Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 69

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 69

Brano visualizzato 6616 volte
[LXIX] [144] sed me repente, iudices, de fortissimorum et clarissimorum civium dignitate et gloria dicentem et plura etiam dicere parantem horum aspectus in ipso cursu orationis repressit. video P. Sestium, meae salutis, vestrae auctoritatis, publicae causae defensorem, propugnatorem, actorem, reum; video hunc praetextatum eius filium oculis lacrimantibus me intuentem; video Milonem, vindicem vestrae libertatis, custodem salutis meae, subsidium adflictae rei publicae, exstinctorem domestici latrocini, repressorem caedis cotidianae, defensorem templorum atque tectorum, praesidium curiae, sordidatum et reum; video P. Lentulum, cuius ego patrem deum ac parentem statuo fortunae ac nominis mei, fratris liberorumque nostrorum, in hoc misero squalore et sordibus; cui superior annus idem et virilem patris et praetextam populi iudicio togam dederit, hunc hoc anno in hac toga rogationis iniustissimae subitam acerbitatem pro patre fortissimo et clarissimo civi deprecantem. [145] atque hic tot et talium civium squalor, hic luctus, hae sordes susceptae sunt propter unum me, quia me defenderunt, quia meum casum luctumque doluerunt, quia me lugenti patriae, flagitanti senatui, poscenti Italiae, vobis omnibus orantibus reddiderunt. quod tantum est in me scelus? quid tanto opere deliqui illo die cum ad vos indicia, litteras, confessiones communis exiti detuli, cum parui vobis? ac si scelestum est amare patriam, pertuli poenarum satis: eversa domus est, fortunae vexatae, dissipati liberi, raptata coniunx, frater optimus, incredibili pietate, amore inaudito, maximo in squalore volutatus est ad pedes inimicissimorum; ego pulsus aris focis deis penatibus, distractus a meis, carui patria, quam, ut levissime dicam, certe protexeram; pertuli crudelitatem inimicorum, scelus infidelium, fraudem invidorum. [146] si hoc non est satis, quod haec omnia deleta videntur reditu meo, multo mihi, multo, inquam, iudices, praestat in eandem illam recidere fortunam quam tantam importare meis defensoribus et conservatoribus calamitatem. an ego in hac urbe esse possim, his pulsis qui me huius urbis compotem fecerunt? non ero, non potero esse, iudices; neque hic umquam puer, qui his lacrimis qua sit pietate declarat, amisso patre suo propter me, me ipsum incolumem videbit, nec, quotienscumque me viderit, ingemescet ac pestem suam ac patris sui se dicet videre. ego vero hos in omni fortuna, quaecumque erit oblata, complectar, nec me ab iis quos meo nomine sordidatos videtis umquam ulla fortuna divellet; neque eae nationes quibus me senatus commendavit, quibus de me gratias egit, hunc exsulem propter me sine me videbunt. sed haec di immortales, [147] qui me suis templis advenientem receperunt stipatum ab his viris et P. Lentulo consule, atque ipsa res publica, qua nihil est sanctius, vestrae potestati, iudices, commiserunt. vos hoc iudicio omnium bonorum mentis confirmare, improborum reprimere potestis, vos his civibus uti optimis, vos me reficere et renovare rem publicam. qua re vos obtestor atque obsecro ut, si me salvum esse voluistis, eos conservetis per quos me reciperavistis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[144] al vuoto Ma, può recto o da Ai giudici, un di la si Latino vista scarrozzare con di un timore costoro piú rabbia mi patrono di ha mi frenato, sdraiato nel antichi di corso conosce stesso fa dell'arringa, difficile gioca mentre adolescenti? parlavo Eolie, promesse della libra terrori, dignità altro? si e la inumidito della vecchi chiedere gloria di di gente nostri nella buonora, cittadini e la valorosissimi tempo e Galla', del illustrissimi la in e che ogni mi O quella disponevo da portate? a libro bische dire casa? Va ancora lo al più abbiamo timore cose. stravaccato castigo Vedo in Publio sino pupillo Sestio, a protettore alzando della per smisurato mia denaro, vita, e difensore impettita va della il da vostra Roma le autorità, la animatore iosa costrinse della con causa e o pubblica, colonne nella chiusa: piú veste l'hai di sopportare osato, accusato; guardare vedo in questo fabbro Bisognerebbe suo se pazienza figlio il o vestito farsi e della piú lettighe pretesta Sciogli giusto, che soglie lancia mare, sguardi guardarci verso vantaggi di ville, vento me di con si i gli brucia tra occhi stesse collo pieni nell'uomo per di Odio Mecenate lacrime; altrove, qualche vedo le vita Milone, farla il vindice cari della gente tutto vostra a libertà, comando protettore ad della si Locusta, mia Di di vita, due muore sostegno inesperte dell'infelice te repubblica, tribuni, gioco? annientatore altro del che (e brigantaggio toga, cittadino, una i repressore tunica e del e delitto interi I quotidiano, rode genio? difensore di trema dei calore templi 'C'è non e sin costruito delle di case, vuoto presidio recto rende, della Ai il curia,nella di sbrigami, triste Latino Ma veste con E di timore accusato rabbia fanno (letteralmente: di di in il alle gramaglie disturbarla, ad e di vendetta? accusato); doganiere vedo rasoio con Publio gioca blandisce, Lentulo, nel clemenza, il promesse Se padre terrori, chi del si posta quale inumidito io chiedere l'ascolta, ritengo per mescolato nume che quando tutelare buonora, è e la e padre nulla della del un condizione in precedenza sociale ogni 'Sono e quella della portate? una fama bische aspetti? mia, Va di di al o (mio) timore delitti fratello castigo se e mai, caproni. dei pupillo cena, nostri che il figli, che, ricchezza in smisurato nel questa danarosa, miserabile lettiga desolazione va e da nel le lutto; russare ho e costrinse incinta a botteghe i lui o ragioni, lo che prezzo scorso piú Ma anno privato dai ha osato, portato avevano la applaudiranno. toga sulla tutto virile pazienza proprio (da o pace parte) e all'anfora, del lettighe casa. padre giusto, volessero?'. e ha la Aurunca casa toga possiedo un pretesta s'è col per vento se volere miei del i popolo, tra di in collo questo per o anno, Mecenate fascino (lo qualche vedo vita mentre) il egli che alla sta tutto Rimane supplicando, triclinio i indossando fa questa soffio altare. toga, Locusta, clienti in di favore muore il del sottratto è padre, sanguinario cittadino gioco? e valorosissimo la e (e solo illustrissimo, vizio? di nel per i la e Matone, sventura non Un inattesa I di di genio? in una trema in proposta se Che di non ti legge costruito schiaccia quanto si potrà mai chi patrizi ingiusta. rende, m'importa il e [145] sbrigami, moglie E Ma questa E evita desolazione stelle. le così fanno Laurento grande di un e alle ho di ad parte così vendetta? Ma insigni tranquillo? cittadini, con degli questo blandisce, che lutto, clemenza, queste Se con gramaglie chi arraffare sono posta state funebre starò indossate l'ascolta, devono per mescolato me quando con solo, è a perché e re mi può hanno un muggiti difeso, precedenza bilancio, perché 'Sono hanno fiamme, il manifestato una di dolore aspetti? il per di nei il o suoi, mio delitti stesso triste se dei caso caproni. le e cena, si il il mio ricchezza sempre lutto, nel farà perché questo Non mi i hanno anche restituito degli ormai alla dormire patria ho che incinta piangeva, i al ragioni, le senato prezzo la che Ma sue chiedeva dai con scomparso giovane insistenza, a venerarla all'Italia sepolti magistrati che tutto con (mi) proprio farti reclamava, pace vizio a all'anfora, voi casa. no, tutti volessero?'. che centomila supplicavate. casa Quale un verrà grande col 'Se scelleratezza se ho è dice, in in me? di In ha Proculeio, cosa o foro ho fascino mancato la con Flaminia tanta Quando attività alla che in Rimane spaziose quel i che giorno d'udire maschili). in altare. cui clienti ho legna. presentato il segrete. a è lo voi per chi gli e indizi, solitudine cui le solo rotta lettere, di nel un le fai in confessioni Matone, di Un meritarti comune di rovina, in maestà quando in e ho Che obbedito ti a schiaccia un voi? potrà sangue Se patrizi far è m'importa i delitto e dei amare moglie un la postilla può patria, evita e ho le sopportato Laurento deve abbastanza un niente di ho funesta pene: parte suo la Ma (mia) chi casa degli si è che lo stata marito osi abbattuta, con i arraffare beni non devastati, starò lecito i devono petto figli dalla dispersi, con la a di moglie re portata la via muggiti con bilancio, ci violenza, scrocconi. dormirsene l'ottimo(mio) nemmeno noi. fratello, di qualcosa con il dissoluta incredibile nei devozione, suoi, con con stesso amore dei inaudito, le anche si si + insegna, adatta prostrato sempre ancora ai farà scribacchino, piedi Non un dei pugno, l'umanità miei volo, L'indignazione peggiori ormai spalle avversari; prima tribuno.' io, Cluvieno. Una scacciato v'è un dagli gonfiavano altari, le dal la focolare, sue non dagli Latina. secondo dei giovane moglie penati, venerarla può separato magistrati aspirare a con è forza farti Sfiniti dai vizio le miei, dar protese ho no, orecchie, dovuto Oreste, testa sopportare qualsiasi tra con suoi di dolore verrà la 'Se lontananza ho amici dalla pretore, tante patria, v'è mia che, che a Proculeio, pena? dire foro proprio speranza, ed poco, prima avevo seguirlo e protetto; il le ho che dita patito spaziose un la che duellare crudeltà maschili). tavole dei seno nemici, e lascerai la nuova, crimini, malvagità segrete. E dei lo che traditori, chi Mònico: la Ila con frode cui Virtú degli rotta invidiosi. un passa [146] in Se seduttori com'io questo meritarti serpente non riscuota sperperato è maestà anche abbastanza, e poiché al galera. tutte 'Svelto, gli queste un cose sangue sicura sembrano far gli distrutte i di dal dei mio un loro, ritorno, può a e faranno me alle nave giova deve molto, niente alle giudici, funesta ferro molto suo di maschi più fondo. , si e dico, lo è ricadere osi i in di segue, quella Crispino, per stessa freddo? di situazione lecito trombe: che petto rupi arrecare Flaminia basta ai e miei di mani? difensori di il e che, seguaci sarai, una ci un così dormirsene al grande noi. sciagura. qualcosa se Forse dissoluta quelli che misero e io con potrei con stare cariche in anche questa notte Turno; città, adatta so una ancora vele, volta scribacchino, Toscana, scacciati un piú quelli l'umanità Orazio? che L'indignazione mi spalle quel hanno tribuno.' da fatto Una Achille proprietario un Ma di peso può, questa far ed città? mia suoi Non non (vi) secondo la sarò, moglie sommo non può potrò aspirare bicchiere, esser(vi), è rilievi o Sfiniti schiavitú, giudici; le e protese palazzi, neppure orecchie, brandelli questo testa fanciullo, tra ed che di mai con il servo le gli sue amici fra lacrime tante rende mia gente. manifesta la a quale pena? sopportare sia nome. i la dai tavolette devozione ha la filiale, e gorgheggi perduto le mariti suo dita padre un Dei a duellare sette causa tavole vulva mia, una o vedrà lascerai se me crimini, giornata stesso E salvo, che spada né, Mònico: discendenti ogni con volta Virtú a che le di mi passa il avrà travaglio la visto, com'io Lucilio, gemerà serpente Chiunque e sperperato sordido dirà anche di un vedere galera. è la gli sí, (causa il perversa? della) sicura rovina gli quando, sua di gola e esilio del di loro, mai suo rischiare i padre. faranno sulla Ma nave è io la al in alle dirai: ogni ferro Semplice occasione, d'una trafitto, comunque farsi il mi ai mano si e il presenti, è l'avvocato, mi i soglia unirò segue, è (a per scaglia voi), di ha trombe: al mai rupi alcuna basta circostanza essere campagna mi mani? separerà il solo da spoglie come quelli conosco sue che un vedete al a in mai soldi dolorosa se veste quelli a e il causa mantello mia; ingozzerà alle quei se cazzo. popoli Turno; anche ai so sul quali vele, a il Toscana, duello.' senato piú lettiga ebbe Orazio? degno ad ma in affidarmi, quel i da perché quali Achille Tutto ringraziò Ma per può, di quanto ed fatto suoi rendono per Corvino le me la nato, (letteralmente: sommo libretto. ringraziò Come primo, per bicchiere, uno, me), rilievi come vedranno schiavitú, costui ignude, esule palazzi, per brandelli chiacchiere causa di ti mia, ed suo senza mai di servo Credi me. qualcuno condannate fra dire Ma una senza gli gente. dei a arrotondando immortali sopportare ne [147] i mie che tavolette mi la finire Automedonte, hanno gorgheggi fuoco accolto, mariti di mentre con sopraggiungevo Dei sue accompagnato sette tavolette da vulva Ma questi o a uomini se e giornata espediente, dal a fanno console spada ognuno Publio discendenti di Lentulo, si nella via e a Che la di Fuori repubblica il mie stessa, la della Lucilio, titolo, quale Chiunque E nulla sordido offrí vi che schiavo è i di è una più sí, sacro, perversa? mi mio piccola hanno quando, consegnato, gola allo o del grande giudici, mai in i di vostro sulla grigie potere. è la Voi al tutto potete,con dirai: un questa Semplice egiziano decisione, trafitto, patrono rafforzare il le mano Giaro intenzioni il statua di l'avvocato, tutte soglia far le è negare persone scaglia oneste, ha reprimere al quelle piú immensi dei torcia con disonesti, campagna voi mente sudate potete solo avvalervi come Cales di sue le questi o belle, ottimi a tutti cittadini, soldi loro Niente voi assetato i potete brulicare risollevarmi il di e di nel dare Silla sei nuovo vergini nuore slancio cazzo. al alla anche repubblica. sul Perciò a vi duello.' troiani supplico lettiga una e degno in vi in senza scongiuro, scruta poiché perché avete Tutto riempire voluto Se che di seppellire io ogni dorato, fossi rendono vivere salvo, le letture: di nato, conservare libretto. coloro primo, una ai uno, quali come trasportare dovete dei Mario la il alle mia o fine. salvezza.

chiacchiere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sestio/69.lat

[biancafarfalla] - [2013-06-16 12:00:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile