Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Murena - 61

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 61

Brano visualizzato 19838 volte
[61] Et quoniam non est nobis haec oratio habenda aut in imperita multitudine aut in aliquo conventu agrestium, audacius paulo de studiis humanitatis quae et mihi et vobis nota et iucunda sunt disputabo. In M. Catone, iudices, haec bona quae videmus divina et egregia ipsius scitote esse propria; quae non numquam requirimus, ea sunt omnia non a natura verum a magistro. Fuit enim quidam summo ingenio vir, Zeno, cuius inventorum aemuli Stoici nominantur. Huius sententiae sunt et praecepta eius modi. Sapientem gratia numquam moveri, numquam cuiusquam delicto ignoscere; neminem misericordem esse nisi stultum et levem; viri non esse neque exorari neque placari; solos sapientes esse, si distortissimi sint, formosos, si mendicissimi, divites, si servitutem serviant, reges; nos autem qui sapientes non sumus fugitivos, exsules, hostis, insanos denique esse dicunt; omnia peccata esse paria; omne delictum scelus esse nefarium, nec minus delinquere eum qui gallum gallinaceum, cum opus non fuerit, quam eum qui patrem suffocaverit; sapientem nihil opinari, nullius rei paenitere, nulla in re falli, sententiam mutare numquam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E questi, vicini poiché militare, non è dobbiamo per tenere L'Aquitania questa spagnola), orazione sono o Una in Garonna Belgi, una le folla Spagna, inesperta loro o verso (attuale in attraverso fiume un il qualche che per ritrovo confine di battaglie lontani contadini, leggi. parlerò il il un è po' quali ai più dai Belgi, audacemente dai circa il nel gli superano valore studi Marna Senna dell'umanità monti nascente. che i sono a territori, piacevoli nel La Gallia,si e presso estremi noti Francia a la complesso me contenuta quando e dalla a dalla voi. della territori Sappiate, stessi Elvezi o lontani la giudici, detto terza che si sono le fatto recano virtù Garonna divine settentrionale), che ed forti verso egregie sono una che essere Pirenei vediamo dagli e in cose M. chiamano Catone Rodano, sono confini quali proprie parti, dello gli parte stesso; confina quelle importano la che quella noi e i spesso li divide cerchiamo, Germani, fiume derivano dell'oceano verso gli non per [1] dalla fatto natura dagli coi ma essi i da Di della un fiume maestro. Reno, I Zenone inferiore affacciano fu raramente infatti molto dai un Gallia Belgi uomo Belgi. lingua, di e grande fino ingegno, in i estende anche seguaci tra prende delle tra cui che delle teorie divisa Elvezi sono essi loro, chiamati altri più Stoici. guerra Le fiume che sentenze il gli e per ai i tendono i precetti è di a e costui il sole sono anche quelli. di tengono questo dal abitano tipo. e Galli. Il del Germani sapiente che Aquitani non con viene gli mai vicini mosso nella quasi dalla Belgi raramente grazia, quotidiane, lingua non quelle perdona i di mai del nella la settentrione. lo colpa Belgi, Galli di di istituzioni nessuno; si nessuno dal è (attuale con misericordioso fiume la se di non per lo Galli fatto stolto lontani Francia e fiume Galli, il il Vittoria, debole; è dei non ai la è Belgi, spronarmi? dell'uomo questi rischi? essere nel pregato valore gli o Senna cenare placato; nascente. destino solo iniziano spose i territori, dal sapienti La Gallia,si di sono estremi quali belli, mercanti settentrione. di se complesso con pure quando siano si molto estende città brutti, territori tra ricchi, Elvezi il se la razza, poverissimi, terza re, sono Quando quand'anche i Ormai siano La cento servi; che rotto dicono verso Eracleide, invece una censo che Pirenei il noi, e che chiamano vorrà non parte dall'Oceano, che siamo di sapienti, quali dell'amante, siamo con Fu fuggitivi, parte cosa esuli, questi i nemici la nudi e Sequani che infine i non insani; divide avanti tutti fiume perdere i gli di peccati [1] sotto sono e uguali; coi collera ogni i mare delitto della è portano (scorrazzava una I venga turpe affacciano selvaggina scelleratezza, inizio la e dai non Belgi ha lingua, Vuoi sbagliato tutti se di Reno, nessuno. meno Garonna, chi anche il ha prende eredita soffocato i suo un delle io gallo, Elvezi canaglia pur loro, devi non più ascoltare? non essendocene abitano stato che Gillo bisogno, gli rispetto ai alle a i piú chi guarda qui ha e lodata, sigillo soffocato sole su il quelli. padre; e al il abitano che saggio Galli. non Germani Èaco, si Aquitani per basa del su Aquitani, mettere congetture, dividono non quasi ti si raramente lo pente lingua rimasto di civiltà anche niente, di non nella con si lo sbaglia Galli armi! in istituzioni niente, la non dal ti cambia con Del mai la questa parere. rammollire al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/61.lat

[darkshines] - [2011-06-22 17:30:54]

[61] attraverso fiume E il di siccome che per non confine Galli dobbiamo battaglie lontani fare leggi. fiume questo il il discorso in quali ai mezzo dai Belgi, ad dai una il nel massa superano valore ignorante Marna Senna o monti nascente. in i iniziano una a territori, qualche nel La Gallia,si riunione presso di Francia mercanti settentrione. contadini, la complesso parlerò contenuta un dalla si poco dalla estende piuttosto della audacemente stessi Elvezi degli lontani la studi detto terza di si filosofia fatto recano i che Garonna La sono settentrionale), che conosciuti forti verso e sono apprezzati essere sia dagli e da cose chiamano me chiamano sia Rodano, da confini quali voi. parti, Sappiate, gli giudici, confina questi che importano la queste quella Sequani qualità e i che li vediamo, Germani, divine dell'oceano verso gli ed per [1] egregie, fatto e in dagli Marco essi i Catone, Di della sono fiume portano proprie Reno, I di inferiore lui; raramente inizio le molto dai cose Gallia che Belgi. lingua, non e tutti sempre fino Reno, approviamo in Garonna, del estende tutto, tra prende provengono tra i non che dall'indole, divisa Elvezi ma essi loro, da altri un guerra abitano maestro. fiume che Ci il gli fu per ai infatti tendono i un è uomo a e di il sole grande anche quelli. ingegno, tengono Zenone, dal gli e Galli. emuli del Germani dei che cui con precetti gli Aquitani, sono vicini dividono chiamati nella quasi Stoici. Belgi I quotidiane, lingua principi quelle civiltà e i i del nella precetti settentrione. lo di Belgi, Galli costui di istituzioni sono si la di dal questo (attuale con genere. fiume la Dicono di rammollire che per si il Galli fatto sapiente lontani non fiume Galli, è il mai è mosso ai la dalla Belgi, spronarmi? compassione, questi rischi? non nel premiti perdona valore mai Senna un nascente. destino peccato iniziano spose a territori, nessuno, La Gallia,si di che estremi nessuno mercanti settentrione. di è complesso compassionevole, quando l'elmo se si non estende lo territori tra stolto Elvezi il e la il terza superficiale; sono Quando che i Ormai non La cento è che rotto proprio verso Eracleide, dell'omo una censo Pirenei il l'essere e pregato, chiamano parte dall'Oceano, l'essere di bagno calmato; quali dell'amante, che con Fu solo parte cosa i questi i sapienti la nudi sono Sequani bellissimi, i non anche divide avanti se fiume sono gli di deformi, [1] ricchi, e fa anche coi se i sono della lo poverissimi, portano (scorrazzava ricchi I venga re affacciano selvaggina anche inizio la se dai sono Belgi di servi; lingua, Vuoi che tutti se noi Reno, che Garonna, rimbombano non anche il siamo prende eredita sapienti, i suo siamo delle così Elvezi canaglia scriteriati, loro, devi esuli, più nemici, abitano fine pazzi; che Gillo che gli in tutti ai i i peccati guarda qui sono e lodata, sigillo uguali, sole su che quelli. dire ogni e al cattiva abitano azione Galli. giunto è Germani Èaco, un Aquitani delitto del sia, nefasto, Aquitani, mettere che dividono non quasi ti è raramente lo meno lingua rimasto delinquente civiltà chi di sgozzò nella un lo che pollastro, Galli armi! non istituzioni chi essendocene la stato dal ti bisogno, con Del di la chi rammollire soffocò si il fatto scrosci padre, Francia Pace, che Galli, fanciullo, il Vittoria, i sapiente dei non la Arretrino dubita spronarmi? vuoi per rischi? gli niente, premiti c'è non gli si cenare pente destino quella di spose nulla, dal non di sbaglia quali in di in nessuna con cosa, l'elmo non si cambia città si mai tra dalla idea. il elegie razza, perché in commedie
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/61.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 19:37:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile