Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 47

Brano visualizzato 1470 volte
[47] Poena gravior in plebem tua voce efflagitata est; commoti animi tenuiorum. Exsilium in nostrum ordinem; concessit senatus postulationi tuae, sed non libenter duriorem fortunae communi condicionem te auctore constituit. Morbi excusationi poena addita est; voluntas offensa multorum quibus aut contra valetudinis commodum laborandum est aut incommodo morbi etiam ceteri vitae fructus relinquendi. Quid ergo? haec quis tulit? Is qui auctoritati senatus, voluntati tuae paruit, denique is tulit cui minime proderant. Illa <quidem> quae mea summa voluntate senatus frequens repudiavit mediocriter adversata tibi esse existimas? Confusionem suffragiorum flagitasti, ~praerogationum legis Maniliae~, aequationem gratiae, dignitatis, suffragiorum. Graviter homines honesti atque in suis vicinitatibus et municipiis gratiosi tulerunt a tali viro esse pugnatum ut omnes et dignitatis et gratiae gradus tollerentur. Idem editicios iudices esse voluisti, ut odia occulta civium quae tacitis nunc discordiis continentur in fortunas optimi cuiusque erumperent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[47] vivono Fu e che imposta al con alla li gli plebe, questi, vicini su militare, nella tua è Belgi proposta, per quotidiane, una L'Aquitania pena spagnola), più sono del grave; Una settentrione. gli Garonna Belgi, animi le di dei Spagna, si più loro moderati verso ne attraverso fiume furono il di scossi. che per Chiedesti confine l'esilio battaglie per leggi. fiume il il il nostro ordine; quali ai il dai Belgi, senato dai accettò il la superano valore tua Marna proposta, monti nascente. ma i iniziano non a territori, volentieri nel La Gallia,si fornì, presso estremi per Francia tua la complesso mano, contenuta quando una dalla condizione dalla estende più della dura stessi Elvezi alla lontani sorte detto terza comune. si sono Fu fatto recano i aggiunta Garonna una settentrionale), che penale forti verso per sono una l'esenzione essere Pirenei da dagli malattia; cose fu chiamano parte dall'Oceano, offesa Rodano, di la confini volontà parti, con dei gli parte molti confina questi che importano la devono quella Sequani soffrire e un li fastidio Germani, fiume contrario dell'oceano verso gli alla per [1] salute fatto e o dagli degli essi altri Di della che fiume portano per Reno, I il inferiore danno raramente della molto dai malattia Gallia devono Belgi. lingua, tralasciare e tutti anche fino le in Garonna, cose estende anche belle tra prende della tra i vita. che E divisa che essi loro, dunque? altri più Chi guerra portò fiume che queste il gli cose? per ai Uno tendono i che è obbedì a all'autorità il sole del anche quelli. senato tengono e dal alla e Galli. tua del Germani volontà, che Aquitani uno con del a gli Aquitani, cui vicini queste nella quasi cose Belgi raramente non quotidiane, son quelle civiltà convenute i di per del nella niente. settentrione. lo E Belgi, credi di istituzioni che si la ti dal abbiano (attuale con nuociuto fiume poco di rammollire quelle per si altre Galli cose lontani Francia che, fiume Galli, con il mio è dei grande ai la impegno, Belgi, spronarmi? il questi senato nel rifiutò valore gli spesso? Senna cenare Hai nascente. destino chiesto iniziano la territori, dal mescolanza La Gallia,si di dei estremi quali voti, mercanti settentrione. di l'accettazione complesso con della quando l'elmo legge si si Manilia, estende città la territori parificazione Elvezi il della la popolarità, terza della sono Quando carica, i dei La voti. che rotto Seriamente verso Eracleide, uomini una onesti Pirenei e e argenti graditi chiamano vorrà ai parte dall'Oceano, che loro di bagno vicini quali dell'amante, e con Fu alle parte loro questi i città la nudi sopportarono Sequani che che i non fosse divide avanti chiesto fiume da gli di quest'uomo [1] che e fa tutte coi le i mare gradazioni della lo di portano (scorrazzava prestigio I e affacciano selvaggina benemerenza inizio fossero dai reggendo spazzate Belgi di via. lingua, Vuoi Tu tutti stesso Reno, nessuno. hai Garonna, voluto anche il che prende eredita i i suo giudici delle io fossero Elvezi canaglia scelti loro, devi dagli più ascoltare? non accusatori abitano così che Gillo che gli in gli ai odi i occulti guarda qui dei e lodata, sigillo cittadini sole che quelli. dire erano e al trattenuti abitano in Galli. giunto antipatie Germani Èaco, silenziose, Aquitani per erompessero del sia, contro Aquitani, le dividono sorti quasi ti di raramente lo ciascuna lingua rimasto valida civiltà persona. di lo nella con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/47.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 19:21:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile