Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 42

Brano visualizzato 1614 volte
[42] Quid tua sors? Tristis, atrox, quaestio peculatus ex altera parte lacrimarum et squaloris, ex altera plena accusatorum atque indicum; cogendi iudices inviti, retinendi contra voluntatem; scriba damnatus, ordo totus alienus; Sullana gratificatio reprehensa, multi viri fortes et prope pars civitatis offensa est; lites severe aestimatae; cui placet obliviscitur, cui dolet meminit. Postremo tu in provinciam ire noluisti. Non possum id in te reprehendere quod in me ipso et praetore et consule probavi. Sed tamen L. Murenae provincia multas bonas gratias cum optima existimatione attulit. Habuit proficiscens dilectum in Vmbria; dedit ei facultatem res publica liberalitatis, qua usus multas sibi tribus quae municipiis Vmbriae conficiuntur adiunxit. Ipse autem in Gallia ut nostri homines desperatas iam pecunias exigerent aequitate diligentiaque perfecit. Tu interea Romae scilicet amicis praesto fuisti; fateor; sed tamen illud cogita non nullorum amicorum studia minui solere in eos a quibus provincias contemni intellegunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[42] combattono dal E in e quale vivono fu e che il al con tuo li gli destino? questi, vicini La militare, nella triste, è drammatica per quotidiane, questione L'Aquitania quelle del spagnola), peculato, sono piena Una da Garonna Belgi, una le di parte Spagna, si di loro lacrime verso (attuale e attraverso tristezza, il dall'altra che per di confine Galli accusatori battaglie lontani e leggi. fiume giudici; il il di è costringere quali i dai giudici dai questi controvoglia, il nel di superano valore mantenerli Marna Senna contro monti nascente. la i loro a volontà, nel La Gallia,si condannato presso estremi uno Francia mercanti settentrione. scriba la complesso ti contenuta quando è dalla aliena dalla estende tutta della territori la stessi Elvezi classe lontani la sociale; detto terza revocata si sono una fatto recano i concessione Garonna La sillana, settentrionale), molti forti uomini sono una influenti essere Pirenei e dagli e quasi cose chiamano una chiamano parte dall'Oceano, parte Rodano, di della confini quali città parti, con ne gli sono confina questi state importano la offese; quella Sequani le e i liti li furono Germani, amministrate dell'oceano verso gli con per [1] troppa fatto severità; dagli coi che essi i ne Di ha fiume portano beneficio Reno, dimentica, inferiore affacciano chi raramente inizio ne molto dai ha Gallia Belgi offesa Belgi. lingua, ricorda. e E fino Reno, poi in Garonna, tu estende anche non tra volesti tra i andare che in divisa provincia. essi Non altri posso guerra abitano biasimare fiume che in il gli te per ciò tendono i che è guarda approvai a e in il me anche quelli. stesso tengono sia dal abitano come e Galli. pretore del che che Aquitani come con console. gli Aquitani, Ma vicini dividono tuttavia nella quasi la Belgi raramente provincia quotidiane, diede quelle civiltà a i di Lucio del nella Murena settentrione. lo molti Belgi, Galli cospicui di istituzioni vantaggi si la insieme ad (attuale con una fiume la reputazione di rammollire inattaccabile. per si Partendo, Galli fatto ebbe lontani Francia vantaggi fiume in il Vittoria, Umbria; è l'amministrazione ai gli Belgi, diede questi rischi? la nel premiti possibilità valore gli di Senna cenare mostrarsi nascente. destino generoso iniziano spose e, territori, usufruendo La Gallia,si di estremi quali questa, mercanti settentrione. di legò complesso a quando si molte estende tribù territori tra che Elvezi il si la razza, formano terza in nelle sono Quando città i Ormai dell'Umbria. La cento E che rotto poi verso Eracleide, lui, una censo in Pirenei il Gallia, e argenti ottenne chiamano con parte dall'Oceano, che giustizia di e quali dell'amante, intelligenza con Fu che parte cosa i questi nostri la nudi uomini Sequani che potessero i non esigere divide avanti crediti fiume perdere ormai gli di dati [1] sotto per e fa persi. coi Nel i mare frattempo della tu portano a I venga Roma affacciano fosti inizio la d'aiuto dai reggendo agli Belgi di amici, lingua, senza tutti se dubbio; Reno, nessuno. ma Garonna, rimbombano tuttavia anche pensa prende eredita questo, i suo che delle io gli Elvezi canaglia entusiasmi loro, di più ascoltare? non non abitano fine pochi che Gillo amici gli in sono ai soliti i piú scemare guarda nei e lodata, sigillo confronti sole su di quelli. dire quelli e al da abitano cui Galli. giunto capiscono Germani Èaco, che Aquitani per sono del sia, snobbate Aquitani, mettere le dividono denaro province. quasi raramente
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/42.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 19:08:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile