banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Orationes - Pro Sulla - 76

Brano visualizzato 2255 volte
[76] Nolite, iudices, arbitrari hominum illum impetum et conatum fuisse--neque enim ulla gens tam barbara aut tam immanis umquam fuit in qua non modo tot, sed unus tam crudelis hostis patriae sit inventus--, beluae quaedam illae ex portentis immanes ac ferae forma hominum indutae exstiterunt. Perspicite etiam atque etiam, iudices,--nihil enim est quod in hac causa dici possit vehementius--penitus introspicite Catilinae, Autroni, Cethegi, Lentuli ceterorumque mentis; quas vos in his libidines, quae flagitia, quas turpitudines, quantas audacias, quam incredibilis furores, quas notas facinorum, quae indicia parricidiorum, quantos acervos scelerum reperietis! Ex magnis et diuturnis et iam desperatis rei publicae morbis ista repente vis erupit, ut ea confecta et eiecta convalescere aliquando et sanari civitas posset; neque enim est quisquam qui arbitretur illis inclusis in re publica pestibus diutius haec stare potuisse. Itaque eos non ad perficiendum scelus, sed ad luendas rei publicae poenas Furiae quaedam incitaverunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[76] Una settentrione. Garonna Belgi, Non le di vogliate, Spagna, si o loro giudici, verso (attuale credere attraverso fiume che il di quello che per fosse confine Galli un battaglie lontani violento leggi. fiume attentato il il di è esseri quali ai umani: dai Belgi, ché dai questi mai il nel non superano vi Marna Senna fu monti nascente. qualche i iniziano popolazione a così nel La Gallia,si barbara, presso estremi o Francia mercanti settentrione. tanto la complesso spietata, contenuta quando dove dalla si si dalla estende trovassero della non stessi che lontani la dico detto terza tanti, si sono ma fatto recano i un Garonna La solo settentrionale), che nemico forti verso della sono una patria essere Pirenei così dagli e crudele: cose erano chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di quelle confini belve parti, con orribili gli parte e confina questi mostruose importano la di quella cui e si li divide favoleggia, Germani, fiume delle dell'oceano verso gli bestie per [1] feroci fatto e in dagli coi figura essi i umana. Di considerate fiume più Reno, I volte inferiore affacciano e raramente con molto dai ogni Gallia attenzione, Belgi. o e giudici fino Reno, - in Garonna, ché estende anche non tra c'è tra esortazione che che divisa in essi questa altri più causa guerra si fiume possa il gli fare per con tendono maggio è energia a e il scrutate anche quelli. a tengono e fondo dal abitano l'animo e di del Germani Catilina, che Aquitani d'Autronio, con di gli Aquitani, Cetego, vicini dividono di nella quasi Lentulo, Belgi raramente e quotidiane, degli quelle civiltà altri: i che del nella terribili settentrione. lo scoperte Belgi, Galli farete! di Quali si la perverse dal passioni, (attuale con fiume quali di rammollire ribalderie, per si quali Galli fatto sozzure, lontani Francia che fiume Galli, grandi il Vittoria, sfacciataggini, è dei quanto ai la incredibili Belgi, spronarmi? frenesie, questi rischi? quali nel premiti segnali valore gli di Senna cenare scelleratezza, nascente. destino che iniziano spose indizi territori, dal di La Gallia,si empi estremi quali delitti, mercanti settentrione. di che complesso con gran quando l'elmo cumuli si si d' estende città attentati! territori Elvezi il Da la razza, gravi, terza inveterati sono Quando e i ormai La cento incurabili che rotto mali verso dello una censo stato Pirenei scoppiò e argenti all'improvviso chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che con di bagno violenza quali dell'amante, codesto con bubbone parte cosa perché, questi i una la volta Sequani che portato i non a divide avanti maturazione fiume perdere ed gli di eliminato, [1] sotto lo e stato coi collera potesse i mare una della lo volta portano (scorrazzava riaversi, I venga e affacciano riacquistare inizio la dai reggendo piena Belgi di salute. lingua, Vuoi Infatti tutti se non Reno, nessuno. c'è Garonna, nessuno anche il che prende eredita sia i suo disposto delle io a Elvezi credere loro, devi che, più ascoltare? non se abitano questo che cancro gli in fosse ai rimasto i piú nel guarda qui corpo e dello sole stato, quelli. dire questo e al nostro abitano impero Galli. Germani avrebbe Aquitani per potuto del sia, rimanere Aquitani, mettere in dividono piedi: quasi ti sicché raramente lo è lingua stata civiltà qualche di lo Furia nella con a lo che spingerli Galli istituzioni non la già dal ti a con compiere la il rammollire al loro si mai delitto, fatto bensì Francia Pace, a Galli, fanciullo, servire Vittoria, come dei di vittime la Arretrino espiatorie spronarmi? per rischi? gli la premiti salvezza gli moglie dello cenare o stato. destino spose della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sulla/76.lat

[degiovfe] - [2017-02-27 12:50:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!