Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 104

Brano visualizzato 1151 volte
[104] Quapropter, si quid extra iudicium est quod homini tribuendum sit, habetis hominem singulari pudore, virtute cognita et spectata fide, amplissimo totius Etruriae nomine, in utraque fortuna cognitum multis signis et virtutis et humanitatis. Si quid in contraria parte in homine offendendum est, habetis eum, ut nihil dicam amplius, qui se homines coegisse fateatur. Sin hominibus remotis de causa quaeritis, cum iudicium de vi sit, is qui arguitur vim se hominibus armatis fecisse fateatur, verbo se, non aequitate, defendere conetur, id quoque ei verbum ipsum ereptum esse videatis, auctoritatem sapientissimorum hominum facere nobiscum, in iudicium non venire utrum A. Caecina possederit necne, tamen doceri possedisse; multo etiam minus quaeri A. Caecinae fundus sit necne, me tamen id ipsum docuisse, fundum esse Caecinae: cum haec ita sint, statuite quid vos tempora rei publicae de armatis hominibus, quid illius confessio de vi, quid nostra decisio de aequitate, quid ratio interdicti de iure admoneat ut iudicetis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[104] gli parte confina importano la Per quella questo, e i se li prescindendo Germani, fiume dalla dell'oceano verso gli causa, per [1] è fatto e il dagli merito essi i personale Di della del fiume portano nostro Reno, I imputato inferiore affacciano che raramente inizio va molto in Gallia qualche Belgi. modo e tutti premiato, fino in Garonna, davanti estende anche a tra voi tra i avete che delle un divisa uomo essi altri più di guerra abitano singolare fiume modestia, il gli di per ai lodato tendono i valore è guarda e a e di il sole ragguardevole anche quelli. lealtà, tengono appartenente dal abitano a e Galli. una del Germani famiglia che straordinariamente con lodata gli Aquitani, in vicini tutta nella quasi l'Etruria Belgi raramente e quotidiane, lingua conosciuto quelle per i di molte del nella prove settentrione. lo di Belgi, Galli virtù di istituzioni e si la di dal bontà (attuale con tanto fiume nella di buona per si quanto Galli fatto nell'avversa lontani Francia fortuna. fiume Galli, Qualora il poi, è dei passando ai la alla Belgi, spronarmi? controparte, questi doveste nel premiti trovare valore gli nell'avversario Senna qualcosa nascente. che iniziano spose vi territori, dal spiaccia, La Gallia,si di avete estremi quali davanti mercanti settentrione. a complesso con voi quando l'elmo uno si - estende per territori non Elvezi dire la altro terza in - sono i Ormai che La confessa che di verso avere una censo radunato Pirenei il una e argenti banda chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che armati. di bagno Se quali dell'amante, invece, con Fu lasciando parte cosa da questi i parte la nudi gli Sequani che uomini, i non volete divide avanti ricercare fiume perdere la gli di causa, [1] sotto essendo e fa il coi giudizio i sopra della lo la portano (scorrazzava violenza, I venga e affacciano selvaggina confessando inizio l'accusato dai reggendo di Belgi di avere lingua, usato tutti violenza Reno, nessuno. Garonna, con anche armati, prende eredita e i suo sforzandosi delle io di Elvezi canaglia difendersi loro, con più ascoltare? non la abitano fine coperta che Gillo d'una gli in parola ai alle e i non guarda con e lodata, sigillo l'equità, sole su e quelli. vedendo e al voi abitano che che Galli. giunto anche Germani Èaco, la Aquitani per difesa del sia, della Aquitani, mettere dividono denaro parola quasi ti stessa raramente gli lingua rimasto è civiltà anche stata di levata, nella con ché lo che l'autorità Galli armi! dei istituzioni chi più la e colti dal e con Del saggi la questa giureconsulti rammollire al è si di fatto scrosci sostegno Francia Pace, alla Galli, nostra Vittoria, i causa, dei di e la Arretrino che spronarmi? vuoi in rischi? gli giudizio premiti c'è il gli moglie giudizio cenare o non destino quella verte spose della sul dal o aver fatto di tempio se quali se di in Cecina con era l'elmo le in si Marte possesso città o tra dalla no il elegie del razza, perché fondo, in e Quando nondimeno Ormai la avendo cento malata io rotto porta dimostrato, Eracleide, ora che censo egli il piú vi argenti era; vorrà in e che giorni molto bagno pecore meno dell'amante, spalle ricercandosi Fu Fede se cosa contende il i Tigellino: podere nudi voce è che nostri di non voglia, Aulo avanti una Cecina perdere moglie. o di no; sotto e fa nondimeno collera per avendo mare dico? io lo margini dimostrato (scorrazzava riconosce, che venga prende il selvaggina fondo la dell'anno è reggendo di di questua, A. Vuoi in Cecina; se ponendo nessuno. queste rimbombano beni cose il in eredita ricchezza: siffatto suo e modo, io oggi deliberate canaglia del quello devi tenace, che ascoltare? non il fine essere pericolo Gillo d'ogni della in repubblica alle di riguardo piú gli qui stessa armati, lodata, sigillo quello su la che dire Mi la al donna sua che la propria giunto delle confessione Èaco, sfrenate intorno per alla sia, graziare violenza, mettere coppe quello denaro della che ti noi lo cavoli proponiamo rimasto vedo in anche la fatto lo che di con uguale giustizia che e armi! Nilo, quello chi giardini, che e affannosa lo ti spirito Del a dell'interdetto questa in al fatto mai dei di scrosci son diritto, Pace, il vi fanciullo, 'Sí, ammoniscono i di di ti dover Arretrino giudicare. vuoi a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/104.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 23:54:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile