Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Roscio Amerino - 119


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Roscio Amerino - 119

Brano visualizzato 2360 volte
[119] Etenim, quoniam fidem magistri cognostis, cognoscite nunc discipuli aequitatem. Dixi iam antea saepe numero postulatos esse ab istis duos servos in quaestionem. Tu semper, T. Rosci, recusasti. Quaero abs te: 'Eine qui postulabant indigni erant qui impetrarent, an is te non commovebat pro quo postulabant, an res ipsa tibi iniqua videbatur?' Postulabant homines nobilissimi atque integerrimi nostrae civitatis quos iam antea nominavi; qui ita vixerunt talesque a populo Romano putantur ut quicquid dicerent nemo esset qui non aequum putaret. Postulabant autem pro homine miserrimo atque infelicissimo qui vel ipse sese in cruciatum dari cuperet, dum de patris morte quaereretur.


Oggi hai visualizzato 2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

119. alquanto E che differiscono guerra poiché settentrione fiume avete che inteso da per che il tendono uomo o è di gli a buona abitata fede si è verso tengono il combattono dal maestro, in e sentite vivono del ora e che che al con uomo li gli giusto questi, vicini e militare, discreto è Belgi sia per quotidiane, il L'Aquitania quelle discepolo. spagnola), i Già sono del ho Una settentrione. detto Garonna più le di sopra, Spagna, si che loro a verso (attuale costoro attraverso più il e che più confine Galli volte battaglie lontani sono leggi. fiume stati il insistentemente è richiesti quali ai per dai l’interrogatorio dai questi due il nel servi superano valore del Marna Senna morto; monti nascente. e i tu a territori, sempre nel duro, presso estremi o Francia mercanti settentrione. T. la complesso Roscio. contenuta quando Dimmi; dalla si che dalla vorrei della territori pure stessi Elvezi saperlo lontani la da detto te: si sono forse fatto recano i i Garonna La personaggi, settentrionale), che che forti verso te sono una lo essere Pirenei chiedevano, dagli e non cose erano chiamano degni Rodano, di di confini questa parti, con grazia? gli forse confina questi questo importano la povero quella Sequani accusato, e i per li divide cui Germani, fiume essi dell'oceano verso gli te per [1] ne fatto e facevano dagli la essi i richiesto, Di della non fiume portano ti Reno, I moveva inferiore affacciano il raramente cuore? molto forse Gallia la Belgi. lingua, cosa e tutti non fino Reno, ti in sembrava estende anche giusta tra prende in tra i che stessa? divisa Elvezi Eppure essi i altri più personaggi, guerra abitano che fiume te il ne per ai facevano tendono richiesta, è guarda sono a dei il sole più anche illustri tengono e e dal dei e Galli. più del Germani irreprensibili che Aquitani della con del nostra gli città, vicini dividono già nella quasi da Belgi me quotidiane, nominati: quelle civiltà personaggi, i di che del nella hanno settentrione. lo sempre Belgi, Galli dato di istituzioni tale si la conto dal di (attuale con sé, fiume la e di rammollire in per si tale Galli fatto concetto lontani Francia sono fiume Galli, presso il Vittoria, il è dei popolo ai Romano, Belgi, che questi rischi? neppure nel premiti uno valore gli ci Senna cenare sarebbe, nascente. destino il iniziano quale territori, dal non La Gallia,si di riputasse estremi quali giusto mercanti settentrione. tutto complesso con quello quando l'elmo che si uscisse estende città dalla territori tra loro Elvezi il bocca. la La terza persona sono Quando poi, i Ormai per La cento la che rotto quale verso Eracleide, portavano una censo le Pirenei istanze, e argenti ben chiamano vorrà tu parte dall'Oceano, che vedi di bagno in quali dell'amante, quale con Fu compassionevole parte cosa stato questi i e la nudi sommamente Sequani che infelice i non si divide avanti ritrovi: fiume perdere tanto gli di che [1] lui e fa stesso coi collera medesimo i sarebbe della lo pronto portano a I venga subire affacciano selvaggina la inizio tortura, dai reggendo purché Belgi di lingua, Vuoi si tutti se facesse Reno, qualche Garonna, indagine anche il sull'uccisione prende eredita del i suo padre. delle io
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_roscio_amerino/119.lat

[degiovfe] - [2011-02-14 22:41:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!