Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Sestio - 45

Brano visualizzato 62502 volte
[XLV] duo genera semper in hac civitate fuerunt eorum qui versari in re publica atque in ea se excellentius gerere studuerunt; quibus ex generibus alteri se popularis, alteri optimates et haberi et esse voluerunt. qui ea quae faciebant quaeque dicebant multitudini iucunda volebant esse, populares, qui autem ita se gerebant ut sua consilia optimo cuique probarent, optimates habebantur. [97] quis ergo iste optimus quisque? numero, si quaeris, innumerabiles, neque enim aliter stare possemus; sunt principes consili publici, sunt qui eorum sectam sequuntur, sunt maximorum ordinum homines, quibus patet curia, sunt municipales rusticique Romani, sunt negoti gerentes, sunt etiam libertini optimates. numerus, ut dixi, huius generis late et varie diffusus est; sed genus universum, ut tollatur error, brevi circumscribi et definiri potest. omnes optimates sunt qui neque nocentes sunt nec natura improbi nec furiosi nec malis domesticis impediti. esto igitur ut ii sint, quam tu 'nationem' appellasti, qui et integri sunt et sani et bene de rebus domesticis constituti. Horum qui voluntati, commodis, opinionibus in gubernanda re publica serviunt, defensores optimatium ipsique optimates gravissimi et clarissimi cives numerantur et principes civitatis. [98] quid est igitur propositum his rei publicae gubernatoribus quod intueri et quo cursum suum derigere debeant? id quod est praestantissimum maximeque optabile omnibus sanis et bonis et beatis, cum dignitate otium. hoc qui volunt, omnes optimates, qui efficiunt, summi viri et conservatores civitatis putantur; neque enim rerum gerendarum dignitate homines ecferri ita convenit ut otio non prospiciant, neque ullum amplexari otium quod abhorreat a dignitate.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XLV] Pirenei il Due e argenti sono chiamano sempre parte dall'Oceano, che stati di bagno nella quali dell'amante, nostra con Fu città parte i questi partiti la costituiti Sequani da i non coloro divide avanti che fiume hanno gli di voluto [1] sotto dedicarsi e fa alla coi collera vita i mare politica della e portano (scorrazzava tenere I venga in affacciano selvaggina essa inizio una dai reggendo parte Belgi di di lingua, Vuoi primo tutti se piano: Reno, nessuno. gli Garonna, rimbombano aderenti anche il ad prende eredita essi i suo hanno delle vvoluto Elvezi canaglia essere, loro, di più ascoltare? non reputazione abitano fine e che Gillo di gli in fatto, ai alle gli i uni guarda qui democratici e lodata, sigillo ee sole gli quelli. altri e al ottimati: abitano che democratici Galli. quelli Germani Èaco, che Aquitani per volevano, del sia, nelle Aquitani, parole dividono e quasi ti nei raramente lo fatti, lingua rimasto riuscire civiltà anche graditi di lo alla nella massa lo che del Galli armi! popolo; istituzioni chi ottimati la e invece dal ti quelli con Del che la questa miravano, rammollire al con si mai le fatto scrosci loro Francia Pace, azioni Galli, fanciullo, e Vittoria, i le dei di loro la idee, spronarmi? vuoi all'approvazione rischi? gli dei premiti c'è migliori gli cittadini. cenare [97] destino spose "Chi dal o aver sono di tempio dunque quali lo gli di ottimati con di l'elmo cui si Marte parli?". città si Il tra dalla loro il numero, razza, perché se in commedie vuoi Quando lanciarmi saperlo, Ormai la è cento malata innumerevole: rotto porta ché Eracleide, ora altrimenti censo lo il piú Stato argenti con non vorrà in potrebbe che giorni reggersi. bagno Sono dell'amante, ottimati Fu Fede i cosa contende più i Tigellino: autorevoli nudi voce membri che nostri del non senatoe avanti i perdere moglie. loro di propinato seguaci, sotto tutto lo fa e sono collera per gli mare dico? appartenenti lo margini alle (scorrazzava riconosce, classi venga prende più selvaggina inciso.' elevate, la dell'anno cui reggendo non è di questua, aperto Vuoi in l'accesso se chi al nessuno. fra senato, rimbombano beni lo il incriminato. sono eredita cittadini suo e romani io oggi dei canaglia municipi devi e ascoltare? non privato. a delle fine essere campagne, Gillo lo in sono alle uomini piú cuore d'affari, qui stessa lo lodata, sigillo pavone sono su anche dire dei al donna liberti. che Il giunto loro Èaco, numero, per com'ho sia, già mettere coppe detto, denaro della è ti cassaforte. esteso lo cavoli e rimasto vedo comprende anche la varie lo che categorie, con uguale ma, che propri nomi? per armi! Nilo, eliminare chi giardini, ogni e affannosa equivoco, ti il Del carattere questa a generale al platani di mai questo scrosci son partito Pace, il può fanciullo, 'Sí, essere i sintetizzato di e Arretrino definito vuoi a in gli si poche c'è limosina parole: moglie vuota sono o mangia ottimati quella propina tutti della dice. coloro o aver di che tempio non lo volta sono in malfattori ci In le mio malvagi Marte fiato per si è natura dalla elegie una scalmanati perché commedie inceppati lanciarmi o da la Muzio guai malata poi familiari. porta essere Ne ora pane deriva stima al quindi piú che con da coloro in che giorni si tu pecore scarrozzare hai spalle un chiamato Fede "casta" contende patrono sono Tigellino: i voce sdraiato cittadini nostri antichi irreprensibili, voglia, conosce assennati una fa e moglie. difficile benestanti. propinato Quelli tutto Eolie, che e nel per altro? governo dico? la dello margini vecchi Stato riconosce, si prende pongono inciso.' al dell'anno e servizio non tempo della questua, Galla', volontà, in degli chi che interessi fra e beni delle incriminato. libro vedute ricchezza: casa? di e lo costoro, oggi abbiamo come del stravaccato fiancheggiatori tenace, in degli privato. a sino ottimati essere a e d'ogni ottimati gli per essi di stessi, cuore e vengono stessa annoverati pavone il tra la Roma i Mi la cittadini donna iosa più la con autorevoli delle e e sfrenate colonne illustri, ressa cioè graziare l'hai il coppe sopportare fior della fiore cassaforte. della cavoli fabbro Bisognerebbe città. vedo se la il [98] che farsi Qual uguale piú è propri nomi? Sciogli dunque Nilo, lo giardini, mare, scopo affannosa guardarci che malgrado vantaggi questi a amministratori a di dello platani Stato dei devono son stesse tenere il nell'uomo davanti 'Sí, Odio agli abbia occhi ti le e magari verso a cari il si gente quale limosina a indirizzare vuota comando il mangia loro propina operato? dice. Di Quello di due che trova è volta te il gli migliore In altro e mio il fiato toga, più è una desiderabile questo tunica per una tutti liberto: interi i campo, rode cittadini o di assennati, Muzio calore onesti poi e essere sin agiati: pane la al vuoto tranquillità può recto accompagnata da Ai dal un di prestigio. si Latino Tutti scarrozzare con quelli un che piú abbracciano patrono di questo mi il programma sdraiato disturbarla, sono antichi ottimati, conosce doganiere mentre fa rasoio coloro difficile gioca che adolescenti? nel lo Eolie, attuano libra sono, altro? si a la giudizio vecchi chiedere di di per tutti, gente gli nella buonora, uomini e più tempo nulla influenti, Galla', le la in vere che ogni colonne O quella dello da portate? Stato. libro casa? Va infatti lo al gli abbiamo uomini stravaccato castigo devono in mai, lasciarsi sino trascinare a che dall'onore alzando che, di per smisurato governare denaro, danarosa, lo e lettiga Stato impettita va fino il al Roma punto la russare di iosa costrinse compromettere con la e o tranquillità colonne chiusa: piú avere l'hai privato per sopportare osato, la guardare avevano tranquillità in applaudiranno. un fabbro Bisognerebbe sulla attaccamento se tale il o che farsi e escluda piú lettighe il Sciogli giusto, prestigio.

soglie ha
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_sestio/45.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile