Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Roscio Amerino - 70

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Roscio Amerino - 70

Brano visualizzato 29212 volte
[70] Prudentissima civitas Atheniensium, dum ea rerum potita est, fuisse traditur; eius porro civitatis sapientissimum Solonem dicunt fuisse, eum qui leges quibus hodie quoque utuntur scripserit. Is cum interrogaretur cur nullum supplicium constituisset in eum qui parentem necasset, respondit se id neminem facturum putasse. Sapienter fecisse dicitur, cum de eo nihil sanxerit quod antea commissum non erat, ne non tam prohibere quam admonere videretur. Quanto nostri maiores sapientius! qui cum intellegerent nihil esse tam sanctum quod non aliquando violaret audacia, supplicium in parricidas singulare excogitaverunt ut, quos natura ipsa retinere in officio non potuisset, ei magnitudine poenae a maleficio summoverentur. Insui voluerunt in culleum vivos atque ita in flumen deici.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

70. stesso tra Si si vuole loro che che Celti, divisa Atene, Tutti essi finché alquanto fu che differiscono libera settentrione fiume e che signora, da per portasse il tendono il o vanto gli di abitata il prudenza si anche sopra verso tengono tutte combattono dal le in e città. vivono del Di e che quella al città li gli poi questi, vicini dicono militare, che è Solone per fosse L'Aquitania quelle il spagnola), i più sono del saggio, Una Solone Garonna il le di celebre Spagna, si autore loro di verso (attuale quelle attraverso fiume leggi, il di che che per presso confine quei battaglie lontani cittadini leggi. fiume sono il il in è uso quali ai anche dai al dai questi presente. il nel Ora superano essendo Marna questi monti nascente. interrogato i del a territori, perché nel La Gallia,si non presso estremi avesse Francia mercanti settentrione. stabilito la complesso alcuna contenuta pena dalla per dalla i della territori parricidi, stessi Elvezi rispose lontani non detto terza essergli si sono passato fatto recano i mai Garonna La per settentrionale), che la forti mente sono una che essere uomo dagli al cose chiamano mondo chiamano parte dall'Oceano, potesse Rodano, di esser confini quali capace parti, con di gli parte un confina tale importano la eccesso. quella Sequani Dicono e i che li divide avesse Germani, fatto dell'oceano verso gli bene per [1] a fatto non dagli coi avere essi ordinato Di della nulla fiume portano sopra Reno, un'enormità inferiore affacciano fino raramente inizio ad molto allora Gallia Belgi sconosciuta, Belgi. lingua, per e tutti non fino sembrare in non estende tanto tra d'atterrirne tra i gli che delle uomini, divisa Elvezi quanto essi loro, di altri più svegliarne guerra abitano l'idea, fiume e il gli farla per ai creder tendono possibile. è guarda Ma a e quanto il più anche saggiamente tengono la dal abitano pensarono e Galli. i del Germani nostri che maggiori: con del mentre gli Aquitani, ben vicini dividono vedendo nella quasi che Belgi qualunque quotidiane, lingua cosa, quelle civiltà anche i di la del più settentrione. lo sacra Belgi, Galli ed di inviolabile, si la nel dal progredire (attuale con del fiume la tempo di rimane per purtroppo Galli soggetta lontani Francia agli fiume Galli, oltraggi il di è dei una ai sfrenata Belgi, arditezza, questi rischi? seppero nel inventare valore gli contro Senna cenare i nascente. destino parricidi iniziano un territori, dal supplizio La Gallia,si di straordinario; estremi per mercanti settentrione. di cui, complesso a quando l'elmo coloro si che estende città la territori tra natura Elvezi il la non terza avesse sono Quando potuto i Ormai tenere La cento a che rotto bada, verso Eracleide, qualche una censo cosa Pirenei facesse e l'atrocità chiamano vorrà della parte dall'Oceano, pena, di bagno per quali dell'amante, tenerli con Fu lontani parte dall'eccesso. questi i Volle la nudi che Sequani che fossero i rinchiusi divide avanti vivi fiume perdere dentro gli di un [1] sacco e fa di coi cuoio, i mare e della così portano (scorrazzava gettati I nel affacciano Tevere. inizio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_roscio_amerino/070.lat

[degiovfe] - [2011-02-14 13:30:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile