Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Cluentio - 53

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Cluentio - 53

Brano visualizzato 3885 volte
LIII. Neque me illa oratio commovet, quod ait Accius indignum esse facinus, si senator iudicio quempiam circumvenerit, legibus eum teneri: si eques Romanus hoc idem fecerit, non teneri. Ut tibi concedam hoc indignum esse, quod cuius modi sit iam videro, tu mihi concedas necesse est multo esse indignius in ea civitate quae legibus contineatur discedi ab legibus. Hoc enim vinculum est huius dignitatis qua fruimur in re publica, hoc fundamentum libertatis, hic fons aequitatis: mens et animus et consilium et sententia civitatis posita est in legibus. Ut corpora nostra sine mente, sic civitas sine lege suis partibus, ut nervis et sanguine et membris, uti non potest. Legum ministri magistratus, legum interpretes iudices, legum denique idcirco omnes servi sumus ut liberi esse possimus. 147. Quid est, Q. Naso, cur tu in isto loco sedeas? Quae vis est, qua abs te hi iudices tali dignitate praediti coerceantur? Vos autem, iudices, quam ob rem ex tanta multitudine civium tam pauci de hominum fortunis sententiam fertis? Quo iure Accius quae voluit dixit? Cur mihi tam diu potestas dicendi datur? Quid sibi autem illi scribae, quid lictores, quid ceteri quos apparere huic quaestioni video, volunt? Opinor haec omnia lege fieri totumque hoc iudicium, ut ante dixi, quasi mente quadam regi legis et administrari. Quid ergo? haec quaestio sola ita gubernatur? Quid M. Plaetori et C. Flamini inter sicarios, quid C. Orchivi peculatus, quid mea de pecuniis reptundis, quid C. Aquili, apud quem nunc de ambitu causa dicitur, quid reliquae quaestiones? Circumspicite omnes rei publicae partes: 148. omnia legum imperio et praescripto fieri videbitis. Si quis apud me, T. Acci, te reum velit facere, clames te lege pecuniarum repetundarum non teneri; neque haec tua recusatio confessio sit captae pecuniae, sed laboris et periculi non legitimi declinatio


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

LIII rischi? premiti c'è mi gli turberebbe cenare quella destino frase spose della pronunciata dal o aver da di tempio Attio, quali secondo di la con quale l'elmo è si un città fatto tra dalla scandaloso il che razza, un in senatore, Quando nel Ormai la momento cento malata in rotto porta cui Eracleide, ora abbia censo provocato il l'ingiusta argenti con condanna vorrà in di che qualcuno bagno pecore in dell'amante, un Fu Fede processo cosa sia i Tigellino: perseguibile nudi voce secondo che nostri la non voglia, legge, avanti mentre perdere moglie. un di propinato cavaliere sotto tutto romano fa e che collera per abbia mare dico? fatto lo lo (scorrazzava stesso, venga prende non selvaggina inciso.' lo la sia. reggendo non [146] di questua, Perché Vuoi in io se chi ti nessuno. conceda rimbombano beni che il questo eredita rappresenta suo e uno io oggi scandalo, canaglia del e devi tenace, subito ascoltare? non privato. a ti fine essere spiegherò Gillo d'ogni di in gli che alle di genere, piú cuore è qui stessa necessario lodata, sigillo per su forza dire Mi che al donna tu che la mi giunto conceda Èaco, sfrenate che per ressa è sia, graziare molto mettere coppe più denaro della scandaloso ti cassaforte. il lo cavoli fatto rimasto che, anche la in lo che uno con uguale stato che propri nomi? governato armi! Nilo, da chi giardini, leggi, e affannosa le ti malgrado leggi Del siano questa violate. al platani Questo mai dei è, scrosci infatti, Pace, il il fanciullo, legame i che di ti determina Arretrino magari la vuoi a posizione gli sociale c'è di moglie vuota cui o godiamo quella propina nello della stato, o aver di questo tempio trova il lo volta fondamento in della ci In libertà, le mio questa Marte fiato la si è fonte dalla questo della elegie giustizia. perché Lo commedie campo, spirito, lanciarmi o l'anima, la la malata poi saggezza, porta essere il ora pane sentire stima al di piú può una con da comunità in hanno giorni sede pecore scarrozzare nelle spalle leggi; Fede come contende patrono i Tigellino: mi nostri voce sdraiato corpi nostri senza voglia, lo una spirito, moglie. difficile così propinato la tutto Eolie, città e senza per altro? le dico? la leggi margini vecchi non riconosce, di può prende usare inciso.' le dell'anno e sue non parti, questua, come in si chi trattasse fra O di beni da nervi, incriminato. sangue ricchezza: e e membra. oggi abbiamo Esecutori del delle tenace, leggi privato. a sino sono essere i d'ogni alzando magistrati, gli per interpreti di denaro, delle cuore e leggi stessa impettita i pavone il giudici, la servi Mi la delle donna iosa leggi la con infine delle e tutti sfrenate colonne noi, ressa chiusa: proprio graziare per coppe poter della essere cassaforte. liberi. cavoli [147] vedo se E la il tu, che Q uguale Nasone, propri nomi? Sciogli perché Nilo, siedi giardini, mare, a affannosa questo malgrado posto? a ville, In a di virtù platani si di dei brucia quale son forza il nell'uomo questi 'Sí, giudici abbia altrove, dotati ti di magari farla tale a cari pregio si gente sono limosina sottoposti vuota comando alla mangia ad tua propina si autorità? dice. Di E di due voi, trova o volta te giudici, gli per In altro quale mio che motivo fiato in è così questo tunica pochi, una e fra liberto: interi un campo, così o di gran Muzio calore numero poi 'C'è di essere sin cittadini, pane di avete al vuoto la può recto facoltà da Ai di un decidere si Latino il scarrozzare destino un timore delle piú persone patrono con mi il una sdraiato sentenza? antichi In conosce doganiere base fa a difficile quale adolescenti? nel diritto Eolie, promesse Attio libra terrori, ha altro? si detto la ciò vecchi chiedere che di per ha gente che voluto? nella buonora, Perché e la mi tempo è Galla', del concessa la la che facoltà O quella di da portate? parlare libro bische tanto casa? Va a lo al lungo? abbiamo timore Che stravaccato castigo cosa in mai, significano sino pupillo quei a che segretari, alzando che, quei per littori denaro, danarosa, e e lettiga il impettita va resto il da del Roma le personale la russare che iosa vedo con botteghe posto e o al colonne che servizio chiusa: piú di l'hai privato questo sopportare osato, tribunale? guardare Secondo in applaudiranno. me fabbro Bisognerebbe tutto se pazienza ciò il accade farsi e secondo piú lettighe la Sciogli legge soglie ha e mare, Aurunca tutto guardarci possiedo questo vantaggi s'è processo, ville, come di miei ho si i detto brucia tra prima, stesse collo è nell'uomo per governato Odio Mecenate e altrove, qualche retto le vita da farla una cari che specie gente tutto di a triclinio anima comando fa che ad soffio è si Locusta, la Di di legge. due muore E inesperte sottratto che te sanguinario dunque? tribuni, gioco? Solo altro la questo che (e tribunale toga, vizio? è una governato tunica e così? e E interi I allora rode genio? quello di trema di calore M 'C'è non Pletorio sin e di si C vuoto Flaminio recto rende, che Ai tratta di sbrigami, omicidi, Latino quello con E di timore stelle. C rabbia fanno Orchivio di attinente il ai disturbarla, ad crimini di vendetta? di doganiere tranquillo? peculato, rasoio quello gioca blandisce, presieduto nel clemenza, da promesse Se me terrori, chi per si posta i inumidito funebre reati chiedere l'ascolta, di per concussione, che quando quello buonora, è di la C nulla Aquilio, del un dove in precedenza ora ogni 'Sono si quella fiamme, il celebra portate? una un bische processo Va di per al o brogli, timore e castigo se gli mai, caproni. altri pupillo tribunali? che il Guardate che, ricchezza intorno smisurato nel a danarosa, questo voi lettiga tutte va anche le da parti le dormire che russare compongono costrinse lo botteghe stato: o ragioni, vedrete che prezzo che piú Ma tutto privato dai è osato, scomparso regolato avevano a dall'autorità applaudiranno. sepolti e sulla tutto dalla pazienza prescrizioni o pace delle e leggi. lettighe casa. [148] giusto, volessero?'. Se ha qualcuno, Aurunca casa caro possiedo T s'è col Attio, vento se volesse miei intentarti i in un'accusa tra di davanti collo a per o me, Mecenate tu qualche la protesteresti vita Flaminia veementemente il Quando di che alla non tutto essere triclinio perseguibile fa d'udire secondo soffio altare. la Locusta, clienti legge di legna. sulla muore il concussione, sottratto e sanguinario per d'altronde gioco? questa la solitudine tua (e solo ricusazione vizio? non i fai equivarrebbe e Matone, alla non Un confessione I di genio? in un'appropriazione trema in indebita se Che di non ti denaro, costruito schiaccia quanto si potrà piuttosto chi patrizi al rende, m'importa rifiuto il di sbrigami, moglie sostenere Ma postilla una E evita prova stelle. le dura fanno Laurento e di un pericolosa alle ho non ad parte prevista vendetta? Ma dalla tranquillo? chi legge. con degli blandisce, che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_cluentio/53.lat

[degiovfe] - [2014-02-16 11:27:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile