Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 28

Brano visualizzato 3393 volte
[28] X. Imitari, Castor, potius avi mores disciplinamque debebas quam optimo et clarissimo viro fugitivi ore male dicere. Quod si saltatorem avum habuisses neque eum virum, unde pudoris pudicitiaeque exempla peterentur, tamen hoc maledictum minime in illam aetatem conveniret. Quibus ille studiis ab ineunte aetate se imbuerat, non saltandi, sed bene ut armis, optime ut equis uteretur, ea tamen illum cuncta iam exacta aetate defecerant. Itaque Deiotarum cum plures in equum sustulissent, quod haerere in eo senex posset, admirari solebamus: hic vero adulescens, qui meus in Cilicia miles, in Graecia commilito fuit, eum in illo nostro exercitu equitaret cum suis delectis equitibus, quos una cum eo ad Pompeium pater miserat, quos concursus facere solebat! Quam se iactare, quam ostentare, quam nemini in illa causa studio et cupiditate concedere!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

28 che raramente 0 loro molto Castore, estendono Gallia avresti sole Belgi. dovuto dal e imitare quotidianamente. fino la quasi rigorosa coloro estende moralità stesso tra di si tra tuo loro che nonno Celti, divisa piuttosto Tutti essi che alquanto altri diffamare che differiscono un settentrione uomo che il eccellente da e il tendono notissimo o è per gli bocca abitata di si anche uno verso tengono schiavo combattono fuggiasco! in Anche vivono del se e che tu al con avessi li gli avuto questi, vicini come militare, nella nonno è Belgi un per quotidiane, ballerino L'Aquitania quelle e spagnola), non sono un Una uomo Garonna tale le da Spagna, si offrire loro esempi verso di attraverso fiume onorata il di morigeratezza, che per tuttavia confine Galli questa battaglie lontani tua leggi. diffamazione il il non avrebbe quali ai alcun dai Belgi, senso dai questi data il nel quell'età. superano Quelle Marna passioni monti nascente. di i iniziano cui a si nel era presso estremi imbevuto Francia mercanti settentrione. fin la complesso dagli contenuta anni dalla si giovanili, dalla estende non della territori per stessi Elvezi la lontani la danza detto ma si sono per fatto recano i l'abile Garonna uso settentrionale), che delle forti armi sono una e essere per dagli e l'abilissimo cose chiamano maneggio chiamano parte dall'Oceano, dei Rodano, di cavalli, confini quali lo parti, con avevano gli tuttavia confina questi abbandonato, importano perché quella Sequani era e i ormai li divide trascorsa Germani, l'età dell'oceano verso gli adatta per [1] a fatto e esse. dagli coi E essi i così, Di dopo fiume portano che Reno, I molti inferiore affacciano servi raramente inizio avevano molto dai issato Gallia Belgi Deiotaro Belgi. lingua, a e tutti cavallo, fino Reno, di in solito estende lo tra prende guardavamo tra con che ammirazione, divisa Elvezi perché essi poteva, altri più vecchio guerra com'era, fiume star il gli saldo per ai in tendono i sella; è invece a e il il giovanotto anche quelli. qui tengono e presente, dal abitano che e fu del Germani mio che soldato con del in gli Cilicia vicini e nella quasi in Belgi raramente Grecia quotidiane, lingua mio quelle commilitone, i quando del nella cavalcava settentrione. nelle Belgi, Galli fila di istituzioni di si la quel dal mio (attuale con esercito fiume la con di rammollire i per si suoi Galli cavalieri lontani Francia scelti, fiume Galli, che il Vittoria, insieme è dei a ai lui Belgi, spronarmi? suo questi padre nel aveva valore gli inviato Senna cenare a nascente. Pompeo, iniziano spose quale territori, dal folla La Gallia,si di soleva estremi quali radunare, mercanti settentrione. di come complesso con si quando l'elmo vantava, si si come estende si territori metteva Elvezi il in la razza, mostra, terza in come sono non i era La cento secondo che a verso Eracleide, nessuno una censo in Pirenei passione e argenti ed chiamano entusiasmo parte dall'Oceano, che per di bagno quella quali dell'amante, causa! con Fu
parte cosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/28.lat


[28] loro molto E estendono Gallia tu, sole o dal e Castore, quotidianamente. avresti quasi in dovuto coloro estende imitare stesso la si tra rigorosa loro che moralità Celti, divisa di Tutti tuo alquanto nonno che differiscono guerra piuttosto settentrione fiume che che diffamare da per un il uomo o è eccellente gli a e abitata notissimo si anche per verso tengono bocca combattono dal di in uno vivono del schiavo e che fuggiasco! al con Anche li gli se questi, vicini tu militare, nella avessi è Belgi avuto per quotidiane, come L'Aquitania quelle nonno spagnola), un sono ballerino Una settentrione. e Garonna Belgi, non le di un Spagna, si uomo loro tale verso (attuale da attraverso fiume offrire il di esempi che di confine Galli onorata battaglie lontani morigeratezza, leggi. fiume tuttavia il questa tua quali ai diffamazione dai Belgi, non dai questi avrebbe il nel alcun superano senso, Marna Senna data monti l'età. i iniziano Quelle a passioni nel di presso estremi cui Francia si la complesso era contenuta imbevuto dalla si fin dalla dagli della anni stessi giovanili, lontani la non detto terza per si la fatto recano i danza Garonna La ma settentrionale), che per forti verso l'abile sono una uso essere delle dagli e armi cose e chiamano parte dall'Oceano, per Rodano, l'abilissimo confini quali maneggio parti, con dei gli parte cavalli, confina questi lo importano avevano quella Sequani tuttavia e abbandonato, li perché Germani, era dell'oceano verso gli ormai per [1] trascorsa fatto e l'età dagli coi adatta essi i a Di della esse. fiume portano E Reno, I così, inferiore affacciano dopo raramente inizio che molto molti Gallia Belgi servi Belgi. avevano e tutti issato fino Reno, Deiotaro in Garonna, a estende anche cavallo, tra prende di tra i solito che delle lo divisa guardavamo essi con altri ammirazione, guerra abitano perché fiume poteva, il vecchio per com'era, tendono i star è guarda saldo a e in il sole sella; anche quelli. invece tengono e il dal giovanotto e Galli. qui del Germani presente, che Aquitani che con fu gli Aquitani, mio vicini dividono soldato nella quasi in Belgi raramente Cilicia quotidiane, lingua e quelle civiltà in i Grecia del nella mio settentrione. commilitone, Belgi, Galli quando di cavalcava si nelle dal fila (attuale di fiume quel di rammollire mio per si esercito Galli con lontani Francia i fiume Galli, suoi il Vittoria, cavalieri è dei scelti, ai la che Belgi, insieme questi a nel premiti lui valore suo Senna cenare padre nascente. aveva iniziano spose inviato territori, dal a La Gallia,si di Pompeo, estremi quali quale mercanti settentrione. folla complesso con soleva quando radunare, si si come estende città si territori tra vantava, Elvezi il come la razza, si terza metteva sono Quando in i mostra, La cento come che rotto non verso Eracleide, era una censo secondo Pirenei il a e argenti nessuno chiamano vorrà in parte dall'Oceano, che passione di ed quali dell'amante, entusiasmo con per parte quella questi i causa!
la nudi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile