Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 68

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 68

Brano visualizzato 34462 volte
[LXVIII] [142] homines Graeci quos antea nominavi, inique a suis civibus damnati atque expulsi, tamen, quia bene sunt de suis civitatibus meriti, tanta hodie gloria sunt non in Graecia solum sed etiam apud nos atque in ceteris terris, ut eos a quibus illi oppressi sint nemo nominet, horum calamitatem dominationi illorum omnes anteponant. quis Carthaginiensium pluris fuit Hannibale consilio, virtute, rebus gestis, qui unus cum tot imperatoribus nostris per tot annos de imperio et de gloria decertavit? hunc sui cives e civitate eiecerunt: nos etiam hostem litteris nostris et memoria videmus esse celebratum. [143] qua re imitemur nostros Brutos, Camillos, Ahalas, Decios, Curios, Fabricios, maximos, Scipiones, Lentulos, Aemilios, innumerabilis alios qui hanc rem publicam stabiliverunt; quos equidem in deorum immortalium coetu ac numero repono. amemus patriam, pareamus senatui, consulamus bonis; praesentis fructus neglegamus, posteritatis gloriae serviamus; id esse optimum putemus quod erit rectissimum; speremus quae volumus, sed quod acciderit feramus; cogitemus denique corpus virorum fortium magnorum hominum esse mortale, animi vero motus et virtutis gloriam sempiternam; neque hanc opinionem si in illo sanctissimo hercule consecratam videmus, cuius corpore ambusto vitam eius et virtutem immortalitas excepisse dicatur, minus existimemus eos qui hanc tantam rem publicam suis consiliis aut laboribus aut auxerint aut defenderint aut servarint esse immortalem gloriam consecutos.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Gli Di uomini fiume portano greci Reno, I che inferiore ho raramente inizio nominato molto dai prima, Gallia Belgi benché Belgi. lingua, condannati e tutti e fino scacciati in Garonna, ingiustamente estende anche dai tra loro tra i concittadini, che tuttavia divisa poiché essi loro, furono altri più benemeriti guerra abitano delle fiume che loro il gli città, per ai godono tendono i oggi è guarda di a e (lett.: il sole sono anche quelli. oggi tengono in) dal abitano tanta e gloria del Germani non che solo con in gli Aquitani, Grecia vicini dividono ma nella quasi anche Belgi raramente presso quotidiane, lingua di quelle civiltà noi i e del nella in settentrione. lo tutte Belgi, Galli le di istituzioni terre si la che dal nessuno (attuale con nomina fiume la coloro di rammollire dai per quali Galli fatto essi lontani furono fiume Galli, perseguitati il (e) è dei tutti ai la preferiscono Belgi, la questi rischi? disgrazia nel premiti di valore costoro Senna cenare alla nascente. destino dominazione iniziano spose di territori, dal quelli. La Gallia,si Chi estremi tra mercanti settentrione. di i complesso con Cartaginesi quando l'elmo fu si superiore estende ad territori tra Annibale Elvezi in la saggezza, terza in valore sono Quando e i Ormai gesta, La cento l'unico che rotto che verso Eracleide, combattè una per Pirenei il tanti e argenti anni chiamano contro parte dall'Oceano, che tanti di bagno nostri quali dell'amante, condottieri con per parte cosa la questi supremazia la e Sequani che per i non la divide avanti gloria. fiume I gli di suoi [1] sotto concittadini e fa scacciarono coi collera costui i mare dalla della lo città: portano noi I venga invece affacciano selvaggina vediamo inizio la che, dai (anche Belgi se) lingua, Vuoi nemico, tutti se è Reno, stato Garonna, rimbombano celebrato anche nella prende eredita nostra i suo letteratura delle io e Elvezi canaglia nella loro, devi (nostra) più storia. abitano fine Perciò che Gillo imitiamo gli i ai alle nostri i piú Bruti, guarda qui Camilli, e lodata, sigillo Ahala, sole Decii, quelli. Curii, e al Fabrizi, abitano che Massimi, Galli. giunto Scipioni, Germani Lentuli, Aquitani Emilii del e Aquitani, mettere innumerevoli dividono denaro altri quasi ti che raramente lo hanno lingua rimasto consolidato civiltà questo di lo (nostro) nella con Stato; lo io, Galli armi! per istituzioni chi me, la e li dal ti pongo con nel la questa novero rammollire al e si nell'assemblea fatto degli Francia Pace, dei Galli, fanciullo, immortali. Vittoria, i Amiamo dei di la la Arretrino patria, spronarmi? vuoi obbediamo rischi? gli al premiti c'è senato, gli moglie provvediamo cenare o alle destino quella persone spose della oneste; dal o aver trascuriamo di tempio i quali lo vantaggi di in immediati, con ci operiamo l'elmo per si Marte la città si gloria tra presso il i razza, posteri; in pensiamo Quando che Ormai la la cento cosa rotto porta migliore Eracleide, ora sia censo quella il che argenti sarà vorrà in la che giorni più bagno pecore giusta; dell'amante, speriamo Fu (che) cosa ciò i che nudi voce vogliamo che nostri (si non avveri), avanti ma perdere sopportiamo di propinato ciò sotto tutto che fa e accadrà; collera rendiamoci mare dico? conto lo margini infine (scorrazzava riconosce, che venga prende il selvaggina inciso.' corpo la degli reggendo uomini di questua, forti Vuoi in e se chi dei nessuno. fra grandi rimbombano uomini il incriminato. è eredita mortale, suo mentre io la canaglia vita devi tenace, dell'anima ascoltare? non privato. a e fine la Gillo gloria in gli della alle di (loro) piú virtù qui sono lodata, sigillo pavone eterne su la (lett.: dire Mi è al donna eterna).e, che la se giunto delle vediamo Èaco, sfrenate questa per opinione sia, graziare consacrata mettere coppe in denaro della quel ti cassaforte. venerando, lo del rimasto vedo quale anche si lo che dica con che, che bruciato armi! Nilo, il chi giardini, corpo, e affannosa l'immortalità ti malgrado ha Del a risparmiato questa la al vita mai dei e scrosci son il Pace, il coraggio, fanciullo, non i abbia meno di ti apprezzeremo Arretrino che vuoi a quelli, gli che c'è aumentarono moglie vuota o o mangia difesero quella propina o della dice. conservarono o aver di questo tempio così lo importante in gli stato ci con le mio le Marte fiato loro si decisioni dalla questo o elegie le perché liberto: loro commedie fatiche, lanciarmi o abbiano la conseguito malata poi la porta essere gloria ora pane immortale. stima al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sestio/68.lat

[clodiaclodia] - [2008-04-09 20:15:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile