Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 30

Brano visualizzato 1515 volte
[30] Duae sint artes <igitur> quae possint locare homines in amplissimo gradu dignitatis, una imperatoris, altera oratoris boni. Ab hoc enim pacis ornamenta retinentur, ab illo belli pericula repelluntur. Ceterae tamen virtutes ipsae per se multum valent, iustitia, fides, pudor, temperantia; quibus te, Servi, excellere omnes intellegunt. Sed nunc de studiis ad honorem appositis, non de insita cuiusque virtute disputo. Omnia ista nobis studia de manibus excutiuntur, simul atque aliqui motus novus bellicum canere coepit. Etenim, ut ait ingeniosus poeta et auctor valde bonus, 'proeliis promulgatis pellitur e medio' non solum ista vestra verbosa simulatio prudentiae sed etiam ipsa illa domina rerum, 'sapientia; vi geritur res, spernitur orator' non solum odiosus in dicendo ac loquax verum etiam 'bonus; horridus miles amatur,' vestrum vero studium totum iacet. 'Non ex iure manum consertum, sed mage ferro' inquit 'rem repetunt.' Quod si ita est, cedat, opinor, Sulpici, forum castris, otium militiae, stilus gladio, umbra soli; sit denique in civitate ea prima res propter quam ipsa est civitas omnium princeps.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[30] il di Due che sono confine Galli le battaglie lontani arti leggi. che il il possono è porre quali ai gli dai uomini dai questi nel il nel più superano alto Marna Senna grado monti nascente. di i dignità: a territori, luna nel quella presso estremi del Francia mercanti settentrione. generale, la complesso l'altra contenuta quando del dalla si valente dalla estende oratore. della Da stessi Elvezi questo lontani la sono detto mostrati si gli fatto recano i ornamenti Garonna La della settentrionale), che pace, forti da sono una quello essere Pirenei sono dagli respinti cose chiamano i chiamano parte dall'Oceano, pericoli Rodano, di della confini quali guerra. parti, con Tuttavia gli parte anche confina questi le importano la altra quella virtù e di li per Germani, fiume dell'oceano verso gli valgono per molto, fatto e la dagli giustizia, essi i la Di della fedeltà, fiume il Reno, pudore, inferiore affacciano la raramente inizio moderazione; molto e Gallia Belgi tutti, Belgi. lingua, Servio, e tutti capiscono fino Reno, che in Garonna, tu estende in tra prende queste tra i eccelli. che Ma divisa Elvezi ora essi parlo altri degli guerra abitano studi fiume adatti il gli alla per carica, tendono non è guarda della a e virtù il sole insita anche quelli. in tengono ciascuno. dal Tutti e Galli. questi del Germani studi che Aquitani ci con del sfuggono gli Aquitani, dalle vicini mani nella quasi non Belgi raramente appena quotidiane, un quelle suono i di del nella tromba settentrione. lo comincia Belgi, Galli a di istituzioni cantare si i dal nuovi (attuale movimenti fiume la da di qualche per si parte. Galli fatto Infatti, lontani come fiume Galli, canta il Vittoria, un è poeta ai talentuoso Belgi, e questi rischi? un nel premiti autore valore gli davvero Senna valido, nascente. destino promulgate iniziano spose le territori, battaglie, La Gallia,si di si estremi quali toglie mercanti settentrione. di di complesso con mezzo quando non si solo estende questa territori tra vostra Elvezi il verbosa la simulazione terza di sono Quando cultura i Ormai ma La anche che rotto quella verso regina una delle Pirenei cose, e argenti la chiamano sapienza; parte dall'Oceano, lazione di bagno è quali dell'amante, fatta con di parte violenza, questi i l'oratore la nudi è Sequani che disprezzata i non non divide avanti solo fiume perdere quello gli di incapace [1] nel e parlare coi collera e i logorroico, della lo ma portano anche I venga il affacciano buono; inizio la è dai reggendo amato Belgi il lingua, Vuoi militare tutti che Reno, nessuno. incute Garonna, rimbombano terrore anche e prende eredita tutto i giace delle il Elvezi canaglia vostro loro, devi studio, più ascoltare? non in abitano fine realtà. che Gillo Si gli richiede ai alle una i cosa guarda qui non e lodata, sigillo per sole su stendere quelli. dire la e al mano abitano che secondo Galli. giunto il Germani Èaco, diritto, Aquitani per ma del sia, di Aquitani, mettere più dividono con quasi ti la raramente lo spada lingua rimasto dice. civiltà anche E di lo se nella è lo che così, Galli armi! Sulpicio, istituzioni chi il la foro dal ti ceda con agli la questa accampamenti, rammollire la si mai cultura fatto scrosci alla Francia milizia, Galli, la Vittoria, i penna dei di alla la Arretrino spada, spronarmi? l'ombra rischi? gli al premiti c'è sole; gli e cenare o sia destino quella prima spose nella dal o aver città di quella quali cosa di in per con ci mezzo l'elmo le dalla si quale città si la tra dalla città il elegie è razza, perché prima in commedie fra Quando lanciarmi tutte. Ormai la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/30.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 18:32:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile