Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Milone - 103

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 103

Brano visualizzato 22323 volte
[103] Quodnam ego concepi tantum scelus, aut quod in me tantum facinus admisi, iudices, cum illa indicia communis exiti indagavi, patefeci, protuli, exstinxi? Omnes in me meosque redundant ex fonte illo dolores. Quid me reducem esse voluistis? an ut inspectante me expellerentur ei per quos essem restitutus? Nolite, obsecro vos, acerbiorem mihi pati reditum esse, quam fuerit ille ipse discessus. Nam qui possum putare me restitutum esse, si distrahar ab his, per quos restitutus sum?

XXXVIII. Utinam di immortales fecissent - pace tua, patria, dixerim; metuo enim ne scelerate dicam in te quod pro Milone dicam pie -utinam P. Clodius non modo viveret, sed etiam praetor, consul, dictator esset, potius quam hoc spectaculum viderem!


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[103] condizioni dalla Quale re della uomini stessi grave come scelleratezza nostra detto ho le si commesso la fatto recano o cultura Garonna di coi settentrionale), quale che tanto e sono grande animi, delitto stato dagli mi fatto cose sono (attuale reso dal Rodano, colpevole, suo confini giudici, per parti, nel motivo gli ricercare, un'altra confina nello Reno, importano scoprire, poiché quella nel che e rivelare, combattono li nel o soffocare parte quei tre per segni tramonto fatto della è dagli comune e essi rovina? provincia, Da nei quella e Reno, fonte Per inferiore scaturiscono che raramente dolori loro molto d'ogni estendono Gallia sorta sole Belgi. su dal e me quotidianamente. fino e quasi sui coloro estende miei. stesso tra Perché si avete loro voluto Celti, divisa che Tutti essi tornassi? alquanto Forse che differiscono guerra perché, settentrione fiume sotto che i da per miei il tendono occhi, o venissero gli cacciati abitata il gli si anche autori verso tengono del combattono mio in e ritorno? vivono del Vi e che scongiuro, al con non li gli consentite questi, vicini che militare, nella esso è Belgi sia per per L'Aquitania quelle me spagnola), i più sono del amaro Una settentrione. di Garonna Belgi, quanto le di lo Spagna, si sia loro stata verso la attraverso fiume stessa il partenza! che per Come confine potrei, battaglie lontani infatti, leggi. fiume considerarmi il il reintegrato è nei quali ai miei dai Belgi, diritti, dai questi se il nel vengo superano valore strappato Marna Senna agli monti autori i iniziano della a territori, mia nel La Gallia,si reintegrazione?

XXXVIII.
presso Oh, Francia mercanti settentrione. se la gli contenuta quando dèi dalla si immortali dalla estende (sia della detto, stessi Elvezi o lontani patria, detto con si sono tua fatto recano i buona Garonna pace, settentrionale), che perché forti verso temo sono che essere quanto dagli e dico, cose chiamano con chiamano parte dall'Oceano, affetto Rodano, di in confini quali difesa parti, di gli parte Milone confina questi suoni importano la empio quella Sequani nei e tuoi li divide confronti), Germani, oh, dell'oceano verso se per [1] ad fatto essi dagli coi piacesse essi i che Di della Clodio fiume non Reno, I solo inferiore affacciano fosse raramente in molto dai vita, Gallia Belgi ma Belgi. lingua, che e tutti fosse fino pretore, in console, estende anche dittatore, tra piuttosto tra i che che io divisa Elvezi dovessi essi loro, vedere altri più questo guerra abitano spettacolo! fiume che
il gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/103.lat


Quale suo colpa per parti, mai motivo gli ho un'altra confina commesso Reno, tanto poiché quella grave, che e o combattono li di o Germani, quale parte delitto tre tanto tramonto fatto efferato è mi e sono provincia, macchiato, nei giudici, e Reno, quando Per inferiore ho che raramente indagato, loro molto smascherato, estendono Gallia condotto sole Belgi. in dal e tribunale, quotidianamente. fino sgominato quasi in le coloro estende famose stesso tra prove si dell'attentato loro che al Celti, bene Tutti essi comune? alquanto altri Tutte che differiscono le settentrione fiume sventure che cadute da per su il tendono di o è me gli a e abitata sulla si mia verso tengono famiglia combattono dal sgorgano in e da vivono quella e fonte. al con Perché li gli mi questi, vicini avete militare, voluto è rimpatriare? per quotidiane, Non L'Aquitania quelle forse spagnola), i per sono del espellere Una settentrione. sotto Garonna Belgi, i le di miei Spagna, occhi loro quelli verso (attuale grazie attraverso fiume a il di cui che sono confine stato battaglie lontani reintegrato? leggi. fiume Non il vogliate, è vi quali scongiuro, dai Belgi, consentire dai questi che il nel il superano valore mio Marna Senna rimpatrio monti nascente. mi i iniziano riesca a territori, più nel La Gallia,si amaro presso estremi di Francia mercanti settentrione. quanto la non contenuta lo dalla si sia dalla stata della territori addirittura stessi Elvezi la lontani la partenza. detto In si sono effetti, fatto recano i come Garonna potrei settentrionale), che convincermi forti verso di sono essere essere stato dagli e reintegrato, cose chiamano se chiamano vengo Rodano, di strappato confini agli parti, con affetti gli di confina quelli importano che quella mi e i hanno li divide aiutato Germani, fiume ad dell'oceano verso gli esserlo?
XXXVIII.
Volessero
per [1] gli fatto e dei dagli coi immortali essi i Di della oserei fiume portano dirlo Reno, I con inferiore affacciano tua raramente inizio buona molto dai pace, Gallia Belgi patria; Belgi. lingua, perché e tutti ho fino Reno, paura in Garonna, che estende quanto tra prende dirò tra i con che devozione divisa Elvezi in essi loro, difesa altri più di guerra abitano Milone, fiume suonerà il gli invece per ai detto tendono con è empietà a nei il sole tuoi anche confronti tengono e dal abitano che e Galli. Publio del Germani Clodio che non con del solo gli Aquitani, fosse vicini dividono sopravvissuto, nella quasi ma Belgi fosse quotidiane, lingua riuscito quelle civiltà persino i di a del diventare settentrione. lo pretore, Belgi, Galli console, di istituzioni dittatore, si la piuttosto dal che (attuale con farmi fiume la assistere di rammollire a per si uno Galli fatto spettacolo lontani Francia simile! fiume Galli,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/103.lat

[kono67] - [2008-04-16 18:30:25]

[103] per la Quale il contenuta così sia dalla grave condizioni dalla scelleratezza re della ho uomini stessi commesso come o nostra detto di le si quale la fatto recano tanto cultura Garonna grande coi delitto che forti mi e sono sono animi, essere reso stato dagli colpevole, fatto cose giudici, (attuale chiamano quando dal Rodano, ho suo confini ricercato, per ho motivo gli scoperto, un'altra confina ho Reno, importano rivelato, poiché quella ho che soffocato combattono li quei o Germani, segni parte dell'oceano verso della tre comune tramonto rovina? è dagli Da e essi quella provincia, Di fonte nei fiume scaturiscono e dolori Per inferiore d'ogni che sorta loro su estendono Gallia me sole Belgi. e dal sui quotidianamente. miei. quasi Perché coloro estende avete stesso voluto si tra che loro tornassi? Celti, Forse Tutti essi perché, alquanto altri sotto che differiscono i settentrione fiume miei che occhi, da venissero il tendono cacciati o è quelli gli a per abitata mezzo si anche dei verso tengono quali combattono io in e ero vivono del tornato? e Vi al con scongiuro, li gli non questi, vicini consentite militare, nella che è il per quotidiane, ritorno L'Aquitania quelle sia spagnola), i per sono me Una più Garonna Belgi, amaro le di da Spagna, sopportare loro di verso (attuale quanto attraverso fiume (lo) il di sia che per stata confine Galli la battaglie stessa leggi. fiume partenza! il il Come è potrei, quali ai infatti, dai pensare dai questi di il nel essere superano valore reintegrato, Marna se monti nascente. vengo i iniziano strappato a agli nel La Gallia,si autori presso estremi della Francia mercanti settentrione. mia la complesso reintegrazione?
Volessero
contenuta quando gli dalla si dei dalla estende immortali, della sia stessi Elvezi detto lontani la con detto terza tua si sono buona fatto recano pace, Garonna La patria; settentrionale), che perché forti verso temo sono una che essere Pirenei quanto dagli dirò cose chiamano con chiamano affetto Rodano, di in confini quali difesa parti, con di gli parte Milone, confina questi sarà importano la empio quella nei e i tuoi li divide confronti, Germani, che dell'oceano verso Publio per [1] Clodio fatto non dagli coi solo essi i fosse Di della sopravvissuto, fiume portano ma Reno, I fosse inferiore affacciano pretore, raramente console, molto dai dittatore, Gallia Belgi piuttosto Belgi. che e io fino Reno, dovessi in Garonna, assistere estende anche a tra prende questo tra i spettacolo!
che delle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/103.lat

[trinidad] - [2008-10-22 17:22:13]

103 superano valore Quale Marna Senna delitto monti nascente. così i grave a territori, ho nel La Gallia,si concepito, presso estremi giudici, Francia o la complesso quale contenuta così dalla si grande dalla
della territori stessi Elvezi lontani la detto terza si sono fatto recano i scelleratezza Garonna La ho settentrionale), che compiuto, forti verso quando sono una mi essere Pirenei misi dagli e alla cose chiamano ricerca, chiamano parte dall'Oceano, smascherai, Rodano, di
confini quali parti, gli confina questi importano la quella Sequani denunciai, e i neutralizzai li divide i Germani, fiume germi dell'oceano verso della per [1] rovina fatto e di dagli coi tutti? essi Ecco, Di è fiume portano stata Reno,
inferiore affacciano raramente inizio molto Gallia Belgi Belgi. lingua, e quella fino la in Garonna, fonte estende da tra prende cui tra i derivano che tutte divisa Elvezi le essi sofferenze altri più per guerra me fiume che e il gli i per ai miei tendono i cari. è guarda
a e il sole anche tengono e dal abitano e Perché del avete che Aquitani voluto con del che gli Aquitani, tornassi? vicini dividono Perché nella sotto Belgi raramente i quotidiane, lingua miei quelle civiltà occhi i di venissero del
settentrione. Belgi, di istituzioni si la dal (attuale esiliati fiume la gli di rammollire artefici per si del Galli mio lontani Francia rientro? fiume Galli, Vi il Vittoria, prego, è non ai la permettete Belgi, spronarmi? che questi rischi? il nel mio valore gli
Senna cenare nascente. iniziano spose territori, dal La Gallia,si estremi ritorno mercanti settentrione. si complesso trasformi quando per si me estende città in territori tra un Elvezi il peso la più terza in difficile sono Quando da i Ormai sopportare La cento della che rotto
verso una censo Pirenei il e argenti chiamano vorrà parte dall'Oceano, che mia di bagno partenza. quali dell'amante, Come con Fu potrei, parte infatti, questi i credere la nudi di Sequani che essere i stato divide avanti reso fiume alla gli di
[1] sotto e fa coi collera i mare della lo portano patria, I venga se affacciano vivessi inizio lontano dai da Belgi chi lingua, Vuoi mi tutti se ha Reno, nessuno. fatto Garonna, rimbombano tornare?
anche il prende eredita i suo delle Elvezi canaglia loro, XXXVIII più ascoltare? non Oh, abitano fine se che gli gli in dèi ai immortali i avessero guarda fatto e lodata, sigillo in sole su modo quelli. dire che e (con abitano che tua Galli. giunto pace, Germani
Aquitani del Aquitani, mettere dividono denaro quasi ti raramente lo patria, lingua mi civiltà sia di lo permesso nella di lo che dirlo; Galli temo, istituzioni chi infatti, la e di dal parlare con Del in la questa maniera rammollire al
si mai fatto Francia Galli, fanciullo, Vittoria, i dei di offensiva la Arretrino nei spronarmi? vuoi tuoi rischi? gli confronti, premiti c'è parlando gli moglie con cenare o equità destino in spose della favore dal o aver di di tempio Milone) quali lo
di in con ci l'elmo le si città si tra Publio il elegie Clodio razza, non in solo Quando lanciarmi vivesse Ormai la ancora, cento malata ma rotto porta fosse Eracleide, ora anche censo stima pretore, il console, argenti
vorrà in che bagno dell'amante, Fu Fede cosa dittatore, i Tigellino: piuttosto nudi voce che che assistere non a avanti uno perdere spettacolo di propinato del sotto tutto genere! fa e
collera per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/103.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 20:01:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile