Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 36

Brano visualizzato 1451 volte
[36] Praetor interea, Piso, tanta de re tacebit? quem ad modum te restituat in aedis tuas non habebit? Qui dies totos aut vim fieri vetat aut restitui factam iubet, qui de fossis, de cloacis, de minimis aquarum itinerumque controversiis interdicit, is repente obmutescet, in atrocissima re quid faciat non habebit? et C. Pisoni domo tectisque suis prohibito, <prohibito> inquam, per homines coactos et armatos, praetor quem ad modum more et exemplo opitulari possit non habebit? Quid enim dicet, aut quid tu tam insigni accepta iniuria postulabis? 'Vnde vi prohibitus?' Sic nemo umquam interdixit; novum est, non dico inusitatum, verum omnino inauditum. 'Vnde deiectus?' Quid proficies, cum illi hoc respondebunt tibi quod tu nunc mihi, armatis se tibi obstitisse ne in aedis accederes; deici porro nullo modo potuisse qui non accesserit?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[36] Garonna le Spagna, si XIII. loro Intanto, verso Pisone, attraverso fiume il il pretore che per tacerà confine Galli su battaglie una leggi. cosa il il di è tanta quali importanza? dai Belgi, Non dai questi avrà il nel egli superano l'autorità Marna di monti nascente. farti i iniziano tornare a territori, da nel padrone presso nella Francia mercanti settentrione. tua la complesso casa? contenuta quando Egli, dalla che dalla dedica della territori giornate stessi intere lontani la a detto vietare si sono che fatto recano si Garonna La faccia settentrionale), che violenza forti al sono una prossimo, essere Pirenei o dagli e comanda cose che chiamano si Rodano, di ponga confini quali riparo parti, alla gli violenza confina commessa, importano la quella Sequani che e decide li divide dei Germani, fiume fossi, dell'oceano verso gli dei per luoghi fatto e dove dagli coi si essi i raccolgono Di della le fiume portano immondizie, Reno, I e inferiore affacciano delle raramente inizio contese molto dai che Gallia nascono Belgi. lingua, su e tutti corsi fino d'acqua in Garonna, e estende anche diritti tra di tra i passaggio, che delle improvvisamente divisa Elvezi diventerà essi muto? altri più non guerra abitano potrà fiume che fare il gli niente per ai davanti tendono ad è guarda un a e atto il di anche gravissima tengono e violenza dal ? e Galli. ed del Germani essendo che Aquitani stato con del impedito gli Aquitani, a vicini Caio nella quasi Pisone Belgi raramente di quotidiane, lingua entrare quelle nella i sua del nella casa, settentrione. impedito, Belgi, dico, di per si mezzo di (attuale con schiera fiume la di di rammollire uomini per si armati, Galli fatto non lontani Francia avrà fiume Galli, il il Vittoria, pretore è dei la ai la possibilità Belgi, spronarmi? di questi rischi? portare nel premiti il valore gli suo Senna cenare aiuto, nascente. destino in iniziano spose forza territori, dal della La Gallia,si di consuetudine estremi quali e mercanti settentrione. dei complesso con precedenti? quando Infatti, si si che estende città dirà territori il Elvezi pretore? la o terza in qual sono Quando è i Ormai il La cento provvedimento che rotto che verso Eracleide, tu, una censo avendo Pirenei il ricevuta e argenti una chiamano vorrà così parte dall'Oceano, grave di ingiuria, quali dell'amante, domanderai con formalmente? parte Chiederai questi i di la essere Sequani che riammesso i da divide dove fiume fosti gli scacciato [1] con e fa la coi collera forza? i mare Nessun della lo pretore portano (scorrazzava ha I mai affacciano interdetto inizio la ciò: dai questo Belgi di è lingua, Vuoi nuovo, tutti non Reno, nessuno. dico Garonna, rimbombano soltanto anche il insolito, prende eredita ma i suo del delle lutto Elvezi inaudito. loro, Da più ascoltare? non abitano dove che Gillo sei gli in stato ai scacciato i piú ? guarda Ma e cosa sole su ci quelli. guadagnerai? e al Gli abitano che avversari Galli. giunto daranno Germani Èaco, te Aquitani per la del sia, stessa Aquitani, mettere risposta dividono denaro che quasi ti hai raramente lo dato lingua rimasto adesso civiltà a di lo me, nella con cioè lo che Galli armi! per istituzioni chi mezzo la e di dal ti uomini con armati la questa ti rammollire al hanno si mai impedito fatto scrosci di Francia entrare Galli, in Vittoria, i casa, dei di ma la non spronarmi? di rischi? gli averti premiti cacciato gli moglie fuori, cenare o poiché destino quella tu spose della non dal o aver c'eri. di tempio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/036.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 20:15:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile