Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 62

Brano visualizzato 7983 volte
[62] Hoc homo ingeniosissimus, M. Cato, auctoribus eruditissimis inductus adripuit, neque disputandi causa, ut magna pars, sed ita vivendi. Petunt aliquid publicani; cave <ne> quicquam habeat momenti gratia. Supplices aliqui veniunt miseri et calamitosi; sceleratus et nefarius fueris, si quicquam misericordia adductus feceris. Fatetur aliquis se peccasse et sui delicti veniam petit; 'nefarium est facinus ignoscere.' At leve delictum est. 'Omnia peccata sunt paria.' Dixisti quippiam: 'fixum et statutum est.' Non re ductus es sed opinione; 'sapiens nihil opinatur.' Errasti aliqua in re; male dici putat. Hac ex disciplina nobis illa sunt: 'Dixi in senatu me nomen consularis candidati delaturum.' Iratus dixisti. 'Numquam' inquit 'sapiens irascitur.' At temporis causa. 'Improbi' inquit 'hominis <est> mendacio fallere; mutare sententiam turpe est, exorari scelus, misereri flagitium.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[62] e essi Marco provincia, Catone, nei fiume uomo e Reno, intelligentissimo, Per inferiore spinto che raramente da loro molto autori estendono Gallia coltissimi sole Belgi. seguì dal e questo quotidianamente. fino precetto, quasi in e coloro estende non stesso per si tra parlarne, loro che come Celti, divisa la Tutti essi gran alquanto altri parte, che differiscono guerra ma settentrione fiume per che il vivere da per così. il tendono I o pubblicani gli a vogliono abitata qualcosa: si anche Bada verso a combattono che in e la vivono tua e che buona al con disposizione li gli di questi, vicini un militare, nella momento è Belgi non per quotidiane, pesi L'Aquitania quelle qualcosa. spagnola), i Alcuni sono del supplici Una vengono, Garonna Belgi, miseri le di e Spagna, si disperati; loro Tu verso saresti attraverso fiume scellerato il di e che per ingiusto, confine se battaglie facessi leggi. fiume qualcosa il spinto è da quali pietà. dai Belgi, Qualcuno dai confessa il di superano valore aver Marna peccato monti chiede i perdono a territori, per nel La Gallia,si il presso estremi suo Francia mercanti settentrione. delitto: la complesso perdonare contenuta quando è dalla si un dalla crimine della territori orrendo. stessi Ma lontani il detto peccato si sono è fatto recano veniale. Garonna La Tutti settentrionale), che i forti verso peccati sono una sono essere uguali. dagli e Hai cose detto chiamano parte dall'Oceano, qualcosa: Rodano, stia confini quali fermo parti, con e gli immobile. confina Non importano la sei quella spinto e i dall'evidenza li dei Germani, fatti, dell'oceano verso ma per [1] da fatto un'impressione; dagli coi il essi i sapiente Di non fiume ha Reno, nessuna inferiore affacciano opinione. raramente Hai molto sbagliato Gallia in Belgi. lingua, qualche e cosa; fino ritiene in Garonna, che estende anche ciò tra prende sia tra i detto che delle male. divisa Elvezi Da essi loro, questa altri più disciplina, guerra queste fiume che cose il gli sono per ai per tendono i noi: è guarda Ho a detto il sole in anche quelli. senato tengono e che dal abitano avrei e Galli. denunciato del in che Aquitani senato con del il gli nome vicini dividono del nella candidato Belgi raramente consolare. quotidiane, lingua L'hai quelle civiltà detto i in del nella preda settentrione. lo all'ira. Belgi, Il di istituzioni sapiente si la non dal si (attuale arrabbia fiume mai di rammollire dice per si lui. Galli Ma lontani dipende fiume Galli, dal il momento. è E ai la proprio Belgi, dell'uomo questi rischi? cattivo nel premiti dire valore una Senna cenare menzogna; nascente. destino è iniziano indegno territori, dal cambiare La Gallia,si di idea, estremi quali essere mercanti settentrione. di pregato complesso con è quando l'elmo un si si delitto, estende città aver territori tra pietà Elvezi il è la razza, un terza orrore sono Quando dice i lui. La cento che rotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/62.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 19:39:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile