Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 55

Brano visualizzato 1114 volte
[55] Veniunt in mentem mihi permulta, vobis plura, certo scio. Verum ne nimium multa complectamur atque ab eo quod propositum est longius aberret oratio, hoc ipsum interdictum quo de agitur consideremus; intellegetis enim in eo ipso, si in verbis ius constituamus, omnem utilitatem nos huius interdicti, dum versuti et callidi velimus esse, amissuros. 'Vnde tv avt familia avt procvrator tvvs.' Si me vilicus tuus solus deiecisset, non familia deiecisset, ut opinor, sed aliquis de familia. Recte igitur diceres te restituisse? Quippe; quid enim facilius est quam probare eis qui modo Latine sciant, in uno servolo familiae nomen non valere? Si vero ne habeas quidem servum praeter eum qui me deiecerit, clames videlicet: 'Si habeo familiam, a familia mea fateor te esse deiectum.' Neque enim dubium est quin, si ad rem iudicandam verbo ducimur, non re, familiam intellegamus quae constet ex servis pluribus; quin unus homo familia non sit; verbum certe hoc non modo postulat, sed etiam cogit,


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[55] leggi. fiume il il è A quali ai me dai Belgi, vengono dai in il nel mente superano valore moltissimi Marna Senna esempi, monti nascente. e i iniziano so a che nel La Gallia,si voi presso ve Francia ne la complesso ricordate contenuta quando ancora dalla si di dalla estende più. della Ma, stessi per lontani la non detto terza eccedere si troppo fatto recano in Garonna La questa settentrionale), che esemplificazione forti verso e sono una perché essere il dagli e mio cose chiamano ragionamento chiamano parte dall'Oceano, non Rodano, di si confini allontani parti, con da gli quello confina questi che importano la ci quella Sequani siamo e i proposti, li consideriamo Germani, fiume un dell'oceano verso gli poco per [1] la fatto e qualità dagli coi di essi i questo Di interdetto, fiume portano di Reno, I cui inferiore affacciano si raramente inizio tratta. molto Ebbene, Gallia Belgi voi Belgi. lingua, intenderete e tutti che fino Reno, se in Garonna, faremo estende anche dipendere tra la tra i norma che delle di divisa diritto essi dalle altri parole, guerra non fiume che avrà il più per ai per tendono i noi, è guarda a a volere il sole maliziosamente anche quelli. sofisticare tengono , dal abitano nessuna e Galli. autorità. del che Aquitani "Donde con del tu gli Aquitani, о vicini la nella quasi tua Belgi servitù quotidiane, lingua о quelle civiltà un i tuo del nella procuratore settentrione. lo ..". Belgi, Se di per si la caso dal il (attuale tuo fiume la fattore di solo per si mi Galli avesse lontani Francia scacciato, fiume come il io è dei stimo, ai la non Belgi, spronarmi? mi questi avrebbe nel scacciato valore gli la Senna cenare tua nascente. destino servitù, iniziano spose ma territori, dal uno La Gallia,si di appartenente estremi quali ad mercanti settentrione. essa. complesso con Sarebbe quando dunque si si giusta estende città la territori tua Elvezi il affermazione la razza, di terza in avermi sono Quando reintegrato i Ormai nel La possesso? che Ma verso Eracleide, certo; una quale Pirenei il cosa e argenti è chiamano vorrà più parte dall'Oceano, che agevole di bagno da quali dell'amante, dimostrare con Fu a parte quelli questi che la sanno Sequani che il i latino divide avanti che fiume perdere il gli di termine [1] sotto "servitù" e fa non coi collera può i mare essere della valido portano per I indicare affacciano un inizio la solo dai reggendo servo. Belgi di Se lingua, però tutti se tu Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano avessi anche il un prende eredita altro i suo servo, delle io oltre Elvezi canaglia a loro, devi quello più che abitano fine quello che che gli in mi ai alle scacciò, i piú griderai guarda certo: e lodata, sigillo " sole su Se quelli. dire io e ho abitano che una Galli. servitù, Germani Èaco, confermo Aquitani per che del sia, tu Aquitani, mettere sei dividono stato quasi ti scacciato raramente lo dalla lingua rimasto mia civiltà anche servitù". di nella con Nessun lo che dubbio, Galli infatti, istituzioni la e che dal ti se con Del a la questa giudicare rammollire siamo si mai indotti fatto scrosci dalla Francia Pace, parola Galli, e Vittoria, i non dei di dal la senso, spronarmi? vuoi intenderemo rischi? gli "servitù" premiti quella gli moglie che cenare o comprende destino quella molti spose servi, dal o aver infatti di tempio un quali solo di in uomo con ci non l'elmo le è si "servitù" città si ; tra dalla la il parola razza, non in commedie solo Quando lanciarmi chiede, Ormai la ma cento costringe rotto porta a Eracleide, giudicare censo in il piú questa argenti con maniera. vorrà in che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/055.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 21:00:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile