile. nascente. destino L´intrattabilità iniziano spose
e
territori, la La Gallia,si di mancanza estremi di mercanti settentrione. di cortesia, complesso con invece, quando l'elmo sono si si un estende città peso territori tra a Elvezi il tutte la razza, le terza età. sono Quando i Ormai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/cato_maior_de_senectute/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile