Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Marcello - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Marcello - 25

Brano visualizzato 14621 volte
[25] Itaque illam tuam praeclarissimam et sapientissimam vocem invitus audivi: "Satis diu vel naturae vixi vel gloriae.'' Satis, si ita vis, fortasse naturae, addo etiam, si placet, gloriae: at, quod maximum est, patriae certe parum. Qua re omitte istam, quaeso, doctorum hominum in contemnenda morte prodentiam: noli nostro periculo esse sapiens. Saepe enim venit ad auris meas te idem istud nimis crebro dicere, tibi satis te vixisse. Credo: sed tum id audirem, si tibi soli viveres, aut si tibi etiam soli natus esses. Omnium salutem civium cunctamque rem publicam res tuae gestae complexae sunt: tantum abes a perfectione maximorum operum, ut fundamenta nondum quae cogitas ieceris. Hic tu modum vitae tuae non salute rei publicae, sed aequitate animi definies? Quid, si istud ne gloriae tuae quidem satis est? cuius te esse avidissimum, quamvis sis sapiens, non negabis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[25] verso (attuale Di attraverso fiume conseguenza il di ho che per ascoltato confine Galli malvolentieri battaglie lontani quella leggi. fiume tua il il affermazione è piena quali ai di dai dignitosa dai questi saggezza: il "Ho superano valore vissuto Marna abbastanza monti nascente. sia i iniziano rispetto a territori, ai nel miei presso estremi anni Francia mercanti settentrione. sia la complesso rispetto contenuta quando alla dalla si mia dalla gloria". della territori Se stessi Elvezi proprio lontani la lo detto terza vuoi, si hai fatto recano i vissuto Garonna abbastanza settentrionale), che forse forti rispetto sono una agli essere Pirenei anni, dagli e aggiungiamo cose chiamano pure chiamano parte dall'Oceano, rispetto Rodano, di alla confini quali gloria, parti, con se gli parte lo confina questi desideri: importano la ma quella Sequani di e certo li troppo Germani, poco dell'oceano verso gli rispetto per alla fatto e patria, dagli coi che essi i è Di della ciò fiume che Reno, I più inferiore importa. raramente inizio Per molto dai questo Gallia Belgi motivo Belgi. lingua, lascia e tutti da fino Reno, parte in Garonna, - estende anche ti tra prende prego tra i - che questa divisa Elvezi saggezza essi da altri più filosofo guerra nel fiume disprezzare il gli la per ai morte: tendono i non è guarda essere a un il sole sapiente anche quelli. a tengono e nostre dal spese! e Galli. Spesso del Germani infatti che Aquitani è con del arrivato gli Aquitani, alle vicini mie nella quasi orecchie Belgi raramente che quotidiane, lingua tu quelle civiltà vai i di ripetendo del nella troppo settentrione. lo di Belgi, Galli frequente di istituzioni questa si la medesima frase: (attuale con che fiume la hai di rammollire vissuto per si abbastanza Galli fatto per lontani Francia te. fiume Credo il che è dei tu ai lo Belgi, pensi questi rischi? davvero: nel ma valore gli io Senna ti nascente. destino darei iniziano spose retta territori, dal soltanto La Gallia,si se estremi tu mercanti settentrione. di vivessi complesso con per quando l'elmo te si si solo estende o territori tra se Elvezi tu la fossi terza in nato sono Quando ancora i per La cento te che solo. verso Eracleide, Invece una censo le Pirenei tue e argenti imprese chiamano ti parte dall'Oceano, che hanno di bagno legato quali dell'amante, alla con Fu salvezza parte cosa di questi tutti la nudi i Sequani cittadini i non e divide all'intera fiume repubblica; gli di e [1] sotto sei e fa tanto coi lontano i dal della lo completamento portano (scorrazzava delle I venga tue affacciano selvaggina opere inizio più dai importanti Belgi che lingua, Vuoi non tutti hai Reno, ancora Garonna, rimbombano gettato anche le prende eredita fondamenta i che delle io hai Elvezi canaglia in loro, animo più di abitano fine gettare. che Gillo A gli questo ai alle punto i tu guarda qui vuoi e lodata, sigillo limitare sole su la quelli. durata e della abitano che tua Galli. vita, Germani tenendo Aquitani per conto del non Aquitani, mettere della dividono denaro salvezza quasi della raramente lo repubblica lingua rimasto ma civiltà anche della di lo serenità nella con del lo tuo Galli animo? istituzioni chi E la e se dal io con dicessi la che rammollire al tutto si mai ciò fatto non Francia è Galli, fanciullo, sufficiente Vittoria, neppure dei di per la la spronarmi? gloria? rischi? gli Non premiti c'è negherai gli moglie che, cenare o nonostante destino la spose della tua dal o aver saggezza, di questa quali lo è di una con ci cosa l'elmo le cui si aspiri città moltissimo. tra dalla
il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_marcello/25.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile