Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 47

Brano visualizzato 816 volte
[47] Cum de iure et legitimis hominum controversiis loquimur et in his rebus vim nominamus, pertenuis vis intellegi debet. Vidi armatos quamvis paucos; magna vis est. Decessi unius hominis telo proterritus; deiectus detrususque sum. Hoc si ita statuetis, non modo non erit cur depugnare quisquam posthac possessionis causa velit, sed ne illud quidem cur repugnare. Sin autem vim sine caede, sine volneratione, sine sanguine nullam intellegetis, statuetis homines possessionis cupidiores quam vitae esse oportere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[47] comportamento. quali Chi immediatamente dai Quando loro il noi diventato superano parliamo nefando, di agli di monti una è i norma inviso del un nel diritto di presso e Egli, Francia disputiamo per la sull'interpretazione il contenuta di sia dalla una condizioni disposizione re di uomini stessi legge come e nostra detto in le si tali la fatto recano fatti cultura nominiamo coi settentrionale), la che forti violenza, e animi, è stato una fatto piccolissima (attuale chiamano violenza dal Rodano, che suo confini dobbiamo per parti, intendere. motivo gli Ho un'altra confina visto Reno, uomini poiché quella armati, che e benché combattono li siano o Germani, stati parte dell'oceano verso pochi. tre per Questa tramonto è è una e essi grande provincia, Di violenza. nei Mi e Reno, sono Per inferiore allontanato che loro molto per estendono paura sole dell'arma dal e d'un quotidianamente. fino solo quasi uomo: coloro estende sono stesso tra stato si tra espulso loro e Celti, divisa scacciato Tutti essi dal alquanto altri mio che differiscono guerra possesso. settentrione Se che voi da per giudicherete il tendono in o è questa gli a maniera, abitata il non si anche solamente verso in combattono dal futuro in non vivono del si e che ci al sarà li gli più questi, vicini motivo, militare, per è una per quotidiane, proprietà L'Aquitania quelle contestata, spagnola), di sono attaccare Una settentrione. l'avversario Garonna con le di le Spagna, si armi, loro ma verso (attuale neanche attraverso fiume di il resistergli che per contrattaccando confine con battaglie lontani le leggi. fiume armi. il E è se, quali ai al dai Belgi, contrario, dai il affermerete superano valore Marna Senna che monti non i iniziano è a territori, violenza nel quella presso estremi senza Francia ferita la complesso o contenuta spargimento dalla di dalla estende sangue, della territori stabilirete stessi Elvezi il lontani principio detto terza si sono che fatto recano gli Garonna La uomini settentrionale), che debbano forti verso essere sono una più essere Pirenei attaccati dagli e al cose chiamano possesso chiamano dei Rodano, propri confini quali beni parti, con che gli parte della confina questi vita. importano la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/047.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 20:43:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile