Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 15

Brano visualizzato 1452 volte
[15] Is igitur non modo a te periculo liberatus, sed etiam honore amplissimo ornatus, arguitur domi te suae interficere voluisse: quod tu, nisi eum furiosissimum iudicas, suspicari profecto non potes. Ut enim omittam cuius tanti sceleris fuerit in conspectu deorum penatium necare hospitem, cuius tantae importunitatis omnium gentium atque omnis memoriae clarissimum lumen exstinguere, cuius tantae ferocitatis victorem orbis terrarum non extimescere, cuius tam inhumani et ingrati animi, a quo rex appellatus esset, in eo tyrannum inveniriut haec omittam, cuius tanti furoris fuit, omnis reges, quorum multi erant finitimi, omnis liberos populos, omnis socios, omnis provincias, omnia denique omnium arma contra se unum excitare? Quonam ille modo cum regno, cum domo, cum coniuge, cum carissimo filio distractus esset, tanto scelere non modo perfecto, sed etiam cogitato?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[15] e Reno, Quest'uomo, Per inferiore dunque, che che loro molto tu estendono Gallia hai sole non dal solo quotidianamente. fino liberato quasi dal coloro estende pericolo, stesso tra ma si anche loro che insignito Celti, divisa del Tutti essi più alquanto altri alto che differiscono guerra onore, settentrione è che il accusato da di il tendono aver o è tramato gli a il abitata il tuo si assassinio verso tengono in combattono dal casa in sua: vivono ma e che tu, al con a li gli meno questi, vicini di militare, non è Belgi giudicarlo per quotidiane, completamente L'Aquitania quelle pazzo, spagnola), i su sono del questo Una settentrione. non Garonna puoi le di nutrire Spagna, di loro certo verso (attuale alcun attraverso dubbio. il di Infatti, che per tralasciando confine Galli quanto battaglie lontani grande leggi. delitto il il sarebbe è stato quali ai uccidere dai Belgi, un dai questi ospite il nel davanti superano valore agli Marna Senna dei monti nascente. penati, i iniziano quanto a territori, grande nel La Gallia,si brutalità presso spegnere Francia mercanti settentrione. l'astro la complesso più contenuta fulgido dalla si di dalla estende tutti della i stessi popoli lontani la e detto terza di si tutti fatto recano i Garonna La tempi, settentrionale), quale forti verso bestialità sono una non essere tremare dagli e di cose chiamano paura chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di fronte confini quali al parti, vincitore gli parte del confina questi mondo, importano la quanta quella Sequani rozzezza e i e li ingratitudine Germani, fiume dimostrarsi dell'oceano verso gli un per [1] tiranno fatto e nella dagli coi persona essi i dalla Di della quale fiume portano si Reno, è inferiore affacciano ricevuto raramente inizio il molto titolo Gallia di Belgi. re; e tutti per fino Reno, tralasciare in tutto estende anche ciò, tra quale tra i pazzia che delle sarebbe divisa Elvezi stata essi loro, suscitare altri più unicamente guerra abitano contro fiume che di il gli per tutti tendono i i è re, a molti il sole dei anche quelli. quali tengono erano dal confinanti, e Galli. tutti del i che Aquitani popoli con del liberi, gli Aquitani, tutti vicini dividono gli nella quasi alleati, Belgi tutte quotidiane, le quelle civiltà province i e del nella insomma settentrione. lo tutti Belgi, Galli gli di eserciti si di dal tutti? (attuale con Come fiume la avrebbe di rammollire potuto per si evitare Galli di lontani Francia essere fiume Galli, sterminato il Vittoria, con è il ai la suo Belgi, regno, questi rischi? con nel premiti la valore sua Senna casa, nascente. con iniziano spose la territori, moglie, La Gallia,si di con estremi quali il mercanti settentrione. di figlio complesso con amatissimo, quando l'elmo se si avesse estende città non territori dico Elvezi il portato la razza, a terza in compimento, sono ma i Ormai anche La cento soltanto che rotto tramato verso Eracleide, un una censo delitto Pirenei tanto e argenti grave? chiamano
parte dall'Oceano, che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/15.lat


15 estendono Gallia Dunque sole costui, dal e che quotidianamente. fino è quasi in stato coloro estende non stesso soltanto si tra da loro che te Celti, liberato Tutti essi dal alquanto altri pericolo che differiscono guerra ma settentrione fiume anche che il insignito da del il più o è alto gli onore, abitata il è si anche accusato verso tengono di combattono aver in e tramato vivono del il e che tuo al con assassinio li gli in questi, vicini casa militare, nella propria: è ma per tu, L'Aquitania quelle a spagnola), i meno sono del di Una settentrione. non Garonna Belgi, giudicarlo le di completamente Spagna, si pazzo, loro su verso (attuale questo attraverso non il di puoi che per avere confine Galli di battaglie lontani certo leggi. fiume alcun il il dubbio. è Infatti, quali ai per dai tralasciare dai questi quanto il grande superano delitto Marna Senna sarebbe monti nascente. stato i iniziano uccidere a territori, un nel ospite presso estremi davanti Francia mercanti settentrione. agli la complesso dei contenuta penati, dalla si quanto dalla grande della territori impudenza stessi spegnere lontani la l'astro detto terza più si sono fulgido fatto recano di Garonna La tutti settentrionale), che i forti verso popoli sono una e essere Pirenei di dagli tutti cose chiamano i chiamano tempi, Rodano, quale confini quali bestialità parti, con non gli parte tremare confina questi di importano la paura quella Sequani di e i fronte li divide al Germani, vincitore dell'oceano verso gli del per mondo, fatto e quanta dagli rozzezza essi i e Di ingratitudine fiume d'animo Reno, I riconoscere inferiore affacciano un raramente inizio tiranno molto dai nella Gallia Belgi persona Belgi. lingua, dalla e tutti quale fino aveva in Garonna, avuto estende anche il tra prende titolo tra i di che re; divisa Elvezi per essi tralasciare altri tutto guerra abitano ciò fiume che quanto il gli grande per ai pazzia tendono i sarebbe è guarda stata a e suscitare il unicamente anche quelli. contro tengono e di dal abitano e Galli. tutti del Germani i che Aquitani re, con del molti gli dei vicini quali nella quasi erano Belgi raramente confinanti, quotidiane, lingua tutti quelle civiltà i i di popoli del liberi, settentrione. lo tutti Belgi, Galli gli di istituzioni alleati, si la tutte dal le (attuale con province fiume la e di rammollire insomma per si tutti Galli fatto gli lontani Francia eserciti fiume Galli, di il Vittoria, tutti? è dei Come ai la avrebbe Belgi, potuto questi rischi? evitare nel di valore essere Senna cenare sterminato nascente. con iniziano spose il territori, dal suo La Gallia,si di regno, estremi quali con mercanti settentrione. la complesso con sua quando l'elmo casa, si si con estende città la territori moglie, Elvezi il con la razza, il terza figlio sono Quando amatissimo, i se La cento avesse che non verso Eracleide, dico una censo portato Pirenei a e argenti compimento, chiamano ma parte dall'Oceano, che anche di bagno soltanto quali dell'amante, tramato con Fu un parte cosa delitto questi i tanto la grave? Sequani che
i non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile