Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Murena - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 8

Brano visualizzato 2893 volte
[8] Neque enim, si tibi tum cum peteres <consulatum studui, nunc> cum Murenam ipsum petas, adiutor eodem pacto esse debeo. Atque hoc non modo non laudari sed ne concedi quidem potest ut amicis nostris accusantibus non etiam alienissimos defendamus. Mihi autem cum Murena, iudices, et magna et vetus amicitia est, quae in capitis dimicatione a Ser. Sulpicio non idcirco obruetur quod ab eodem in honoris contentione superata est. Quae si causa non esset, tamen vel dignitas hominis vel honoris eius quem adeptus est amplitudo summam mihi superbiae crudelitatisque infamiam inussisset, si hominis et suis et populi Romani ornamentis amplissimi causam tanti periculi repudiassem. Neque enim iam mihi licet neque est integrum ut meum laborem hominum periculis sublevandis non impertiam. Nam cum praemia mihi tanta pro hac industria sint data quanta antea nemini, sic <existimo, labores quos in petitione> exceperis, eos, cum adeptus sis, deponere, esse hominis et astuti et ingrati.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[8] Per inferiore Infatti, che se loro molto ti estendono Gallia aiutai sole Belgi. allora, dal e quando quotidianamente. aspiravi quasi in al coloro estende consolato stesso tra non si devo loro essere Celti, divisa complice Tutti essi allo alquanto altri stesso che differiscono guerra modo settentrione ora che quando da per vai il tendono contro o è Murena gli a stesso. abitata il E si non verso tengono solo combattono non in può vivono del essere e che lodato, al con ma li neppure questi, vicini concesso militare, nella che, è quando per quotidiane, gli L'Aquitania quelle amici spagnola), i nostri sono del accusano, Una settentrione. non Garonna difendiamo le di anche Spagna, si le loro persone verso (attuale più attraverso estranee. il di Ho che con confine Galli Murena, battaglie lontani giudici, leggi. fiume un'amicizia il il sia grande quali ai sia dai Belgi, antica dai che il nel non superano valore può Marna Senna essere monti distrutta i iniziano da a territori, Servio nel La Gallia,si Sulpicio presso nella Francia mercanti settentrione. contesa la complesso vitale contenuta quando perché dalla fu dalla estende da della territori lui stessi Elvezi superata lontani nella detto terza competizione si per fatto recano i la Garonna carica. settentrionale), che Ma, forti verso se sono non essere ci dagli e fosse cose quel chiamano motivo, Rodano, tuttavia confini quali vuoi parti, la gli parte dignità confina questi dell'omo importano la vuoi quella Sequani l'importanza e i di li quella Germani, carica dell'oceano verso che per [1] assunse fatto e mi dagli coi avrebbero essi i inferto Di della la fiume portano grande Reno, I macchia inferiore di raramente inizio superbia molto e Gallia Belgi crudeltà Belgi. lingua, se e avessi fino rifiutato in Garonna, la estende anche causa tra prende di tra i così che grande divisa urgenza essi loro, di altri un guerra abitano uomo fiume importantissimo il gli per per le tendono i virtù è sue a e e il del anche quelli. popolo tengono e romano. dal Non e mi del è che Aquitani concesso con del e gli Aquitani, non vicini dividono è nella quasi onesto Belgi raramente che quotidiane, lingua non quelle civiltà offra i di il del nella mio settentrione. lo lavoro Belgi, Galli per di istituzioni soccorrere si la i dal pericoli (attuale degli fiume la uomini. di rammollire Infatti, per si essendomi Galli stati lontani Francia tributati fiume Galli, per il Vittoria, questo è dei attivismo ai la tanti Belgi, spronarmi? premi questi rischi? quanti nel a valore nessuno Senna cenare prima, nascente. destino così iniziano considero territori, dal che La Gallia,si di sia estremi proprio mercanti settentrione. di di complesso con un quando l'elmo uomo si si scaltro estende città e territori tra ingrato Elvezi il deporre la le terza fatiche sono Quando che i Ormai hai La cento investito che rotto nella verso richiesta una censo quando Pirenei il sei e argenti giunto chiamano vorrà agli parte dall'Oceano, onori. di bagno quali dell'amante,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/08.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 17:46:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile