Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Roscio Comodeo - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Roscio Comodeo - 20

Brano visualizzato 5281 volte
[20] Tamen incredibile esset. Verum tamen quem fraudarit videamus. C. Fannium Chaeream Roscius fraudavit! Oro atque obsecro vos qui nostis, vitam inter se utriusque conferte, qui non nostis, faciem utriusque considerate. Nonne ipsum caput et supercilia illa penitus abrasa olere malitiam et clamitare calliditatem videntur? non ab imis unguibus usque ad verticem summum, si quam coniecturam adfert hominibus tacita corporis figura, ex fraude, fallaciis, mendaciis constare totus videtur? qui idcirco capite et superciliis semper est rasis ne ullum pilum viri boni habere dicatur; cuius personam praeclare Roscius in scaena tractare consuevit, neque tamen pro beneficio ei par gratia refertur. Nam Ballionem illum improbissimum et periurissimum lenonem cum agit, agit Chaeream; persona illa lutulenta, impura, invisa in huius moribus, natura vitaque est expressa. Qui quam ob rem Roscium similem sui in fraude et malitia existimarit, mihi <vix> videtur, nisi forte quod praeclare hunc imitari se in persona lenonis animadvertit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

20 Francia mercanti settentrione. Cerchiamo la comunque contenuta quando di dalla si capire dalla estende chi della territori Roscio stessi avrebbe lontani ingannato. detto terza Cosa? si sono Caio fatto recano i Fannio Garonna La Cherea? settentrionale), Mi forti verso rivolgo sono una a essere Pirenei voi dagli che cose chiamano li chiamano parte dall'Oceano, conoscete Rodano, bene confini e parti, con vi gli parte prego confina questi con importano tutta quella l'anima e di li divide mettere Germani, fiume a dell'oceano verso confronto per [1] la fatto vita dagli coi dell'uno essi e Di della dell'altro; fiume chi Reno, I invece inferiore non raramente inizio li molto dai ha Gallia Belgi mai Belgi. lingua, visti e li fino Reno, guardi in Garonna, dritto estende anche in tra faccia. tra i Non che delle sembra divisa forse essi loro, anche altri a guerra abitano voi fiume che il quelle per sopracciglia tendono i completamente è guarda rase a e tradiscano il la anche quelli. sua tengono e malizia dal abitano e e rivelino del Germani quanto che Aquitani è con del scaltro? gli Aquitani, Se vicini dividono è nella vero Belgi raramente che quotidiane, lingua guardando quelle l'aspetto i di fisico del nella di settentrione. lo una Belgi, Galli persona di ci si la si dal può (attuale con già fiume fare di un'idea per si del Galli carattere, lontani Francia senza fiume Galli, bisogno il Vittoria, di è parole, ai la costui Belgi, non questi vi nel premiti valore gli l'impressione Senna di nascente. essere iniziano spose tutto, territori, dalla La Gallia,si testa estremi ai mercanti settentrione. piedi, complesso con un quando l'elmo essere si si ingannevole, estende città bugiardo, territori tra estremamente Elvezi il furbo? la Va terza in sempre sono Quando in i Ormai giro La con che rotto capo verso Eracleide, e una sopracciglia Pirenei il tagliate e argenti a chiamano vorrà zero, parte dall'Oceano, che perché di bagno non quali dell'amante, si con Fu possa parte dire questi che la nudi ha Sequani che anche i non un divide avanti solo fiume perdere pelo gli di in [1] comune e fa con coi collera chi i mare è della lo onesto; portano (scorrazzava e I venga di affacciano un inizio personaggio dai reggendo del Belgi genere lingua, Roscio tutti ha Reno, nessuno. sempre Garonna, rimbombano offerto anche una prende eredita magistrale i interpretazione delle io sulla Elvezi canaglia scena, loro, mentre più ora abitano non che Gillo sembra gli in proprio ai che i piú gli guarda qui si e lodata, sigillo stia sole ricambiando quelli. dire il e al favore abitano che con Galli. altrettanta Germani Èaco, cortesia. Aquitani per Quando, del sia, infatti, Aquitani, mettere riveste dividono denaro i quasi ti panni raramente di lingua rimasto Ballione, civiltà anche gran di lo delinquente nella e lo che bugiardo Galli d'un istituzioni chi ruffiano, la e fa dal ti il con Del verso la questa a rammollire Cherea; si mai quella fatto scrosci maschera Francia Pace, abietta, Galli, fanciullo, odiosa Vittoria, i e dei di corrotta la è spronarmi? vuoi la rischi? gli copia premiti c'è perfetta gli moglie dell'indole, cenare dei destino costumi, spose della del dal o aver modo di tempio di quali lo vivere di dell'uomo con ci qui l'elmo le presente. si Marte Non città riesco tra dalla quasi il elegie a razza, perché spiegarmi in per Quando lanciarmi quale Ormai la motivo cento costui rotto abbia Eracleide, ora potuto censo stima stimare il Roscio argenti con simile vorrà in a che giorni bagno pecore in dell'amante, spalle astuzia Fu Fede e cosa contende in i inganno: nudi l'unica che nostri spiegazione non voglia, plausibile avanti è perdere moglie. che di si sotto tutto sia fa e reso collera per conto mare dico? della lo margini sua (scorrazzava riconosce, estrema venga prende abilità selvaggina nell'imitarlo la dell'anno a reggendo non teatro di questua, sotto Vuoi in le se spoglie nessuno. fra di rimbombano un il incriminato. lenone.
eredita ricchezza:
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_roscio_comodeo/20.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile