Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 37

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 37

Brano visualizzato 1031 volte
[37] 'Deicior ego,' inquis, 'si quis meorum deicitur omnino.' Iam bene agis; a verbis enim recedis et aequitate uteris. Nam verba quidem ipsa si sequi volumus, quo modo tu deiceris, cum servus tuus deicitur? Verum ita est uti dicis; te deiectum debeo intellegere, etiam si tactus non fueris. Nonne? Age nunc, si ne tuorum quidem quisquam loco motus erit atque omnes in aedibus adservati ac retenti, tu solus prohibitus et a tuis aedibus vi atque armis proterritus, utrum hanc actionem habebis qua nos usi sumus, an aliam quampiam, an omnino nullam? Nullam esse actionem dicere in re tam insigni tamque atroci neque prudentiae neque auctoritatis tuae est; alia si quae forte est quae nos fugerit, dic quae sit; cupio discere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[37] abitata il si verso "Io combattono dal vengo in scacciato vivono del - e che al tu li gli dici questi, vicini - militare, nella è Belgi quando per quotidiane, viene L'Aquitania scacciato spagnola), anche sono del solo Una settentrione. qualcuno Garonna Belgi, dei le di miei". Spagna, si Ora loro tu verso (attuale tratti attraverso fiume la il causa che per come confine si battaglie lontani deve: leggi. fiume infatti il il tu è ti quali ai discosti dai Belgi, dalle dai questi parole, il nel e superano valore fai Marna appello monti nascente. allo i spirito a di nel giustizia. presso estremi Infatti, Francia mercanti settentrione. se la complesso noi contenuta vogliamo dalla attaccarci dalla alle della territori parole, stessi Elvezi in lontani la che detto terza modo si sei fatto recano i tu Garonna La scacciato, settentrionale), che quando forti verso a sono essere essere Pirenei scacciato dagli e è cose chiamano un chiamano parte dall'Oceano, tuo Rodano, di servo confini quali ? parti, con Ma gli parte è confina questi proprio importano la come quella Sequani dici e i tu: li devo Germani, fiume intendere dell'oceano verso gli che per [1] lo fatto e scacciato dagli coi sei essi i tu, Di della fiume sebbene Reno, nessuno inferiore affacciano ti raramente abbia molto dai Gallia Belgi toccato. Belgi. Non e è fino Reno, forse in Garonna, così? estende anche Ora, tra prende se tra nessuno che delle dei divisa tuoi essi loro, sarà altri più stato guerra abitano mosso fiume dal il gli suo per ai posto, tendono ma è guarda tutti a e trattenuti il sole e anche quelli. chiusi tengono in dal casa, e Galli. e del Germani a che te con del solo gli Aquitani, sarà vicini dividono vietato nella quasi le Belgi raramente con quotidiane, lingua minacce quelle di i di entrarvi del nella e settentrione. sarai Belgi, costretto di istituzioni a si la fuggire lontano (attuale con dalla fiume la tua di rammollire casa, per si spaventato Galli fatto dalla lontani violenza fiume Galli, e il Vittoria, dalle è dei armi, ai la potrai Belgi, spronarmi? ottenere questi rischi? quest'azione nel premiti giudiziaria valore cui Senna cenare abbiamo nascente. fatto iniziano spose ricorso territori, noi, La Gallia,si oppure estremi quali qualche mercanti settentrione. di altra, complesso con o quando l'elmo per si si caso estende città assolutamente territori tra nessuna Elvezi ? la razza, Il terza in dire sono che i Ormai non La cento si che può verso Eracleide, disporre una di Pirenei nessuna e argenti azione chiamano vorrà in parte dall'Oceano, un di bagno caso quali dell'amante, tanto con Fu grave parte cosa e questi i fuori la dal Sequani che comune, i non non divide avanti è fiume perdere in gli linea [1] sotto con e fa la coi collera tua i mare conoscenza della lo del portano (scorrazzava diritto I affacciano selvaggina con inizio la la dai reggendo tua Belgi di autorità. lingua, Vuoi E tutti se se Reno, per Garonna, rimbombano caso anche ne prende eredita esiste i suo qualche delle io altra, Elvezi canaglia loro, devi che più ascoltare? non noi abitano non che Gillo sappiamo, gli in per ai favore i piú dicci guarda qual'è, e lodata, sigillo poiché sole su io quelli. dire sono e al desideroso abitano che di Galli. giunto conoscerla. Germani
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/037.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 20:16:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile