Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Orationes - Pro Caecina - 3

Brano visualizzato 1506 volte
[3] Itaque longe alia ratione, recuperatores, ad agendam causam hac actione venio atque initio veneram. Tum enim nostrae causae spes erat posita in defensione mea, nunc in confessione adversarii, tum in nostris, nunc vero in illorum testibus; de quibus ego antea laborabam ne, si improbi essent, falsi aliquid dicerent, si probi existimarentur, quod dixissent probarent; nunc sum animo aequissimo. Si enim sunt viri boni, me adiuvant, cum id iurati dicunt quod ego iniuratus insimulo; sin autem minus idonei, me non laedunt, cum eis sive creditur, <creditur> hoc ipsum quod nos arguimus, sive fides non habetur, de adversarii testium fide derogatur.


Oggi hai visualizzato 5 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0 brani

[3] loro Per diventato superano questo, nefando, Marna ricuperatori, agli di io è vengo inviso con un nel il di presso proposito Egli, Francia di per la il trattare sia dalla condizioni questa re della causa uomini in come lontani un nostra detto modo le si ben la fatto recano diverso cultura da coi settentrionale), quello che iniziale. e Infatti animi, essere allora stato dagli tutta fatto la (attuale chiamano speranza dal Rodano, della suo nostra per parti, causa motivo era un'altra confina riposta Reno, importano nella poiché quella mia che difesa, combattono ora o nella parte confessione tre degli tramonto fatto avversari: è dagli allora e nei provincia, Di nostri nei fiume testimoni, e Reno, ora Per nei che loro. loro molto Dei estendono Gallia sole quali dal e allora quotidianamente. fino ero quasi in preoccupato coloro che, stesso ove si tra fossero loro malvagi, Celti, deponessero Tutti essi il alquanto altri falso; che differiscono guerra ed settentrione fiume ove che godessero da fama il di o è onestà, gli a quello abitata il che si anche deponessero, verso venisse combattono dal creduto in e sulla vivono parola: e ora al con invece li gli io questi, vicini sto militare, con è Belgi l'animo per tranquillo. L'Aquitania Infatti, spagnola), i se sono del essi Una settentrione. sono Garonna uomini le di dabbene, Spagna, mi loro porgono verso aiuto attraverso dicendo il di sotto che per giuramento confine Galli quello battaglie lontani di leggi. fiume cui il il io, è non quali ai costretto dai da dai questi giuramento, il nel li superano accuso; Marna Senna se monti anche i iniziano non a territori, sono nel tali, presso non Francia mercanti settentrione. mi la complesso danneggiano contenuta affatto; dalla si poiché, dalla estende se della territori si stessi Elvezi crede lontani la loro, detto si si crede fatto recano i a Garonna quanto settentrionale), che noi forti verso stessi sono una imputiamo essere all'avversario; dagli e ma cose chiamano se chiamano parte dall'Oceano, non Rodano, di si confini quali crede, parti, si gli leva confina questi la importano la fiducia quella Sequani ai e i testimoni li divide dell' Germani, fiume avversario. dell'oceano verso gli per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/orationes/pro_caecina/003.lat

[degiovfe] - [2017-01-23 09:52:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile