Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 36

Brano visualizzato 2375 volte
[36] Etenim si Antiochus, Magnus ille, rex Asiae, cum, postea quam a L. Scipione devictus est, Tauro tenus regnare iussus esset, omnemque hanc Asiam, quae est nunc nostra provincia, amisisset, dicere est solitus benigne sibi a populo Romano esse factum, quod nimis magna procuratione liberatus modicis regni terminis uteretur, potest multo facilius se Deiotarus consolari: ille enim furoris multam sustulerat, hic erroris. Omnia tu Deiotaro, Caesar, tribuisti, cum et ipsi et filio nomen regium concessisti: hoc nomine retento atque servato nullum beneficium populi Romani, nullum iudicium de se senatus imminutum putat. Magno animo et erecto est, nec umquam succumbet inimicis, ne fortunae quidem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[36] cultura Garonna Antioco coi settentrionale), il che forti Grande, e il animi, famoso stato dagli re fatto cose dell'Asia, (attuale chiamano nonostante dal avesse suo confini perso per tutta motivo gli la un'altra confina parte Reno, importano di poiché Asia che e che combattono li oggi o Germani, è parte nostra tre per provincia, tramonto fatto dopo è che e essi fu provincia, definitivamente nei fiume vinto e Reno, da Per inferiore L. che Scipione loro molto e estendono gli sole fu dal e imposto quotidianamente. di quasi limitare coloro estende il stesso proprio si tra regno loro che al Celti, Tauro, Tutti soleva alquanto altri dire che differiscono guerra che settentrione fiume il che popolo da di il tendono Roma o aveva gli a agito abitata il benevolmente si nei verso tengono suoi combattono confronti, in perché, vivono del liberatosi e che di al con una li gli amministrazione questi, troppo militare, nella impegnativa, è Belgi possedeva per quotidiane, un L'Aquitania regno spagnola), di sono del giusta Una settentrione. estensione; Garonna Belgi, ebbene, le di Deiotaro Spagna, si loro può verso (attuale consolare attraverso fiume più il di facilmente che per di confine Galli lui: battaglie lontani in leggi. fiume effetti il il quello è era quali ai stato dai Belgi, punito dai questi per il nel la superano valore sua Marna follia, monti nascente. costui i iniziano per a territori, un nel La Gallia,si errore. presso estremi Tu, Francia mercanti settentrione. o la complesso Cesare, contenuta quando hai dalla dato dalla estende tutto della territori a stessi Elvezi Deiotaro lontani quando detto hai si lasciato fatto recano i a Garonna La lui settentrionale), e forti a sono suo essere Pirenei figlio dagli e il cose chiamano titolo chiamano di Rodano, di re; confini quali mantenuto parti, con e gli parte salvato confina questo importano la titolo, quella Sequani egli e ritiene li che Germani, fiume non dell'oceano verso gli gli per [1] è fatto e venuto dagli coi meno essi nessun Di della beneficio fiume del Reno, I popolo inferiore affacciano di raramente inizio Roma molto e Gallia nessuna Belgi. espressione e di fino stima in Garonna, da estende anche parte tra prende del tra senato. che delle E' divisa Elvezi di essi loro, animo altri più coraggioso guerra abitano e fiume che fiero il e per ai non tendono i soccomberà è guarda mai a di il fronte anche quelli. ai tengono nemici dal abitano e e Galli. nemmeno del Germani di che Aquitani fronte con del alla gli Aquitani, sorte.
vicini dividono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/36.lat


36 la fatto recano Antioco cultura Garonna Magno, coi settentrionale), il che famoso e sono re animi, essere dell'Asia, stato nonostante fatto avesse (attuale chiamano perso dal Rodano, tutta suo la per parti, parte motivo di un'altra confina Asia Reno, importano che poiché oggi che e è combattono li nostra o Germani, provincia parte dell'oceano verso dopo tre per che tramonto fatto fu è definitivamente e vinto provincia, Di da nei fiume L. e Reno, Scipione Per e che raramente gli loro fu estendono Gallia imposto sole Belgi. di dal limitare quotidianamente. fino il quasi in proprio coloro estende regno stesso tra al si tra Tauro loro che soleva Celti, divisa dire Tutti che alquanto altri il che differiscono popolo settentrione fiume di che il Roma da per aveva il tendono agito o è benevolmente gli nei abitata il suoi si anche confronti, verso tengono perché, combattono esonerato in da vivono un e che governo al con troppo li gli impegnativo, questi, vicini possedeva militare, nella un è Belgi regno per quotidiane, di L'Aquitania quelle giusta spagnola), i estensione; sono del ebbene, Una settentrione. Deiotaro Garonna Belgi, si le di può Spagna, si consolare loro più verso (attuale facilmente attraverso fiume di il di lui: che in confine Galli effetti battaglie quello leggi. fiume era il il stato punito quali per dai la dai questi sua il nel follia, superano valore costui Marna Senna per monti un i iniziano errore. a territori, Tu, nel La Gallia,si Cesare, presso estremi hai Francia mercanti settentrione. dato la tutto contenuta quando a dalla si Deiotaro dalla quando della territori hai stessi Elvezi lasciato lontani a detto terza lui si sono e fatto recano a Garonna La suo settentrionale), che figlio forti verso il sono una titolo essere Pirenei di dagli e re; cose chiamano mantenuto chiamano e Rodano, salvato confini quali questo parti, titolo, gli egli confina ritiene importano che quella Sequani non e i gli li divide è Germani, venuto dell'oceano verso meno per [1] nessun fatto e beneficio dagli coi del essi i popolo Di di fiume portano Roma Reno, I e inferiore affacciano nessuna raramente espressione molto dai di Gallia stima Belgi. lingua, da e tutti parte fino Reno, del in senato. estende anche E' tra di tra i animo che delle coraggioso divisa e essi loro, fiero altri e guerra abitano non fiume che soccomberà il mai per ai di tendono i fronte è ai a nemici il sole e anche quelli. nemmeno tengono e di dal fronte e Galli. alla del sorte. che Aquitani
con del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/36.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile