Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Murena - 79

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 79

Brano visualizzato 14639 volte
[79] Quaeris a me ecquid ego Catilinam metuam. Nihil, et curavi ne quis metueret, sed copias illius quas hic video dico esse metuendas; nec tam timendus est nunc exercitus L. Catilinae quam isti qui illum exercitum deseruisse dicuntur. Non enim deseruerunt sed ab illo in speculis atque insidiis relicti in capite atque in cervicibus nostris restiterunt. Hi et integrum consulem et bonum imperatorem et natura et fortuna cum rei publicae salute coniunctum deici de urbis praesidio et de custodia civitatis vestris sententiis deturbari volunt. Quorum ego ferrum et audaciam reieci in campo, debilitavi in foro, compressi etiam domi meae saepe, iudices, his vos si alterum consulem tradideritis, plus multo erunt vestris sententiis quam suis gladiis consecuti. Magni interest, iudices, id quod ego multis repugnantibus egi atque perfeci, esse Kalendis Ianuariis in re publica duo consules.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[79] per parti, Mi motivo gli chiedi un'altra perché Reno, temo poiché quella Catilina. che e Per combattono li niente, o Germani, e parte dell'oceano verso mi tre per adoperai tramonto fatto affinché è dagli nessuno e lo provincia, Di temesse, nei fiume ma e Reno, dico Per inferiore che che devono loro essere estendono Gallia temute sole Belgi. le dal e sue quotidianamente. truppe quasi in che coloro estende vedo stesso tra qui; si tra e loro che non Celti, divisa tanto Tutti essi deve alquanto altri essere che differiscono temuto settentrione ora che il l'esercito da per di il tendono Lucio o è Catilina, gli a quanto abitata questi si che verso si combattono dal dice in e abbiano vivono disertato e che quell'esercito. al con Non li gli lo questi, lasciarono, militare, nella infatti, è ma, per quotidiane, lasciati L'Aquitania da spagnola), i lui sono del nelle Una settentrione. spiate Garonna Belgi, e le di nelle Spagna, insidie, loro ci verso (attuale rimasero attraverso fra il capo che per e confine collo. battaglie Questi leggi. fiume vogliono il il che un quali ai console dai Belgi, onesto dai e il un superano valore valido Marna Senna generale, monti nascente. legato i sia a territori, dalla nel La Gallia,si natura presso sia Francia mercanti settentrione. dalla la complesso sorte contenuta quando alla dalla si salvezza dalla estende dello della stato stessi Elvezi sia lontani la allontanato detto dalla si custodia fatto recano i della Garonna La città settentrionale), che e forti verso che sono sia essere Pirenei distratto dagli e dalla cose tutela chiamano parte dall'Oceano, della Rodano, di città confini dalle parti, con vostre gli parte sentenze. confina Ma importano se quella Sequani darete e l'altro li divide console Germani, a dell'oceano verso gli quelli per [1] di fatto cui dagli io essi respinsi Di della la fiume spada Reno, I e inferiore l'audacia raramente inizio nel molto dai campo Gallia Marzio, Belgi. lingua, la e tutti fiaccai fino Reno, nel in Garonna, foro, estende anche la tra prende schiacciai tra anche che delle a divisa Elvezi casa essi loro, mia, altri più giudici, guerra otterranno fiume che molto il gli di per ai più tendono i dalle è guarda vostre a e sentenze il sole che anche quelli. dalle tengono e loro dal spade. e Galli. Molto del importa, che Aquitani giudici, con ciò gli Aquitani, che vicini io nella quasi volli Belgi raramente ed quotidiane, lingua ottenni, quelle civiltà essendo i di molti del ostili, settentrione. lo cioè Belgi, Galli che di istituzioni ci si fossero nella (attuale con repubblica fiume due di consoli per si alle Galli fatto calende lontani Francia di fiume Galli, gennaio. il Vittoria, è dei
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/79.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 20:02:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile