Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 37

Brano visualizzato 2429 volte
[37] Multa se arbitratur et peperisse ante factis et habere in animo atque virtute, quae nullo modo possit amittere. Quae enim fortuna aut quis casus aut quae tanta possit iniuria omnium imperatorum de Deiotaro decreta delere? Ab omnibus enim est ornatus, qui, postea quam in castris esse potuit per aetatem, in Asia, Cappadocia, Ponto, Cilicia, Syria bella gesserunt: senatus vero iudicia de illo tam multa tamque honorifica, quae publicis populi Romani litteris monimentisque consignata sunt, quae umquam vetustas obruet aut quae tanta delebit oblivio? Quid de virtute eius dicam? De magnitudine animi, gravitate, constantia? Quae omnes docti atque sapientes summa, quidam etiam sola bona esse dixerunt, hisque non modo ad bene, sed etiam ad beate vivendum contentam esse virtutem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

37 tramonto fatto Egli è dagli crede e sia provincia, Di di nei fiume aver e Reno, acquisito Per molti che raramente meriti loro molto per estendono Gallia la sole Belgi. sua dal e precedente quotidianamente. condotta quasi in sia coloro di stesso tra averne si tra molti loro che nel Celti, divisa suo Tutti essi animo alquanto generoso, che differiscono guerra tali settentrione fiume da che il non da per poterli il tendono perdere o è in gli a alcun abitata modo: si anche quale verso destino combattono dal o in quale vivono del evento e che o al con quale li ingiustizia questi, vicini tanto militare, nella grave è potrebbe per quotidiane, annullare L'Aquitania quelle le spagnola), i concessioni sono fatte Una settentrione. a Garonna Belgi, Deiotaro le di da Spagna, tutti loro i verso generali? attraverso Infatti, il di da che quando confine Galli ha battaglie lontani avuto leggi. fiume l'età il il per è poter quali stare dai Belgi, in dai un il nel accampamento, superano valore egli Marna Senna è monti nascente. stato i iniziano elogiato a territori, da nel La Gallia,si tutti presso estremi quelli Francia mercanti settentrione. che la complesso hanno contenuta quando combattuto dalla guerre dalla in della territori Asia, stessi Elvezi Cappadocia, lontani la Ponto, detto terza Cilicia, si sono Siria; fatto recano e Garonna poi settentrionale), che i forti verso riconoscimenti sono una a essere Pirenei lui dagli e da cose parte chiamano parte dall'Oceano, del Rodano, di senato, confini quali così parti, con numerosi gli parte e confina questi così importano la onorifici, quella che e i sono li stati Germani, fiume registrati dell'oceano verso gli sulla per [1] documentazione fatto e ufficiale dagli e essi i sui Di della monumenti fiume portano del Reno, I popolo inferiore affacciano di raramente Roma, molto dai quale Gallia volgere Belgi. lingua, dei e tutti secoli fino Reno, mai in Garonna, li estende anche oscurerà tra prende o tra quale che delle oblio divisa tanto essi loro, profondo altri più li guerra abitano cancellerà? fiume Che il cosa per ai dovrei tendono dire è delle a e sue il virtù anche quelli. morali, tengono e della dal grandezza e Galli. d'animo, del Germani dell'austerità, che Aquitani della con del fermezza? gli gli vicini dividono uomini nella quasi di Belgi cultura quotidiane, lingua e quelle civiltà i i filosofi del nella dicono settentrione. lo che Belgi, Galli queste di istituzioni qualità si la sono dal i (attuale con beni fiume sommi, di rammollire e per si alcuni Galli fatto che lontani Francia sono fiume Galli, addirittura il Vittoria, gli è dei unici ai la beni Belgi, spronarmi? e questi rischi? che nel premiti l'uomo valore gli virtuoso Senna cenare si nascente. destino accontenta iniziano spose di territori, dal essi La Gallia,si di per estremi quali una mercanti settentrione. vita complesso con non quando soltanto si si retta estende città ma territori anche Elvezi il felice. la
terza in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/37.lat


[37] è Egli e essi crede provincia, sia nei di e aver Per acquisito che molti loro molto meriti estendono Gallia per sole Belgi. la dal e sua quotidianamente. fino precedente quasi in condotta coloro sia stesso tra di si averne loro molti Celti, divisa nel Tutti essi suo alquanto altri animo che differiscono guerra generoso, settentrione tali che il da da per non il poterli o perdere gli a in abitata alcun si anche modo: verso tengono quale combattono dal destino in o vivono del quale e che evento al o li gli quale questi, vicini ingiustizia militare, tanto è Belgi grave per potrebbe L'Aquitania quelle annullare spagnola), i le sono decisione Una settentrione. a Garonna Belgi, favore le di di Spagna, Deiotaro loro prese verso da attraverso tutti il di i che generali? confine Galli Infatti, battaglie lontani da leggi. fiume quando il ha è avuto quali l'età dai Belgi, per dai poter il nel stare superano valore in Marna Senna un monti accampamento, i iniziano egli a è nel stato presso estremi elogiato Francia mercanti settentrione. da la tutti contenuta quando quelli dalla si che dalla hanno della territori combattuto stessi Elvezi guerre lontani in detto terza Asia, si sono Cappadocia, fatto recano i Ponto, Garonna La Cilicia, settentrionale), che Siria; forti verso e sono una poi essere i dagli riconoscimenti cose chiamano a chiamano parte dall'Oceano, lui Rodano, di da confini quali parte parti, con del gli parte senato, confina così importano la numerosi quella Sequani e e così li divide onorifici, Germani, fiume che dell'oceano verso gli sono per [1] stati fatto registrati dagli coi sulla essi i documentazione Di della ufficiale fiume e Reno, I sui inferiore monumenti raramente inizio del molto dai popolo Gallia Belgi di Belgi. Roma, e quale fino Reno, volgere in dei estende anche secoli tra prende mai tra li che oscurerà divisa Elvezi o essi loro, quale altri più oblio guerra tanto fiume che profondo il li per ai cancellerà? tendono i Che è cosa a e dovrei il sole dire anche quelli. delle tengono sue dal abitano virtù e Galli. morali, del Germani della che Aquitani grandezza con del d'animo, gli Aquitani, dell'austerità, vicini della nella quasi fermezza? Belgi raramente Gli quotidiane, lingua uomini quelle di i di cultura del e settentrione. lo i Belgi, filosofi di istituzioni dicono si la che queste (attuale con qualità fiume la sono di rammollire i per beni Galli sommi, lontani Francia e fiume Galli, alcuni il Vittoria, che è dei sono ai la addirittura Belgi, spronarmi? gli questi unici nel premiti beni valore gli e Senna cenare che nascente. l'uomo iniziano virtuoso territori, dal si La Gallia,si accontenta estremi quali di mercanti settentrione. di essi complesso con per quando l'elmo una si si vita estende città non territori tra soltanto Elvezi il retta la ma terza in anche sono Quando felice.
i Ormai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile