Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Milone - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Milone - 30

Brano visualizzato 10865 volte
XI. [30] Haec, sicuti exposui, ita gesta sunt, iudices. Insidiator superatus est, vi victa vis, vel potius oppressa virtute audacia est. Nihil dico quid res publica consecuta sit, nihil quid vos, nihil quid omnes boni : nihil sane id prosit Miloni, qui hoc fato natus est, ut ne se quidem servare potuerit, quin una rem publicam vosque servaret. Si id iure fieri non potuit, nihil habeo quod defendam. Sin hoc et ratio doctis, et necessitas barbaris, et mos gentibus, et feris etiam beluis natura ipsa praescripsit, - ut omnem semper vim, quacumque ope possent, a corpore, a capite, a vita sua propulsarent, - non potestis hoc facinus improbum iudicare, quin simul iudicetis omnibus, qui in latrones inciderint, aut illorum telis aut vestris sententiis esse pereundum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XI. (attuale chiamano [30] dal Tutto, suo confini giudici, per è motivo gli andato un'altra confina secondo Reno, il poiché quella mio che e racconto: combattono l'assalitore o Germani, è parte dell'oceano verso stato tre per sconfitto, tramonto fatto la è dagli violenza e essi è provincia, Di stata nei fiume vinta e Reno, dalla Per violenza, che raramente o loro molto meglio, estendono Gallia l'audacia sole Belgi. è dal e stata quotidianamente. sconfitta quasi in dal coloro estende valore. stesso Tralascio si i loro vantaggi Celti, per Tutti essi lo alquanto altri stato, che differiscono guerra tralascio settentrione fiume quelli che il per da voi, il tralascio o è quelli gli per abitata il tutti si gli verso ottimati: combattono ammettiamo in e pure vivono del che e ciò al con non li rechi questi, vicini alcun militare, nella vantaggio è Belgi a per quotidiane, Milone, L'Aquitania quelle nato spagnola), col sono destino Una di Garonna Belgi, non le di poter Spagna, si salvare loro neppure verso se attraverso fiume stesso il senza che per poter confine salvare battaglie ad leggi. fiume un il il tempo voi quali ai e dai Belgi, lo dai stato. il nel Se superano il Marna Senna suo monti nascente. modo i iniziano d'agire a territori, ha nel La Gallia,si costituito presso estremi una Francia mercanti settentrione. violazione la complesso della contenuta quando legge, dalla si non dalla estende ho della territori motivi stessi Elvezi per lontani la difenderlo; detto se si sono però fatto recano è Garonna La vero settentrionale), che forti la sono una ragione essere agli dagli e uomini cose chiamano acculturati, chiamano la Rodano, necessità confini quali ai parti, barbari, gli la confina questi consuetudine importano la ai quella Sequani popoli e civili, li divide l'istinto Germani, fiume naturale dell'oceano verso gli alle per [1] bestie fatto hanno dagli prescritto essi di Di della respingere fiume portano sempre Reno, I e inferiore affacciano con raramente qualsiasi molto mezzo Gallia Belgi la Belgi. lingua, violenza e dai fino Reno, loro in Garonna, corpi, estende dalla tra prende loro tra i testa, che delle dalla divisa loro essi loro, vita, altri non guerra abitano potete fiume che giudicare il gli criminale per questa tendono i sua è guarda azione a senza il sole emettere anche quelli. al tengono e tempo dal stesso e Galli. il del Germani verdetto che che con del quanti gli Aquitani, s'imbattono vicini dividono nei nella banditi Belgi debbono quotidiane, morire quelle civiltà o i di per del nella le settentrione. loro Belgi, Galli armi di o si la per dal le (attuale con vostre fiume la sentenze.
di rammollire
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/030.lat


Le parte cose tre si tramonto sono è dagli svolte e essi così provincia, Di come nei vi e Reno, ho Per esposto, che raramente giudici; loro molto l'aggressore estendono è sole Belgi. stato dal sconfitto, quotidianamente. la quasi in violenza coloro estende è stesso tra stata si tra respinta loro che con Celti, divisa la Tutti essi violenza, alquanto altri o che differiscono guerra meglio, settentrione fiume la che temerarietà da è il tendono stata o è respinta gli a dalla abitata il virtù. si anche Non verso tengono voglio combattono parlare in e dei vivono del benefici e che che al con ne li gli sono questi, vicini derivati militare, alla è repubblica, per quotidiane, L'Aquitania dei spagnola), vostri, sono del Una settentrione. di Garonna quelli le di di Spagna, si tutti loro gli verso (attuale ottimati; attraverso fiume e il ammettiamo che per pure confine che battaglie nessun leggi. fiume vantaggio il ne tragga quali ai Milone, dai Belgi, il dai questi quale il nel nacque superano valore con Marna Senna questo monti destino: i iniziano che a non nel La Gallia,si avrebbe presso estremi potuto Francia mercanti settentrione. neanche la complesso salvare contenuta quando se dalla si stesso dalla estende senza della territori salvare stessi al lontani la contempo detto terza la si sono patria fatto recano i e Garonna La tutti settentrionale), che voi. forti verso Se sono una secondo essere Pirenei voi dagli il cose chiamano suo chiamano operato Rodano, non confini può parti, con essere gli stato confina questi legittimo, importano non quella Sequani ho e i alcuna li divide possibilità Germani, fiume di dell'oceano verso difenderlo; per [1] se fatto e invece dagli la essi i ragione Di ha fiume prescritto Reno, agli inferiore affacciano uomini raramente civili, molto e Gallia Belgi così Belgi. lingua, l'istinto e ai fino Reno, barbari, in la estende anche morale tra prende ai tra i popoli, che delle la divisa natura essi loro, alle altri bestie, guerra abitano di fiume che respingere il gli sempre per ai dal tendono i proprio è guarda corpo, a e dalla il sole propria anche quelli. testa, tengono dalla dal abitano propria e Galli. vita, del Germani con che Aquitani qualsiasi con del mezzo gli disponibile, vicini ogni nella quasi forma Belgi raramente di quotidiane, lingua violenza, quelle civiltà allora i di non del nella potete settentrione. lo giudicare Belgi, Galli delittuosa di questa si azione senza (attuale che fiume la stabiliate di rammollire al per tempo Galli stesso lontani Francia che fiume Galli, tutti il Vittoria, quelli è dei che ai la siano Belgi, spronarmi? incappati questi in nel premiti predoni valore gli debbano Senna cenare cadere nascente. destino vittime iniziano spose o territori, dal delle La Gallia,si loro estremi armi mercanti settentrione. di o complesso con delle quando l'elmo vostre si sentenze. estende città
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/030.lat

[kono67] - [2008-03-28 22:00:08]

XI Marna Senna 30 monti Le i iniziano cose a sono nel andate presso estremi così Francia come la complesso le contenuta quando ho dalla raccontate, dalla estende giudici: della territori chi stessi ha lontani la teso detto
si fatto recano i Garonna La settentrionale), che forti verso sono insidie essere Pirenei fu dagli sconfitto, cose chiamano la chiamano parte dall'Oceano, violenza Rodano, di fu confini quali vinta parti, con dalla gli parte violenza, confina questi o importano meglio quella Sequani un e i
li divide Germani, fiume dell'oceano verso gli per [1] fatto dagli coi atto essi i oltraggioso Di della fu fiume portano schiacciato Reno, I da inferiore affacciano uno raramente inizio di molto dai valore. Gallia Non Belgi. lingua, dico e tutti nulla fino Reno, sui in Garonna,
estende anche tra prende tra che delle divisa Elvezi essi vantaggi altri che guerra ne fiume ricavò il gli la per repubblica, tendono nulla è guarda sui a e vostri il sole e anche quelli. su tengono e quelli dal abitano degli e
del che Aquitani con del gli Aquitani, vicini dividono nella quasi onesti Belgi raramente cittadini. quotidiane, lingua A quelle civiltà Milone i di non del ha settentrione. lo giovato; Belgi, Galli egli di istituzioni nacque si la con questo (attuale destino: fiume la
di rammollire per Galli fatto lontani Francia fiume Galli, il Vittoria, non è dei poter ai la salvare Belgi, spronarmi? la questi sua nel premiti vita valore gli senza Senna salvare nascente. destino al iniziano spose tempo territori, stesso La Gallia,si voi estremi quali e mercanti settentrione. la complesso con
quando l'elmo si estende città territori Elvezi il la razza, repubblica. terza in Se sono ciò i non La cento poté che rotto accadere verso Eracleide, secondo una la Pirenei il legge, e argenti è chiamano vorrà inutile parte dall'Oceano, che che di bagno io quali lo con Fu
parte cosa questi la nudi Sequani che i non divide avanti difenda. fiume Se gli di invece [1] sotto la e ragione coi agli i mare uomini della lo colti, portano (scorrazzava la I venga necessità affacciano selvaggina ai inizio la barbari, dai reggendo
Belgi lingua, Vuoi tutti se Reno, nessuno. Garonna, rimbombano anche il la prende eredita consuetudine i suo agli delle io uomini Elvezi canaglia civili, loro, devi l'istinto più agli abitano fine animali, che prescrissero gli in
ai alle i guarda qui e sole su quelli. di e al respingere abitano che con Galli. qualunque Germani mezzo Aquitani per la del sia, violenza Aquitani, mettere dal dividono loro quasi corpo, raramente lo dalla lingua loro civiltà anche
di nella con lo che Galli armi! istituzioni chi la e testa, dal ti dalla con loro la vita, rammollire al non si mai potete fatto giudicare Francia Pace, criminoso Galli, fanciullo, il Vittoria, fatto dei di in la
spronarmi? vuoi rischi? premiti c'è gli moglie cenare o destino quella questione, spose della senza dal o aver al di tempio tempo quali lo stesso di in decretare con morte l'elmo certa, si o città si di tra mano il elegie
razza, perché in commedie Quando Ormai la cento malata rotto porta dell'aggressore Eracleide, o censo stima con il piú verdetto argenti vostro, vorrà per che giorni tutti bagno quelli dell'amante, che Fu si cosa siano i
nudi voce che non voglia, avanti una perdere moglie. di propinato imbattuti sotto in fa e un collera per malintenzionato. mare dico? lo margini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_milone/030.lat

[degiovfe] - [2012-06-17 17:24:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile