Splash Latino - Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 35

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 35

Brano visualizzato 1454 volte
[35] Quoniam ita dicis et ita constituis, si Caecina, cum in fundo esset, inde deiectus esset, tum per hoc interdictum eum restitui oportuisse; nunc vero deiectum nullo modo esse inde ubi non fuerit; hoc interdicto nihil nos adsecutos esse: quaero, si te hodie domum tuam redeuntem coacti homines et armati non modo limine tectoque aedium tuarum sed primo aditu vestibuloque prohibuerint, quid acturus sis. Monet amicus meus te, L. Calpurnius, ut idem dicas quod ipse antea dixit, iniuriarum. Quid ad causam possessionis, quid ad restituendum eum quem oportet restitui, quid denique ad ius civile, aut ad praetoris notionem atque animadversionem? Ages iniuriarum. Plus tibi ego largiar; non solum egeris verum etiam condemnaris licet; num quid magis possidebis? actio enim iniuriarum non ius possessionis adsequitur sed dolorem imminutae libertatis iudicio poenaque mitigat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[35] loro verso (attuale attraverso fiume Quando il di tu che per così confine Galli dici battaglie lontani ed leggi. fiume ordini il la tua quali ai difesa dai Belgi, in dai questi questa il maniera: superano valore "Se Marna Senna Cecina monti nascente. fosse i stato a territori, espulso nel La Gallia,si dal presso estremi podere, Francia mercanti settentrione. quando la complesso vi contenuta si dalla si fosse dalla estende trovato, della territori allora stessi Elvezi in, lontani la forza detto terza di si sono questo fatto recano i interdetto, Garonna La sarebbe settentrionale), che stato forti verso necessario sono restituirlo; essere Pirenei ma dagli e non cose chiamano potendosi chiamano ora Rodano, dire confini quali che parti, con egli gli parte sia confina stato importano la espulso quella Sequani da e quel li divide luogo, Germani, dove dell'oceano verso gli non per [1] si fatto e trovava, dagli coi l'interdetto essi i a Di della noi fiume portano non Reno, I giova inferiore affacciano per raramente niente". molto dai Bene, Gallia Belgi io Belgi. ti e tutti rivolgo fino questa in domanda: estende " tra prende Se tra oggi, che quando divisa Elvezi ritorni essi a altri casa, guerra abitano un fiume gruppo il gli di per ai uomini tendono i armati è guarda non a e solo il sole ti anche vietasse tengono di dal abitano entrarvi, e ma del Germani di che Aquitani accostarti con del alla gli Aquitani, prima vicini dividono entrata nella quasi del Belgi tuo quotidiane, lingua cortile, quelle civiltà che i azione del intenteresti settentrione. lo ? Belgi, Ti di istituzioni avverte si Lucio dal Calpurnio, (attuale con mio fiume la amico, di rammollire che per tu Galli fatto dica lontani Francia quello fiume stesso, il che è è ai la già Belgi, spronarmi? stato questi detto nel premiti da valore gli lui: Senna cenare un'azione nascente. destino per iniziano spose danni. territori, Ma La Gallia,si di una estremi quali simile mercanti settentrione. di azione, complesso con cosa quando l'elmo avrebbe si si a estende città che territori tra fare Elvezi il la razza, con terza in una sono Quando vertenza i possessoria La cento e che rotto con verso Eracleide, la una reintegrazione Pirenei il nel e argenti possesso chiamano vorrà parte dall'Oceano, che di di bagno chi quali dell'amante, deve con Fu essere parte cosa reintegrato? questi i E la nudi finalmente Sequani che col i diritto divide avanti civile, fiume perdere o gli di col [1] diritto e fa della coi collera parte i lesa della a portano ottenere I venga un'inchiesta affacciano e inizio la far dai condannare Belgi di l'accusato? lingua, Intenterai tutti se l'azione Reno, nessuno. per Garonna, danni. anche prende Ti i suo voglio delle concedere Elvezi canaglia di loro, devi più: più ascoltare? non non abitano solamente che Gillo promuoverai gli l'azione, ai ma i piú ne guarda qui otterrai e lodata, sigillo la sole su condanna quelli. della e controparte: abitano che forse Galli. che Germani per Aquitani per questo del sia, possederai Aquitani, tu dividono di quasi ti più? raramente lo Poiché lingua l'azione civiltà anche per di danni nella con lo che non Galli armi! fa istituzioni ottenere la e il dal ti diritto con Del di la questa possesso rammollire ma, si quando fatto scrosci con Francia Pace, sentenza Galli, fanciullo, si Vittoria, i commina dei di la Arretrino la spronarmi? vuoi pena, rischi? gli premiti c'è mitiga gli moglie soltanto cenare o il destino dolore spose della provocato dal o aver dalla di tempio violazione quali lo della di propria con ci libertà l'elmo personale. si Marte città si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/035.lat

[degiovfe] - [2017-02-12 20:13:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile