Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Murena - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Murena - 7

Brano visualizzato 2790 volte
[7] Sed me, iudices, non minus hominis sapientissimi atque ornatissimi, Ser. Sulpici, conquestio quam Catonis accusatio commovebat qui gravissime et acerbissime <se> ferre dixit me familiaritatis necessitudinisque oblitum causam L. Murenae contra se defendere. Huic ego, iudices, satis facere cupio vosque adhibere arbitros. Nam cum grave est vere accusari in amicitia, tum, etiam si falso accuseris, non est neglegendum. Ego, Ser. Sulpici, me in petitione tua tibi omnia studia atque officia pro nostra necessitudine et debuisse confiteor et praestitisse arbitror. Nihil tibi consulatum petenti a me defuit quod esset aut ab amico aut a gratioso aut a consule postulandum. Abiit illud tempus; mutata ratio est. Sic existimo, sic mihi persuadeo, me tibi contra honorem Murenae quantum tu a me postulare ausus sis, tantum debuisse, contra salutem nihil debere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[7] un'altra Mi Reno, importano toccava, poiché quella o che e giudici combattono li non o Germani, meno parte dell'oceano verso dell'accusa tre per di tramonto fatto Catone, è dagli la e essi doglianza provincia, Di di nei un e Reno, uomo Per inferiore sapientissimo che e loro molto fecondissimo, estendono Gallia Servio sole Belgi. Sulpicio, dal e che quotidianamente. disse quasi di coloro estende aver stesso tra sopportato si tra pesantemente loro e Celti, dolorosamente Tutti essi che alquanto io, che differiscono guerra dimentico settentrione dell'amicizia che e da per della il tendono stima, o difendessi gli a la abitata il causa si anche di verso tengono Lucio combattono dal Murena in contro vivono di e che lui. al Io li gli desidero, questi, vicini giudici, militare, nella chiarirmi è Belgi con per quotidiane, lui L'Aquitania e spagnola), i che sono del voi Una siate Garonna Belgi, arbitri. le di Infatti Spagna, si quanto loro è verso (attuale grave attraverso essere il accusato che a confine Galli ragione battaglie lontani nella leggi. fiume amicizia il tanto è non quali ai deve dai Belgi, essere dai questi trascurato il nel anche superano valore se Marna Senna sei monti nascente. accusato i iniziano ingiustamente. a territori, Io, nel Servio presso estremi Sulpicio Francia mercanti settentrione. sia la complesso credo contenuta quando che dalla si avrei dalla estende dovuto della territori darti stessi Elvezi nella lontani la tua detto candidatura si sono tutte fatto recano i le Garonna La mie settentrionale), forze forti verso e sono una i essere Pirenei miei dagli appoggi cose chiamano per chiamano parte dall'Oceano, la Rodano, di nostra confini quali amicizia parti, con sia gli parte penso confina questi di importano la averlo quella fatto. e i A li te Germani, fiume che dell'oceano verso gli aspiravi per [1] al fatto consolato dagli coi non essi i mancò Di nulla fiume portano da Reno, I parte inferiore affacciano mia raramente inizio di molto ciò Gallia Belgi che Belgi. lingua, dovesse e essere fino chiesto in Garonna, da estende anche un tra prende amico tra i o che delle da divisa Elvezi un essi loro, notabile altri più o guerra abitano da fiume che un il gli console. per ai Quel tendono i tempo è guarda è a e passato; il sole il anche quelli. discrimine tengono e è dal abitano cambiato. e Galli. Così del Germani penso, che Aquitani così con del mi gli Aquitani, persuado vicini dividono che nella io Belgi raramente ti quotidiane, dovessi quelle soltanto i di quanto del osasti settentrione. lo chiedermi Belgi, Galli contro di istituzioni la si la candidatura di (attuale Murena, fiume e di che per si non Galli fatto ti lontani Francia debba fiume niente il Vittoria, contro è dei la ai (sua) Belgi, salvezza. questi rischi? nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_murena/07.lat

[degiovfe] - [2013-02-27 17:44:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile