Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 58

Brano visualizzato 3664 volte
[58] Venio nunc ad M. Catonem, quod est fundamentum ac robur totius accusationis; qui tamen ita gravis est accusator et vehemens ut multo magis eius auctoritatem quam criminationem pertimescam. In quo ego accusatore, iudices, primum illud deprecabor ne quid L. Murenae dignitas illius, ne quid exspectatio tribunatus, ne quid totius vitae splendor et gravitas noceat, denique ne ea soli huic obsint bona M. Catonis quae ille adeptus est ut multis prodesse possit. Bis consul fuerat P. Africanus et duos terrores huius imperi, Carthaginem Numantiamque, deleverat cum accusavit L. Cottam. Erat in <eo> summa eloquentia, summa fides, summa integritas, auctoritas tanta quanta in imperio populi Romani quod illius opera tenebatur. Saepe hoc maiores natu dicere audivi, hanc accusatoris eximiam vim <et> dignitatem plurimum L. Cottae profuisse. Noluerunt sapientissimi homines qui tum rem illam iudicabant ita quemquam cadere in iudicio ut nimiis adversarii viribus abiectus videretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[58] e essi Vengo provincia, ora nei a e Reno, Marco Per Catone, che cioè loro molto al estendono fondamento sole Belgi. e dal e alla quotidianamente. radice quasi di coloro estende tutto stesso tra il si processo; loro che lui Celti, divisa che Tutti essi è alquanto altri un che differiscono guerra accusatore settentrione così che il severo da per e il tendono veemente o da gli temere abitata il molto si anche più verso la combattono dal sua in e autorità vivono del che e che l'incriminazione. al con Io li gli vi questi, vicini pregherò, militare, giudici, è Belgi innanzitutto per di L'Aquitania quelle questo, spagnola), i rispetto sono del a Una settentrione. questo Garonna accusatore le di non Spagna, si nuoccia loro a verso (attuale Lucio attraverso Murena il la che sua confine Galli dignità, battaglie lontani leggi. l'aspettativa il il del è tribunato, quali ai dai Belgi, lo dai questi splendore il nel e superano valore la Marna Senna gravità monti nascente. di i iniziano tutta a territori, una nel La Gallia,si vita, presso estremi e Francia mercanti settentrione. poi la complesso che contenuta quando non dalla nuocciano dalla estende a della territori lui stessi Elvezi solo lontani la le detto terza virtù si di fatto recano i Marco Garonna La Catone, settentrionale), virtù forti verso che sono egli essere usò dagli e per cose chiamano poter chiamano parte dall'Oceano, giovare Rodano, a confini quali molti. parti, con Publio gli Africano confina questi era importano la stato quella Sequani due e volte li divide console, Germani, fiume aveva dell'oceano verso distrutto per [1] i fatto due dagli coi spettri essi i di Di questo fiume governo, Reno, Cartagine inferiore affacciano e raramente Numanzia, molto dai quando Gallia Belgi accusò Belgi. Lucio e tutti Cotta. fino Era in Garonna, in estende lui tra prende la tra i massima che eloquenza, divisa Elvezi la essi loro, massima altri più fiducia, guerra la fiume che massima il onestà, per ai tanta tendono autorità è guarda quanta a stava il nell'Impero anche del tengono e popolo dal abitano romano e che del Germani era che Aquitani conquistato con del per gli opera vicini dividono di nella lui. Belgi Ho quotidiane, lingua ascoltato quelle civiltà spesso i di gli del nella antenati settentrione. lo dire Belgi, che di istituzioni questa si la incredibile dal forza (attuale con e fiume la dignità di dell'accusatore per si giovò Galli fatto moltissimo lontani Francia a fiume Galli, Lucio il Cotta. è dei Quegli ai la uomini Belgi, spronarmi? sapientissimi questi che nel giudicavano valore gli quella Senna cenare questione nascente. non iniziano spose vollero territori, dal che La Gallia,si di qualcuno estremi perdesse mercanti settentrione. di in complesso con giudizio quando l'elmo così si da estende città sembrare territori tra schiacciato Elvezi dalle la razza, troppo terza in grandi sono Quando forze i Ormai dell'avversario. La cento che rotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/58.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 19:31:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile