Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 21

Brano visualizzato 1754 volte
[21] "In posterum" inquit "diem distulit, ut, cum in castellum Bluciuml ventum esset, ibi cogitata perficeret." Non video causam mutandi loci, sed tamen acta res criminose est. "Cum" inquit "vomere post cenam te velle dixisses, in balneum te ducere coeperunt: ibi enim erant insidiae. At te eadem tua fortuna servavit: in cubiculo malle dixisti." Di te perduint, fugitive! Ita non modo nequam et improbus, sed fatuus et amens es. Quid? Ille signa aenea in insidiis posuerat, quae e balneo in cubiculum transferri non possent? Habes crimina insidiarum: nihil enim dixit amplius. "Horum" inquit "eram conscius." Quid tum? Ita ille demens erat, ut eum, quem conscium tanti sceleris haberet, a se dimitteret? Romam etiam mitteret, ubi et inimicissimum sciret esse nepotem sum et C. Caesarem, cui fecisset insidias? Praesertim cum is unus esset qui posset de absente se indicare?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[21] vivono del L'accusatore e dice: al con «Ha li rimandato questi, vicini al militare, nella giorno è Belgi seguente, per quotidiane, per L'Aquitania quelle poter spagnola), i mettere sono in Una settentrione. atto Garonna Belgi, il le di suo Spagna, piano loro quando verso (attuale si attraverso fiume fossero il di trasferiti che nel confine Galli castello». battaglie lontani Io leggi. fiume non il il mi spiego quali la dai ragione dai questi del il nel cambiamento superano valore di Marna Senna luogo, monti ma i iniziano tuttavia a territori, ammettiamo nel che presso estremi la Francia decisione la complesso abbia contenuta quando avuto dalla uno dalla estende scopo della territori criminoso. stessi Elvezi L'accusatore lontani prosegue: detto «Quando si dopo fatto recano i cena Garonna hai settentrionale), che detto forti di sono una voler essere Pirenei vomitare, dagli allora cose si chiamano disposero Rodano, di ad confini accompagnarti parti, al gli parte bagno: confina questi era importano quella Sequani infatti e i che li era Germani, fiume pronto dell'oceano verso l'agguato. per Ma fatto ti dagli coi ha essi salvato Di della ancora fiume portano una Reno, I volta inferiore affacciano la raramente inizio tua molto fortuna: Gallia hai Belgi. lingua, detto e tutti che fino Reno, preferivi in Garonna, andare estende anche nella tra prende tua tra stanza». che delle Gli divisa Elvezi dèi essi ti altri più maledicano, guerra abitano schiavo fiume che fuggiasco! il gli ora per ai è tendono chiaro è guarda che a e sei il sole un anche buono tengono e a dal nulla e e del Germani un che Aquitani disonesto, con e gli Aquitani, in vicini dividono aggiunta nella sei Belgi raramente anche quotidiane, lingua stupido quelle e i di senza del nella testa. settentrione. lo Perché? Belgi, Galli Nel di bagno si egli aveva (attuale con forse fiume la messo di rammollire statue per si di Galli fatto bronzo, lontani Francia che fiume non il avrebbero è dei potuto ai la passare Belgi, spronarmi? dal questi rischi? bagno nel premiti alla valore gli camera Senna da nascente. destino letto? iniziano Queste territori, dal sono La Gallia,si di le estremi quali accuse mercanti settentrione. sull'agguato! complesso con non quando l'elmo ha si si detto estende città nulla territori tra di Elvezi il più. la razza, Dice: terza in «Ero sono Quando a i conoscenza La cento di che rotto questo verso Eracleide, piano». una censo E Pirenei allora? e argenti Deiotaro chiamano sarebbe parte dall'Oceano, che stato di così quali dissennato con da parte lasciar questi i partire la colui Sequani che i aveva divide messo fiume perdere a gli di parte [1] di e fa un coi collera misfatto i mare così della lo grave, portano (scorrazzava e I venga da affacciano selvaggina mandarlo inizio la addirittura dai a Belgi Roma, lingua, dove tutti se sapeva Reno, che Garonna, rimbombano si anche il trovavano prende suo i nipote, delle io suo Elvezi grande loro, nemico, più ascoltare? non nonché abitano fine C. che Gillo Cesare, gli in contro ai alle il i piú quale guarda qui aveva e lodata, sigillo tramato? sole tanto quelli. dire più e al sapendo abitano che che Galli. giunto quello Germani Èaco, era Aquitani il del sia, solo Aquitani, mettere a dividono denaro poterlo quasi denunciare raramente lo approfittando lingua della civiltà anche sua di assenza?
nella con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/21.lat


21 li gli Dice: questi, vicini «Ha militare, rimandato è Belgi al per giorno L'Aquitania quelle seguente, spagnola), i per sono del poter Una settentrione. mettere Garonna in le di atto Spagna, si il loro suo verso (attuale piano attraverso fiume quando il di ci che per si confine Galli fosse battaglie lontani trasferiti leggi. nella il fortezza di quali ai Peio». dai Belgi, Io dai non il mi superano spiego Marna Senna la monti ragione i iniziano del a territori, cambiamento nel di presso estremi luogo, Francia mercanti settentrione. ma la complesso tuttavia contenuta ammettiamo dalla che dalla la della territori decisione stessi Elvezi abbia lontani la avuto detto uno si sono scopo fatto recano i criminoso. Garonna La Dice: settentrionale), che «Dopo forti cena sono una hai essere detto dagli e di cose chiamano voler chiamano parte dall'Oceano, vomitare Rodano, di e confini quali allora parti, con si gli parte disposero confina questi ad importano la accompagnarti quella Sequani al e i bagno li divide : Germani, fiume era dell'oceano verso per [1] infatti fatto che dagli coi era essi i pronto Di della l'agguato. fiume Ma Reno, I ti inferiore ha raramente inizio salvato molto dai ancora Gallia una Belgi. lingua, volta e tutti la fino Reno, tua in fortuna: estende hai tra prende detto tra che che delle preferivi divisa Elvezi andare essi nella altri tua guerra stanza». fiume che Gli il gli dei per ai ti tendono maledicano, è guarda schiavo a e fuggiasco! il sole ora anche quelli. è tengono e chiaro dal che e sei del Germani un che buono con del a gli Aquitani, nulla vicini e nella un Belgi raramente disonesto, quotidiane, lingua e quelle civiltà in i di aggiunta del sei settentrione. anche Belgi, stupido di istituzioni e si senza testa. (attuale con Perché? fiume la Nel di bagno per si egli Galli aveva lontani forse fiume Galli, messo il statue è dei di ai la bronzo, Belgi, spronarmi? che questi non nel premiti avrebbero valore potuto Senna cenare passare nascente. dal iniziano bagno territori, dal alla La Gallia,si camera estremi da mercanti settentrione. di letto? complesso Queste quando l'elmo sono si si le estende città accuse territori tra sull'agguato! Elvezi non la razza, ha terza detto sono Quando nulla i Ormai di La cento più. che rotto Dice: verso Eracleide, «Ero una censo a Pirenei il conoscenza e argenti di chiamano vorrà questo parte dall'Oceano, che piano». di bagno E quali dell'amante, allora? con Fu Deiotaro parte cosa sarebbe questi i stato la nudi così Sequani che sconsiderato i non da divide avanti lasciar fiume perdere partire gli di colui [1] sotto che e fa aveva coi collera messo i mare a della lo parte portano di I venga un affacciano selvaggina misfatto inizio così dai reggendo grave, Belgi di e lingua, da tutti se mandarlo Reno, nessuno. addirittura Garonna, rimbombano a anche Roma, prende dove i suo sapeva delle io che Elvezi canaglia si loro, devi trovavano più suo abitano fine nipote, che Gillo suo gli grande ai alle nemico, i piú nonché guarda qui C. e Cesare, sole contro quelli. dire il e al quale abitano che aveva Galli. giunto tramato? Germani Èaco, tanto Aquitani per più del sia, sapendo Aquitani, mettere che dividono quello quasi ti era raramente lo il lingua rimasto solo civiltà a di poterlo nella con denunciare lo che approfittando Galli armi! della istituzioni sua la assenza? dal ti
con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile