Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Murena - 51

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 51

Brano visualizzato 2842 volte
[51] Tum igitur, his rebus auditis, meministis fieri senatus consultum referente me ne postero die comitia haberentur, ut de his rebus in senatu agere possemus. Itaque postridie frequenti senatu Catilinam excitavi atque eum de his rebus iussi, si quid vellet, quae ad me adlatae essent dicere. Atque ille, ut semper fuit apertissimus, non se purgavit sed indicavit atque induit. Tum enim dixit duo corpora esse rei publicae, unum debile infirmo capite, alterum firmum sine capite; huic, si ita de se meritum esset, caput se vivo non defuturum. Congemuit senatus frequens neque tamen satis severe pro rei indignitate decrevit; nam partim ideo fortes in decernendo non erant, quia nihil timebant, partim, quia <omnia>. Erupit e senatu triumphans gaudio quem omnino vivum illinc exire non oportuerat, praesertim cum idem ille in eodem ordine paucis diebus ante Catoni, fortissimo viro, iudicium minitanti ac denuntianti respondisset, si quod esset in suas fortunas incendium excitatum, id se non aqua sed ruina restincturum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[51] loro che E Celti, divisa allora, Tutti essi sentite alquanto altri queste che differiscono guerra cose settentrione fiume ricordate che il che da ci il tendono fu o è un gli a senatoconsulto, abitata su si anche mia verso tengono proposta, combattono dal affinché in e non vivono del si e che tenessero al con i li gli comizi questi, vicini l'indomani, militare, perché è Belgi in per senato L'Aquitania potessimo spagnola), i parlare sono del di Una settentrione. queste Garonna Belgi, cose. le di Così Spagna, si l'indomani loro chiamai verso Catilina, attraverso gremito il di il che per senato confine e battaglie lontani gli leggi. fiume ordinai il il di è parlare quali delle dai cose dai questi che il nel mi superano valore erano Marna Senna state monti nascente. riferite, i iniziano se a territori, pretendesse nel La Gallia,si qualcosa. presso estremi E Francia mercanti settentrione. quello, la complesso sfacciatissimo contenuta quando come dalla sempre dalla fu, della non stessi Elvezi si lontani la agitò, detto terza ma si sono confessò fatto recano e Garonna si settentrionale), che smentì. forti verso Infatti sono disse essere Pirenei che dagli e lo cose chiamano stato chiamano parte dall'Oceano, ha Rodano, di due confini quali corpi, parti, uno gli debole, confina questi con importano una quella Sequani testa e fiacca, li l'altro Germani, forte dell'oceano verso senza per [1] testa; fatto a dagli questo, essi i se Di della fosse fiume portano stato Reno, I concesso inferiore affacciano merito raramente inizio di molto dai sé, Gallia Belgi non Belgi. lingua, sarebbe e mancata fino Reno, la in testa, estende anche lui tra prende vivo. tra i Sbiancò che delle l'intero divisa Elvezi senato essi loro, e altri più tuttavia guerra non fiume decretò il in per maniera tendono i abbastanza è guarda severa a e per il sole l'indegnità anche del tengono colpevole; dal abitano infatti e Galli. in del parte che Aquitani non con del erano gli Aquitani, rigidi vicini dividono nel nella quasi decretare Belgi raramente perché quotidiane, lingua non quelle civiltà temevano i di niente, del nella in settentrione. lo parte Belgi, Galli perché di temevano si tutto. dal Uscì (attuale con dal fiume la senato di tutto per si trionfante Galli fatto di lontani Francia gioia fiume Galli, uno il che è dei non ai la sarebbe Belgi, dovuto questi rischi? proprio nel uscire valore gli vivo Senna cenare da nascente. destino lì, iniziano soprattutto territori, dato La Gallia,si che estremi quali quello mercanti settentrione. di stesso, complesso nello quando l'elmo stesso si si senato, estende città pochi territori giorni Elvezi il prima la razza, aveva terza in risposto sono Quando a i Ormai Catone, La cento uomo che rotto validissimo, verso Eracleide, che una censo minacciava Pirenei il il e argenti giudizio chiamano vorrà e parte dall'Oceano, lo di bagno attaccava quali dell'amante, che, con Fu se parte cosa fosse questi stato la appiccato Sequani che un i non incendio divide ai fiume perdere suoi gli di beni [1] sotto egli e lo coi collera avrebbe i mare spento della lo non portano (scorrazzava con I l'acqua, affacciano ma inizio con dai reggendo la Belgi di distruzione. lingua, Vuoi tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/51.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 19:26:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile