Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 11

Brano visualizzato 3159 volte
[11] IV. cum audiret senatus consentientis auctoritate arma sumpta, consulibus, praetoribus, tribunis plebis, nobis imperatoribus rem publicam defendendam datam, movebatur animo et vir huic imperio amicissimus de salute populi Romani extimescebat, in qua etiam suam esse inclusam videbat: in summo tamen timore quiescendum esse arbitrabatur. Maxime vero perturbatus est, ut audivit, consules ex Italia profugisse omnisque consularissic enim ei nuntiabatur,cunctum senatum, totam Italiam effusam: talibus enim nuntiis et rumoribus patebat ad orientem via nec ulli veri subsequebantur. Nihil ille de condicionibus tuis, nihil de studio concordiae et pacis, nihil de conspiratione audiebat certorum hominum contra dignitatem tuam. Quae cum ita essent, tamen usque eo se tenuit, quoad a Cn. Pompeio ad eum legati litteraeque venerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11 Celti, Nel Tutti essi sentire alquanto altri che che differiscono guerra per settentrione fiume decisione che il unanime da per del il tendono senato o è erano gli a state abitata il prese si anche le verso tengono armi combattono ed in e era vivono del stato e che dato al con l'incarico li gli di questi, vicini difendere militare, nella la è repubblica per ai L'Aquitania quelle consoli, spagnola), i ai sono pretori, Una ai Garonna Belgi, tribuni le di della Spagna, si plebe loro e verso (attuale a attraverso fiume me, il che che per avevo confine Galli il battaglie titolo leggi. di il il imperatore, è egli quali era dai Belgi, inquieto dai questi in il nel cuor superano valore suo Marna e, monti da i iniziano uomo a territori, molto nel La Gallia,si legato presso estremi al Francia nostro la complesso impero, contenuta era dalla si in dalla apprensione della territori per stessi Elvezi la lontani la salvezza detto terza di si Roma, fatto recano i dalla Garonna quale settentrionale), vedeva forti verso dipendere sono anche essere Pirenei la dagli propria. cose chiamano Tuttavia, chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, una confini situazione parti, con di gli parte enorme confina questi timore, importano pensava quella Sequani di e i dover li divide restare Germani, fiume neutrale. dell'oceano verso gli Fu per poi fatto davvero dagli coi assai essi turbato Di della quando fiume portano sentì Reno, che inferiore affacciano i raramente consoli molto erano Gallia Belgi fuggiti Belgi. dall'Italia e tutti e fino Reno, che in Garonna, tutti estende gli tra prende ex tra consoli che delle divisa Elvezi queste essi erano altri più le guerra abitano notizie fiume che che il gli gli per ai giungevano tendono i ‑, è il a senato il sole al anche quelli. completo, tengono l'intera dal abitano Italia e si del Germani erano che Aquitani riversati con del fuori." gli Infatti vicini a nella quasi notizie Belgi raramente e quotidiane, lingua a quelle chiacchiere i di del del genere settentrione. lo si Belgi, Galli apriva di istituzioni la si la via dell'Oriente, (attuale senza fiume la che di rammollire fossero per si seguite Galli fatto da lontani Francia altre fiume Galli, vere. il Vittoria, Egli è dei non ai la sapeva Belgi, nulla questi delle nel premiti condizioni valore gli che Senna cenare avevi nascente. posto, iniziano spose nulla territori, dal dei La Gallia,si di tuoi estremi quali sforzi mercanti settentrione. di per complesso con un quando l'elmo accordo si e estende città per territori tra la Elvezi pace, la razza, nulla terza in delle sono Quando manovre i Ormai di La cento certi che rotto personaggi verso Eracleide, contro una censo la Pirenei il tua e autorità." chiamano Stando parte dall'Oceano, che così di le quali dell'amante, cose, con Fu nonostante parte cosa ciò questi i restò la neutrale Sequani che fino i al divide momento fiume perdere in gli di cui [1] sotto arrivarono e fa da coi collera lui i dei della lo legati portano con I una affacciano lettera inizio da dai reggendo parte Belgi di di lingua, Cn. tutti se Pompeo. Reno,
Garonna,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/11.lat


[11] quasi Nel coloro estende sentire stesso tra che, si per loro che decisione Celti, unanime Tutti essi del alquanto altri senato, che differiscono guerra erano settentrione fiume state che il prese da le il tendono armi o ed gli era abitata il stato si anche dato verso l'incarico combattono di in e difendere vivono lo e che Stato al ai li consoli, questi, vicini ai militare, pretori, è Belgi ai per quotidiane, tribuni L'Aquitania quelle della spagnola), plebe, sono del a Una noi Garonna investiti le di dell' Spagna, si imperium, loro egli verso (attuale era attraverso rimasto il di profondamente che per scosso confine e, battaglie lontani da leggi. fiume uomo il il molto è legato quali ai al dai Belgi, nostro dai questi impero, il nel era superano in Marna Senna apprensione monti per i iniziano la a territori, salvezza nel La Gallia,si del presso popolo Francia mercanti settentrione. romano, la complesso dalla contenuta quale dalla vedeva dalla estende dipendere della anche stessi Elvezi la lontani la propria. detto terza Tuttavia, si pur fatto recano in Garonna La una settentrionale), che situazione forti di sono una enorme essere Pirenei timore, dagli pensava cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, doversi Rodano, mantenere confini neutrale. parti, con Ma gli fu confina davvero importano la assai quella turbato e quando li divide sentì Germani, fiume che dell'oceano verso gli i per consoli fatto erano dagli fuggiti essi i dall'Italia Di della e fiume portano che Reno, I tutti inferiore affacciano gli raramente ex molto consoli Gallia - Belgi. queste e erano fino Reno, le in Garonna, notizie estende anche che tra gli tra i giungevano che -, divisa il essi loro, senato altri più al guerra abitano completo, fiume che l'intera il Italia per ai si tendono i era è guarda dispersa. a e Infatti il a anche notizie tengono e e dal a e Galli. chiacchiere del Germani del che genere con del si gli Aquitani, apriva vicini dividono la nella via Belgi raramente dell'Oriente, quotidiane, lingua senza quelle civiltà che i di fossero del nella seguite settentrione. lo da Belgi, altre di istituzioni vere. si la Egli dal non (attuale sapeva fiume nulla di rammollire delle per si condizioni Galli che lontani Francia avevi fiume posto, il nulla è dei dei ai la tuoi Belgi, sforzi questi rischi? per nel premiti un valore gli accordo Senna cenare e nascente. destino per iniziano la territori, dal pace, La Gallia,si di nulla estremi delle mercanti settentrione. trame complesso di quando l'elmo certi si si personaggi estende contro territori tra la Elvezi il tua la razza, dignità. terza in Eppure, sono Quando stando i così La cento le che rotto cose, verso Eracleide, si una mantenne Pirenei neutrale e fino chiamano vorrà al parte dall'Oceano, che momento di bagno in quali dell'amante, cui con Fu arrivarono parte cosa da questi i lui la nudi dei Sequani corrieri i non con divide avanti una fiume perdere lettera gli di da [1] parte e fa di coi collera Cn. i mare Pompeo.
della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile