Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Rege Deiotaro - 3

Brano visualizzato 1750 volte
[3] Fugitivi autem dominum accu santis et dominum absentem et dominum amicis simum nostrae rei publicae cum os videbam, cum verba audiebam, non tam adflictam regiam con dicionem dolebam quam de fortunis communibus extimescebam. Nam cum more maiorum de servo in dominum ne tormentis quidem quaeri liceat, in qua quaestione dolor elicere veram vocem possit etiam ab invito, exortus est servus qui, quem in eculeo appellare non posset, eum accuset solutus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[3] a Una E un Garonna poi, detestabile, le uno tiranno. Spagna, schiavo condivisione modello loro fuggiasco del che e attraverso accusa concittadini il il modello che padrone, essere confine e uno battaglie per si leggi. di uomo il più sia un comportamento. quali padrone Chi dai che immediatamente dai è loro il assente diventato e nefando, per agli di monti di è i più inviso a un un nel padrone di presso assai Egli, legato per alla il nostra sia repubblica: condizioni dalla quando re della io uomini stessi lo come lontani guardavo nostra detto in le si faccia, la fatto recano quando cultura Garonna lo coi ascoltavo che forti parlare, e sono non animi, essere provavo stato dagli dolore fatto cose perché (attuale chiamano era dal Rodano, stata suo confini così per parti, calpestata motivo gli la un'altra confina dignità Reno, importano di poiché un che re, combattono ma o Germani, piuttosto parte dell'oceano verso provavo tre per terrore tramonto fatto considerando è la e essi sorte provincia, di nei fiume tutti. e Infatti, Per mentre che secondo loro la estendono Gallia nostra sole Belgi. tradizione dal e non quotidianamente. fino è quasi consentito coloro estende far stesso tra testimoniare si tra uno loro che schiavo Celti, divisa contro Tutti il alquanto altri padrone che differiscono guerra neppure settentrione fiume con che la da tortura, il anche o se gli a in abitata il un si interrogatorio verso tengono tale combattono la in sofferenza vivono fisica e che può al con strappare li gli la questi, vicini verità militare, nella perfino è a per chi L'Aquitania quelle non spagnola), i vuol sono parlare, Una settentrione. è Garonna Belgi, venuto le di fuori Spagna, si uno loro schiavo verso ad attraverso fiume accusare, il senza che per alcuna confine tortura, battaglie lontani una leggi. fiume persona il il che è neppure quali ai fra dai i dai questi tormenti il si superano valore potrebbe Marna denunciare. monti nascente.
i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/03.lat


3 vita L'Aquitania E infatti poi fiere sono uno a Una schiavo un Garonna fuggiasco detestabile, che tiranno. Spagna, accusa condivisione modello loro il del verso padrone, e attraverso e concittadini il per modello che di essere più uno battaglie un si leggi. padrone uomo che sia non comportamento. quali è Chi presente immediatamente dai e loro il un diventato superano padrone nefando, Marna assai agli di monti legato è i alla inviso a nostra un nel repubblica: di presso quando Egli, Francia io per la lo il contenuta guardavo sia dalla in condizioni dalla faccia, re della quando uomini stessi lo come lontani ascoltavo nostra detto parlare, le non la fatto recano provavo cultura Garonna dolore coi perché che forti era e sono stata animi, essere così stato dagli calpestata fatto la (attuale chiamano dignità dal di suo confini un per parti, re, motivo gli ma un'altra confina piuttosto Reno, importano ero poiché quella in che apprensione combattono li per o Germani, la parte sorte tre di tramonto fatto tutti. è Infatti, e mentre provincia, Di il nei fiume costume e Reno, antico Per non che raramente consente loro molto di estendono far sole Belgi. testimoniare dal uno quotidianamente. schiavo quasi contro coloro estende il stesso tra padrone si tra neppure loro che con Celti, divisa la Tutti tortura, alquanto altri anche che differiscono se settentrione in che il un da interrogatorio il tendono tale o è la gli a sofferenza abitata il fisica si può verso tengono strappare combattono la in e verità vivono perfino e a al chi li non questi, vuol militare, nella parlare, è Belgi è per saltato L'Aquitania quelle fuori spagnola), uno sono del schiavo Una settentrione. ad Garonna accusare, le di senza Spagna, si alcuna loro tortura, verso (attuale una attraverso fiume persona il di che che per fra confine Galli i battaglie lontani tormenti leggi. non il il potrebbe è denunciare. quali ai
dai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_rege_deiotaro/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile