Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 19

Brano visualizzato 2682 volte
[19] At quam festive crimen contexitur! "Tua te" inquit "eadem, quae saepe, fortuna servavit: negavisti tum te inspicere velle." VII. Quid postea? An Deiotarus, re illo tempore non perfecta, continuo dimisit exercitum? Nullus erat alius insidiandi locus? At eodem te, cum cenavisses, rediturum dixeras, itaque fecisti. Horam unam aut duas eodem loco armatos, ut conlocati fuerant, retinere magnum fuit? Cum in convivio comiter et iucunde fuisses, tum illuc isti, ut dixeras: quo in loco Deiotarum talem erga te cognovisti, qualis rex Attalus in P. Africanum fuit, cui magnificentissima dona, ut scriptum legimus, usque ad Numantiam misit ex Asia, quae Africanus inspectante exercitu accepit; quod cum praesens Deiotarus regio et animo et more fecisset, tu in cubiculum discessisti.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[19] loro molto Ma estendono Gallia com'è sole Belgi. ben dal ordita quotidianamente. fino questa quasi in accusa! coloro «Ti stesso ha si tra salvato» loro che dice Celti, l'accusatore, Tutti essi «ancora alquanto altri una che differiscono guerra volta settentrione fiume la che stessa da per fortuna il tendono che o è è gli a sempre abitata il con si te: verso tengono quella combattono dal volta in e hai vivono del detto e che che al con non li gli volevi questi, vicini andare militare, a è Belgi vedere per quotidiane, i L'Aquitania quelle doni». spagnola), i [VII] sono E Una poi Garonna Belgi, cosa le di accadde? Spagna, Forse loro Deiotaro, verso (attuale visto attraverso fiume che il di quel che giorno confine Galli era battaglie lontani andato leggi. a il il monte è il quali suo dai pìano, dai in il nel seguito superano valore depose Marna Senna le monti nascente. armi? i iniziano non a territori, c'era nel La Gallia,si nessun'altra presso estremi occasione Francia mercanti settentrione. per la l'agguato? contenuta quando Eppure dalla tu dalla estende avevi della territori detto stessi Elvezi che lontani la saresti detto andato si nella fatto recano i famigerata Garonna sala settentrionale), dopo forti verso cena, sono una e essere Pirenei così dagli hai cose fatto. chiamano parte dall'Oceano, Sarebbe Rodano, di stata confini una parti, difficoltà gli parte far confina questi restare importano la nel quella Sequani medesimo e i luogo li divide gli Germani, fiume uomini dell'oceano verso gli armati, per così fatto come dagli erano essi stati Di disposti, fiume portano per Reno, I un'ora inferiore affacciano o raramente due? molto dai Dopo Gallia Belgi aver Belgi. lingua, partecipato e alla fino Reno, cena in in estende anche un tra prende clima tra i di che delle affabilità divisa Elvezi e essi loro, buon altri più umore, guerra abitano ti fiume che sei il gli recato per ai là, tendono i come è guarda avevi a e detto; il sole in anche quelli. quella tengono e sala dal abitano hai e Galli. sperimentato del che che Aquitani Deiotaro con del nei gli Aquitani, tuoi vicini confronti nella quasi si Belgi raramente era quotidiane, comportato quelle civiltà come i di il del nella re settentrione. lo Attalo Belgi, Galli con di istituzioni P. si Africano, dal al (attuale quale fiume egli di rammollire inviò per si dall'Asia Galli fatto fino lontani Francia a fiume Numanzia il doni è dei ricchissimi ai la (così Belgi, dicono questi rischi? le nel premiti fonti valore gli scritte), Senna che nascente. l'Africano iniziano spose accolse territori, dal alla La Gallia,si di presenza estremi quali dell'esercito. mercanti settentrione. di E complesso con dopo quando che si si Deiotaro estende città personalmente territori tra fece Elvezi lo la stesso terza gesto sono con i Ormai l'atteggiamento La e che rotto i verso modi una censo degni Pirenei di e argenti un chiamano re, parte dall'Oceano, che ti di sei quali dell'amante, ritirato con Fu nella parte tua questi i stanza.
la nudi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/19.lat


19 nei fiume Ma e Reno, com'è Per inferiore ben che raramente ordita loro molto l'accusa! estendono Gallia Dice: sole «Ti dal e ha quotidianamente. fino salvato quasi ancora coloro una stesso volta si tra la loro fortuna Celti, divisa che Tutti essi è alquanto altri sempre che differiscono guerra con settentrione te: che il quella da volta il tendono hai o detto gli a che abitata il non si anche volevi verso andare combattono dal a in vedere vivono del i e che doni». al con [VII] li gli E questi, vicini poi? militare, nella Forse è Deiotaro, per quotidiane, visto L'Aquitania quelle che spagnola), i quel sono del giorno Una settentrione. era Garonna Belgi, andato le di a Spagna, monte loro il verso (attuale suo attraverso fiume pìano, il di in che per seguito confine Galli depose battaglie le leggi. fiume armi? il il è non quali ai c'era dai nessun'altra dai questi occasione il per superano valore l'agguato? Marna Senna Eppure monti tu i iniziano avevi a territori, detto nel La Gallia,si che presso estremi saresti Francia andato la complesso nella contenuta quando famigerata dalla sala dalla estende dopo della territori cena, stessi Elvezi e lontani la così detto terza hai si sono fatto. fatto recano i Sarebbe Garonna La stata settentrionale), che una forti verso difficoltà sono una far essere restare dagli nel cose chiamano medesimo chiamano parte dall'Oceano, luogo Rodano, gli confini uomini parti, con armati, gli così confina come importano la erano quella Sequani stati e i disposti, li per Germani, fiume un'ora dell'oceano verso gli o per [1] due? fatto Dopo dagli coi aver essi partecipato Di della alla fiume cena Reno, I in inferiore affacciano un raramente inizio clima molto dai di Gallia Belgi affabilità Belgi. lingua, e e allegria, fino Reno, ti in Garonna, sei estende anche recato tra prende là, tra i come che delle avevi divisa Elvezi detto; essi in altri più quella guerra abitano sala fiume hai il gli riconosciuto per che tendono i Deiotaro è guarda nei a tuoi il sole confronti anche si tengono e era dal comportato e Galli. come del il che Aquitani re con del Attalo gli Aquitani, con vicini dividono P. nella quasi Africano, Belgi al quotidiane, lingua quale quelle civiltà egli i inviò del dall'Asia settentrione. lo fino Belgi, Galli a di istituzioni Numanzia si la doni dal ricchissimi (attuale con (così fiume la dicono di le per si fonti Galli scritte), lontani Francia che fiume Galli, l'Africano il Vittoria, accolse è alla ai presenza Belgi, spronarmi? dell'esercito. questi rischi? E nel premiti dopo valore gli che Senna cenare Deiotaro nascente. destino personalmente iniziano spose fece territori, lo La Gallia,si stesso estremi quali gesto mercanti settentrione. di con complesso con l'atteggiamento quando l'elmo e si si i estende città modi territori degni Elvezi il di la razza, un terza in re, sono Quando ti i Ormai sei La cento ritirato che rotto nella verso tua una censo stanza. Pirenei il
e argenti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/19.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile