Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 43

Brano visualizzato 1298 volte
[43] Et quoniam ostendi, iudices, parem dignitatem ad consulatus petitionem, disparem fortunam provincialium negotiorum in Murena atque in Sulpicio fuisse, dicam iam apertius in quo meus necessarius fuerit inferior, Servius, et ea dicam vobis audientibus amisso iam tempore quae ipsi soli re integra saepe dixi. Petere consulatum nescire te, Servi, persaepe tibi dixi; et in eis rebus ipsis quas te magno et forti animo et agere et dicere videbam tibi solitus sum dicere magis te fortem accusatorem mihi videri quam sapientem candidatum. Primum accusandi terrores et minae quibus tu cotidie uti solebas sunt fortis viri, sed et populi opinionem a spe adipiscendi avertunt et amicorum studia debilitant. Nescio quo pacto semper hoc fit--neque in uno aut altero animadversum est sed iam in pluribus-- simul atque candidatus accusationem meditari visus est, ut honorem desperasse videatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[43] provincia, Di E nei dopo e Reno, che Per vi che mostrai, loro molto giudici, estendono Gallia che sole Belgi. in dal e Murena quotidianamente. fino e quasi in coloro estende Sulpicio stesso tra fu si tra pari loro che la Celti, divisa dignità Tutti nel alquanto altri candidarsi che differiscono guerra al settentrione fiume consolato, che il ma da diversa il la o è fortuna gli delle abitata il faccende si anche provinciali, verso tengono vi combattono dirò in adesso vivono più e che chiaramente al in li gli che questi, vicini cosa militare, nella il è Belgi mio per amico L'Aquitania quelle Servio spagnola), i fu sono inferiore, Una e Garonna Belgi, dirò, le di a Spagna, voi loro che verso (attuale le attraverso ascoltate, il cose che per che, confine Galli trascorso battaglie orma leggi. fiume il il il del è tempo, quali ai dissi dai Belgi, integralmente dai spesso il nel a superano valore lui Marna Senna da monti nascente. solo. i Ti a territori, dissi, nel La Gallia,si Servio, presso estremi che Francia mercanti settentrione. tu la complesso non contenuta quando sapevi dalla si fare dalla propaganda della territori elettorale stessi per lontani la il detto terza consolato, si soprattutto fatto recano per Garonna La te; settentrionale), e forti verso nelle sono una stesse essere Pirenei cose dagli e che cose vedevo chiamano che Rodano, di tu confini dicevi parti, con e gli parte facevi confina questi con importano la sicurezza quella Sequani e e decisione, li ero Germani, fiume solito dell'oceano verso gli dire per [1] che fatto e mi dagli sembravi essi i più Di della un fiume portano valido Reno, nemico inferiore affacciano che raramente inizio un molto dai saggio Gallia Belgi candidato. Belgi. lingua, Innanzitutto e le fino Reno, paure in Garonna, e estende anche le tra prende minacce tra dell'accusa che che divisa Elvezi tu essi loro, eri altri più solito guerra abitano utilizzare fiume che tutti il gli i per ai giorni, tendono sono è guarda proprie a di il sole un anche quelli. uomo tengono e deciso, dal ma e Galli. da del Germani una che Aquitani parte con del allontanano gli Aquitani, dalla vicini dividono speranza nella di Belgi raramente vittoria quotidiane, l'opinione quelle civiltà del i di popolo, del nella dall'altra settentrione. fiaccano Belgi, le di simpatie si degli dal amici. (attuale con Non fiume so di rammollire perché per si accade Galli fatto sempre lontani Francia così fiume Galli, (e il Vittoria, ciò è dei non ai la fu Belgi, percepito questi rischi? nell'uno nel o valore nell'altro Senna personaggio, nascente. ma iniziano in territori, molti), La Gallia,si di cioè estremi che mercanti settentrione. di sembra complesso con che quando l'elmo un si si candidato estende città abbia territori tra perso Elvezi l'elezione la razza, non terza in appena sono apparve i Ormai pensare La all'attacco che personale. verso Eracleide, una censo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/43.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 19:09:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile