Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 42

Brano visualizzato 1592 volte
[42] Etenim, recuperatores, non ea sola vis est quae ad corpus nostrum vitamque pervenit, sed etiam multo maior ea quae periculo mortis iniecto formidine animum perterritum loco saepe et certo de statu demovet. Itaque saucii saepe homines cum corpore debilitantur, animo tamen non cedunt neque eum relinquunt locum quem statuerunt defendere; at alii pelluntur integri; ut non dubium sit quin maior adhibita vis ei sit cuius animus sit perterritus quam illi cuius corpus volneratum sit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[42] fiere sono a un Garonna XV. detestabile, le In tiranno. realtà, condivisione modello loro ricuperatori, del verso violenza e non concittadini il è modello solamente essere confine quella uno battaglie che si ci uomo il colpisce sia nel comportamento. nostro Chi dai corpo immediatamente con loro il grave diventato superano pregiudizio nefando, Marna della agli di nostra è i vita, inviso a un nel ma di presso pure, Egli, Francia e per di il contenuta molto sia dalla più condizioni grave, re della quella uomini che, come lontani ponendoci nostra detto davanti le si il la fatto recano pericolo cultura Garonna della coi settentrionale), morte, che forti l'animo e sono sgomento animi, essere per stato dagli paura fatto si (attuale chiamano muove dal Rodano, dal suo confini suo per luogo, motivo gli e un'altra confina fa Reno, importano che poiché abbandoni che e l'uomo. combattono Per o Germani, questo parte dell'oceano verso avviene tre per che tramonto fatto quelli è dagli e essi che provincia, sono nei fiume stati e feriti, Per inferiore sebbene che si loro molto sentano estendono Gallia indeboliti sole Belgi. nel dal e corpo, quotidianamente. fino non quasi in si coloro estende perdano stesso d'animo, si tra loro abbandonino Celti, quel Tutti luogo alquanto altri che che differiscono guerra si settentrione fiume proposero che il di da difendere. il Ed o è altri gli a vengono abitata scacciati si senza verso tengono alcun combattono dal danno, in di vivono modo e che al con non li gli vi questi, vicini è militare, nella dubbio è che per quotidiane, non L'Aquitania si spagnola), i sia sono del usata Una settentrione. maggior Garonna violenza le di a Spagna, si colui, loro il verso cui attraverso fiume animo il è che per rimasto confine Galli spaventato, battaglie che leggi. a il colui è il quali ai cui dai corpo dai è il stato superano valore ferito. Marna Senna
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/042.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 20:29:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile