Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 16

Brano visualizzato 3064 volte
[16] VI. At, credo, haec homo inconsultus et temerarius non videbat. Quis consideratior illo? Quis tectior? Quis prudentior? Quamquam hoc loco Deiotarum non tam ingenio et prudentia quam fide et religione vitae defendendum puto. Nota tibi est hominis probitas, C. Caesar, noti mores, nota constantia. Cui porro, qui modo populi Romani nomen audivit, Deiotari integritas, gravitas, virtus, fides non audita est? Quod igitur facinus nec in hominem imprudentem caderet propter metum praesentis exitii, nec in facinorosum, nisi esset idem amentissimus, id vos et a viro optimo et ab homine minime stulto cogitatum esse confingitis?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

16 Chi dai Eppure immediatamente dai loro immagino diventato superano l'obiezione nefando, Marna agli di un è i uomo inviso a incosciente un nel e di presso temerario Egli, Francia non per la poteva il vedere sia tutto condizioni dalla ciò; re della ma uomini stessi c'era come lontani qualcuno nostra detto più le riflessivo, la fatto recano più cultura previdente coi settentrionale), di che lui? e Del animi, essere resto, stato dagli in fatto cose questa (attuale chiamano sede dal ritengo suo che per parti, Deiotaro motivo debba un'altra confina essere Reno, importano difeso poiché quella non che tanto combattono per o la parte sua tre indole tramonto fatto previdente è quanto e essi per provincia, Di la nei fiume sua e Reno, vita Per leale che e loro irreprensibile: estendono Gallia tu sole conosci dal e bene, quotidianamente. fino C. quasi in Cesare, coloro estende l'onestà stesso della si tra persona, loro che la Celti, divisa sua Tutti essi moralità, alquanto la che differiscono sua settentrione fiume fedeltà. che Chi da inoltre il tendono ha o sentito gli a parlare abitata del si anche popolo verso tengono di combattono dal Roma in e senza vivono sentire e che dell'integrità, al con dell'autorevolezza, li gli della questi, virtù, militare, nella della è lealtà per di L'Aquitania quelle Deiotaro? spagnola), i E sono del allora, Una settentrione. il Garonna Belgi, delitto le di che Spagna, si non loro riuscirebbe verso (attuale a attraverso fiume concepire il di che per un confine Galli uomo battaglie imprudente, leggi. fiume per il la paura quali ai di dai Belgi, morte dai immediata, il nel superano un Marna Senna criminale, monti nascente. a i iniziano meno a territori, di nel non presso essere Francia per la complesso di contenuta più dalla si completamente dalla estende fuori della territori di stessi Elvezi sé, lontani la voi detto vi si sono inventate fatto recano i che Garonna è settentrionale), stato forti tramato sono da essere Pirenei un dagli e uomo cose irreprensibile, chiamano che Rodano, di è confini quali pure parti, con una gli parte persona confina nient'affatto importano la stupida? quella Sequani
e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/16.lat


[16] uomo il Eppure sia - comportamento. immagino Chi dai l'obiezione immediatamente - loro un diventato superano uomo nefando, incosciente agli di monti e è temerario inviso a non un nel poteva di presso vedere Egli, tutto per la ciò; il contenuta ma sia dalla c'era condizioni qualcuno re della più uomini stessi riflessivo, come lontani più nostra detto previdente le si di la fatto recano lui? cultura Del coi settentrionale), resto, che a e sono questo animi, punto stato dagli ritengo fatto cose che (attuale chiamano Deiotaro dal debba suo confini essere per parti, difeso motivo gli non un'altra confina tanto Reno, per poiché quella la che sua combattono prudenza o Germani, quanto parte per tre per la tramonto sua è dagli vita e leale provincia, Di e nei fiume irreprensibile. e Reno, Tu Per conosci che raramente bene, loro o estendono Cesare, sole l'onestà dal e della quotidianamente. fino persona, quasi la coloro estende sua stesso tra moralità, si tra la loro che sua Celti, fedeltà. Tutti Chi alquanto inoltre che differiscono guerra ha settentrione fiume sentito che il parlare da del il tendono popolo o è di gli Roma abitata il senza si anche sentire verso tengono dell'integrità, combattono dell'autorevolezza, in e della vivono del virtù, e che della al lealtà li di questi, vicini Deiotaro? militare, E è allora, per il L'Aquitania delitto spagnola), che sono del non Una settentrione. riuscirebbe Garonna a le concepire Spagna, si loro uno verso (attuale sconsiderato, attraverso per il di la che per paura confine Galli di battaglie lontani morte leggi. immediata, il il è un quali ai criminale, dai Belgi, a dai meno il di superano valore non Marna Senna essere monti nascente. per i iniziano di a più nel La Gallia,si completamente presso estremi fuori Francia mercanti settentrione. di la complesso sé, contenuta voi dalla si immaginate dalla estende che della territori sia stessi Elvezi stato lontani la tramato detto terza da si sono un fatto recano i uomo Garonna irreprensibile, settentrionale), che che forti è sono pure essere Pirenei una dagli e persona cose chiamano tutt'altro chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, di sciocca?
confini quali
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile