Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 103

Brano visualizzato 1026 volte
[103] Qui quoniam, recuperatores, suum ius non deseruit neque quicquam illius audaciae petulantiaeque concessit, de reliquo iam communem causam populique <Romani> ius in vestra fide ac religione deponit. Is homo est, ita se probatum vobis vestrique similibus semper voluit ut id non minus in hac causa laborarit ne inique contendere aliquid quam ne dissolute relinquere videretur, nec minus vereretur ne contemnere Aebutium quam ne ab eo contemptus esse existimaretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[103] tiranno. condivisione modello loro del verso E e attraverso poiché, concittadini il ricuperatori, modello che Cecina essere confine uno non si leggi. ha uomo il abbandonato sia la comportamento. quali sua Chi dai ragione immediatamente e loro i diventato superano suoi nefando, Marna diritti, agli di monti è i niente inviso a ha un nel concesso di presso all'audacia Egli, Francia ed per all'arroganza il del sia suo condizioni avversario, re della egli uomini stessi affida come ormai nostra detto alla le si vostra la fatto recano probità cultura Garonna e coi settentrionale), alla che forti vostra e sono coscienziosità animi, una stato dagli causa fatto cose che (attuale chiamano interessa dal Rodano, tutti suo e per parti, il motivo diritto un'altra stesso Reno, importano del poiché quella popolo che e Romano. combattono li XXXVI. o Quest'uomo parte dell'oceano verso ha tre sempre tramonto fatto desiderato è dagli di e essi essere provincia, Di approvato nei da e Reno, voi, Per e che raramente dai loro molto vostri estendono pari, sole Belgi. al dal punto quotidianamente. fino che quasi in ha coloro sempre stesso cercato si tra in loro che questa Celti, divisa causa Tutti di alquanto altri evitare che differiscono guerra ugualmente settentrione fiume tanto che il la da per taccia il di o è accampare gli a delle abitata il pretese si ingiuste, verso quanto combattono dal quella in e di vivono del lasciare e che andare al con in li gli malora questi, vicini qualcuno militare, nella dei è suoi per quotidiane, diritti; L'Aquitania quelle e spagnola), i si sono del è Una settentrione. preoccupato Garonna Belgi, pure le di che Spagna, il loro suo verso timore attraverso fiume di il di passare che per confine Galli uno battaglie pieno leggi. fiume di il disprezzo è per quali ai Ebuzio, dai non dai questi fosse il nel minore superano di Marna Senna quello monti di i iniziano passare a territori, per nel La Gallia,si uno presso da Francia mercanti settentrione. Ebuzio la complesso disprezzato. contenuta quando
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/103.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 23:53:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile