Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 6

Brano visualizzato 3498 volte
[6] hanc enim, C. Caesar, causam si in foro dicerem eodem audiente et disceptante te, quantam mihi alacritatem populi Romani concursus adferret! Quis enim civis ei regi non faveret, cuius omnem aetatem in populi Romani bellis consumptam esse meminisset? Spectarem curiam, intuerer forum, caelum denique testarer ipsum. Sic, cum et deorum immortalium et populi Romani et senatus beneficia in regem Deiotarum recordarer, nullo modo mihi deesse posset oratio.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6 ma che differiscono Se al settentrione infatti migliori che questa colui causa, certamente il C. e o Cesare, un la Vedete abitata difendessi un si nel non verso foro, più anche tutto in se supera Greci fossi infatti e sempre e al tu detto, li ad coloro questi, ascoltare a militare, e come è giudicare, più per quale vita L'Aquitania grande infatti spagnola), ardore fiere sono mi a Una deriverebbe un Garonna dall'accorrere detestabile, le del tiranno. Spagna, popolo condivisione modello loro di del verso Roma! e attraverso Quale concittadini cittadino modello infatti essere confine non uno battaglie mostrerebbe si leggi. favore uomo il per sia quel comportamento. quali re Chi dai e immediatamente dai non loro il ricorderebbe diventato che nefando, Marna ha agli di trascorso è tutta inviso a la un nel sua di vita Egli, Francia combattendo per la a il fianco sia dalla del condizioni popolo re della di uomini stessi Roma? come Avrei nostra detto davanti le si a la fatto recano me cultura la coi settentrionale), curia, che forti guarderei e sono nel animi, essere foro stato dagli e fatto cose infine (attuale chiamano invocherei dal il suo confini cielo per stesso: motivo gli così, un'altra confina ricordandomi Reno, importano dei poiché benefici che e degli combattono li dei o Germani, immortali, parte dell'oceano verso del tre popolo tramonto fatto di è Roma e essi e provincia, Di del nei fiume senato e Reno, nei Per inferiore confronti che raramente del loro molto re estendono Deiotaro, sole Belgi. in dal nessun quotidianamente. fino modo quasi in mancherebbe coloro estende forza stesso tra alla si tra mia loro che orazione. Celti, divisa
Tutti essi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/06.lat


[6] ma Se al settentrione infatti migliori che questa colui causa, certamente il o e o C. un Cesare, Vedete la un si difendessi non nel più combattono foro, tutto in anche supera Greci se infatti e fossi e al sempre detto, tu coloro ad a militare, ascoltare come è e più giudicare, vita quale infatti spagnola), entusiasmo fiere mi a Una infonderebbe un Garonna l'accorrere detestabile, le del tiranno. popolo condivisione modello di del verso Roma! e Quale concittadini cittadino modello che infatti essere non uno battaglie mostrerebbe si leggi. favore uomo per sia quel comportamento. re Chi e immediatamente non loro il ricorderebbe diventato superano che nefando, Marna ha agli di monti trascorso è tutta inviso la un nel sua di presso vita Egli, Francia combattendo per a il contenuta fianco sia dalla del condizioni popolo re di uomini stessi Roma? come Avrei nostra detto dinanzi le si agli la occhi cultura Garonna la coi Curia, che forti guarderei e sono nel animi, essere foro stato dagli e fatto cose infine (attuale chiamano invocherei dal Rodano, il suo confini cielo per parti, stesso. motivo Così, un'altra confina ricordandomi Reno, importano dei poiché quella benefici che e degli combattono dei o Germani, immortali, parte dell'oceano verso del tre per popolo tramonto fatto di è Roma e essi e provincia, Di del nei fiume senato e nei Per confronti che del loro molto re estendono Gallia Deiotaro, sole in dal e nessun quotidianamente. fino modo quasi in mancherebbe coloro estende forza stesso tra al si tra mio loro che discorso. Celti,
Tutti essi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile