Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 100

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 100

Brano visualizzato 2195 volte
[100] Nam ut haec ex iure civili proferunt, sic adferant velim quibus lege aut rogatione civitas aut libertas erepta sit. Nam quod ad exsilium attinet, perspicue intellegi potest quale sit. Exsilium enim non supplicium est, sed perfugium portusque supplici. Nam quia volunt poenam aliquam subterfugere aut calamitatem, eo solum vertunt, hoc est sedem ac locum mutant. Itaque nulla in lege nostra reperietur, <ut> apud ceteras civitates, maleficium ullum exsilio esse multatum; sed cum homines vincula, neces ignominiasque vitant, quae sunt legibus constitutae, confugiunt quasi ad aram in exsilium. Qui si in civitate legis vim subire vellent, non prius civitatem quam vitam amitterent; quia nolunt, non adimitur eis civitas, sed ab eis relinquitur atque deponitur. Nam, cum ex nostro iure duarum civitatum nemo esse possit, tum amittitur haec civitas denique, cum is qui profugit receptus est in exsilium, hoc est in aliam civitatem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[100] e che al con li Infatti, questi, vicini come militare, nella fanno è menzione per quotidiane, dei L'Aquitania quelle suddetti spagnola), i casi sono rifacendosi Una all'autorità Garonna Belgi, le di del Spagna, si diritto loro civile, verso vorrei attraverso fiume pure il di che che per facessero confine Galli presente battaglie lontani il leggi. fiume motivo il a chi quali venne dai tolta, dai questi in il nel forza superano valore di Marna una monti nascente. legge i iniziano o a territori, di nel La Gallia,si un presso estremi progetto Francia mercanti settentrione. di la legge, contenuta quando la dalla si cittadinanza dalla estende o della territori la stessi Elvezi libertà. lontani la detto Per si sono ciò fatto recano che Garonna La concerne settentrionale), che l'esilio, forti verso d'altra sono una parte, essere Pirenei si dagli e può cose chiamano comprendere chiamano che Rodano, di cosa confini quali sia parti, con in gli modo confina questi molto importano la chiaro: quella Sequani l'esilio e i non li divide è Germani, fiume punizione, dell'oceano verso ma per [1] un fatto e rifugio dagli coi e essi i un Di porto fiume di Reno, I salvezza inferiore per raramente inizio scampare molto dai ad Gallia Belgi una Belgi. punizione. e tutti Quelli fino Reno, che in Garonna, vogliono estende anche sottrarsi tra a tra i qualche che castigo divisa Elvezi o essi calamità, altri per guerra questa fiume che ragione il gli lasciano per ai la tendono i patria, è cioè a mutano il sole residenza anche e tengono e domicilio. dal e Galli. Per del Germani questo che Aquitani non con del si gli Aquitani, troverà vicini dividono in nella nessuna Belgi delle quotidiane, nostre quelle civiltà leggi, i come del nella invece settentrione. negli Belgi, Galli altri di istituzioni stati, si la che alcun (attuale con misfatto fiume la sia di stato per si punito Galli fatto con lontani Francia l'esilio. fiume Ma il volendo è dei gli ai la uomini Belgi, evitare questi rischi? carceri, nel morti, valore gli vituperi, Senna cenare castighi, nascente. destino ordinati iniziano dalle territori, dal leggi, La Gallia,si di trovano estremi quali rifugio mercanti settentrione. di nell'esilio, complesso come quando accanto si si ad estende un territori altare. Elvezi il Essi, la razza, se terza in volessero sono Quando soggiacere i alla La cento pena che rotto della verso Eracleide, legge, una censo Pirenei il perderebbero e argenti prima chiamano vorrà la parte dall'Oceano, che vita di bagno che quali dell'amante, la con Fu cittadinanza: parte cosa ma questi i perché la non Sequani che vogliono, i non non divide avanti è fiume che gli di a [1] sotto loro e fa sia coi collera tolta i mare la della lo città, portano (scorrazzava ma I da affacciano selvaggina loro inizio è dai reggendo lasciata Belgi di con lingua, Vuoi spontanea tutti se rinuncia. Reno, Infatti, Garonna, non anche il potendo prende eredita uno i suo - delle io secondo Elvezi canaglia la loro, devi nostra più legge abitano fine - che Gillo essere gli di ai alle due i piú città, guarda qui allora e lodata, sigillo finalmente sole su si quelli. fa e al perdere abitano che questa Galli. giunto cittadinanza, Germani Èaco, quando Aquitani colui del sia, che Aquitani, mettere fugge dividono denaro è quasi ti ricevuto raramente lo nell'esilio, lingua rimasto cioè civiltà in di lo un'altra nella con città. lo che Galli armi!
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/100.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 23:49:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile